Convegno

Salvare e rilanciare l’accoglienza in Italia dopo il D.L. 113/2018

Firenze, 29 marzo 2019 - ore 15
Palazzo di Giustizia - Aula 30
 
 
Presiede
Emilio Sirianni
Presidente sezione lavoro – Corte d’Appello di Catanzaro
 
Coordina
Chiara Favilli
Università di Firenze
 
 
Ore 14.30
Registrazione dei partecipanti

Ore 15.00
Apertura dei lavori e introduzione
 

Interventi

Anna Brambilla
Avvocato foro di Milano
L’accesso al territorio e al sistema d’asilo: un’accoglienza selettiva?
 
Daniela Di Capua
Direttore servizio centrale
Lo SPRAR alla luce della Legge n. 132/2018
 
Oliviero Forti
Responsabile Politiche Migratorie e Protezione Internazionale, Caritas italiana
Il ruolo suppletivo delle associazioni a seguito dell’abrogazione del permesso di soggiorno per motivi umanitari
 
Paola Miraglia
Responsabile associazione culturale del Bangladesh
Limiti e potenzialità nell’accoglienza in un CAS
 
Paolo Fasano
Dirigente servizio stranieri Comune di Ravenna
È possibile progettare una politica di accoglienza a livello locale?
 
Annalisa Camilli
Giornalista Internazionale
La transizione verso il “nuovo” sistema d’accoglienza
 
Vittorio Bugli
Assessore alle politiche sociali della Regione Toscana
Esiste ancora un modello toscano di accoglienza?
 
Conclude
Luciana Breggia
Presidente sezione immigrazione, Tribunale di Firenze

Informazioni generali

 

Sede del Corso

Aula n. 30 Nuovo Palazzo di Giustizia in Viale A. Guidoni, 61 – Firenze.

 

Modalità di iscrizione

La partecipazione è gratuita. Per iscriversi scrivere a: accoglienza29marzo@gmail.com entro il 28 marzo 2019. Per gli avvocati verranno accettate esclusivamente le richieste ricevute telematicamente attraverso l’area riservata Sfera alla quale si potrà accedere dal link presente sulla pagina dell’evento pubblicato sul sito www.fondazioneforensefirenze.it.

Termine cancellazioni

Si invita a dare notizia di eventuali disdette della partecipazione (attraverso l’area Sfera) entro le ore 19.00 del giorno precedente all’incontro (oltre tale termine è ammessa la comuniazione a mezzo mail all’indirizzo della segreteria organizzativa) per consentire l’ammissione dei colleghi esclusi segnalando che a mancata partecipazione, per 2 volte nel semestre solare e senza che sia stata effettuata la cancellazione, consegue l’impossibilità di iscriversi ad eventi Formativi gratuiti per i 6 mesi successivi dall’ultimo degli eventi disertati.

Attestato di frequenza

Non è previsto il rilascio di alcun attestato posto che potranno verificare la propria situazione crediti aggiornata direttamente dal proprio profilo Sfera.

Crediti formativi

Ai sensi dell’art. 20, comma 2, lettera a) del vigente Regolamento per la formazione continua approvato dal CNF il 16/07/2014 e modificato con delibera del 30/07/2015, per la partecipazione all’evento è stata proposta l’attribuzione di n. 4 crediti formativi in materia non obbligatoria.

L’evento è in corso di accreditamento e quindi la concessione dei crediti è subordinata alla delibera della Commissione Consiliare competente.

Si ricorda che ai sensi dell’art. 20, comma 5 dello stesso regolamento, per la partecipazione agli eventi della durata di una  mezza giornata i crediti formativi verranno riconosciuti solo qualora risulti documentata la partecipzione dell’iscritto all’intero evento.

Modalità di accreditamento

Ricordiamo inoltre che non sarà più possibile l'accreditamento per tutti coloro sprovvisti del tesserino contactless.

 

9 marzo 2019
Ultimi articoli
Immigrazione

Dichiarazione di Medel (Magistrats européens pour la démocratie et les libertés) sulle attività di soccorso in mare e il decreto sicurezza-bis

Di fronte alle scelte degli stati membri che sono in aperto conflitto con i valori sui quali l’Unione si fonda, l’Europa deve rimanere fedele alla sua storia e alla sua identità e adottare con urgenza una politica in materia di immigrazione per garantire la  tutela effettiva dei diritti di tutte le persone, che rappresenta un  limite invalicabile per  tutti i governi e i legislatori nazionali
Rassegna

«Il diritto alla vita vale meno di un ordine al governo»

«Il decreto sicurezza bis trascina il nostro Paese in un mondo capovolto rispetto al progetto costituzionale democratico dell’Italia repubblicana», dice il presidente di Magistratura democratica Riccardo De Vito.
(Il Manifesto, 7 agosto 2019)
Rassegna

«Csm, il sorteggio non può garantire il pluralismo»

di Giulia Marzia Locati
Pubblicato da il Fatto Quotidiano del 12 luglio 2019
Rassegna

«Ma il sorteggio mortifica il Csm»

Lettera di Mariarosaria Guglielmi al direttore de la Repubblica
Rassegna

Lo scandalo al Csm e le buone ragioni dell’associazionismo dei magistrati

di Gaetano Azzariti
Pubblichiamo articolo tratto dal il manifesto del 21 giugno 2019
In ricordo

L’attualità dell’insegnamento e della testimonianza di Salvatore Senese

di Edmondo Bruti Liberati
In tutte le sue diverse esperienze di “magistrato impegnato” ha mostrato come la fermezza sui valori e sulle idee debba unirsi all’ascolto e al confronto rifuggendo sempre da ogni settarismo