Referendum

Le ragioni del NO della CGIL

Iniziativa pubblica il 26 ottobre a Roma

La CdLT Cgil Civitavecchia Roma Nord Viterbo ha organizzato una iniziativa pubblica che si terrà il 26 ottobre, alle ore 15, presso la "Sala Fredda" di via Buonarroti 12, per far conoscere le motivazioni della CGIL per il NO al referendum del 4 dicembre.

Parteciperanno alla discussione Carlo De Chiara, presidente di Magistratura democratica e Paolo Bellini, docente di Filosofia politica presso l'Università di Insubris "Varese-Como".

Alleghiamo la comunicazione dell'iniziativa e il verbale dell'Assemblea della CGIL nazionale sulla discussione che ha portato all'indicazione agli iscritti per votare NO al referendum costituzionale.

(24/10/2016)


ALLEGATI

26 ottobre 2016
Ultimi articoli
27 gennaio, Giornata internazionale della Memoria .

Md, il ricordo del passato per capire il presente

Come ogni anno, da quando fu indetta dall’Assemblea Generale dell’Onu il 1° novembre del 2005, si tiene il 27 gennaio la giornata internazionale della Memoria dedicata al ricordo dell’Olocausto
1
Minori stranieri non accompagnati.

I giudici scendono in campo: «Sono ragazzi da tutelare»

Intervista a Carlo Sorgi, segretario di Md per l’Emilia-Romagna (La Repubblica-Bologna, 14 dicembre 2018)
1
70° anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani.

Turchia, l’appello in difesa dei diritti e dello Stato di diritto *

Per la Platform for an Independent Judiciary in Turkey, arresti, detenzioni arbitrarie e il diniego di un processo equo da parte di corti indipendenti e imparziali sono un fatto costante
1
Rassegna.

Nel nome dell’interesse dello Stato si fa a pezzi il principio di non colpevolezza

Intervista a Riccardo De Vito, presidente di Md (Il Manifesto, 7 novembre 2018)
1
Intervento.

Il ruolo della magistratura nella difesa delle garanzie

di Mariarosaria Guglielmi
Il garantismo: esigenza della giurisdizione, fondamento della sua indipendenza
1
Minori.

Prime riflessioni sul Ddl Pillon

di Giulia Marzia Locati
Dal superiore interesse del minore ad una visione adulto centrica delle relazioni familiari
1