Lo spettacolo: Toghe rosso sange

ROMA - Sarà in scena a Roma, dal 6 al 18 dicembre, al Teatro Casa delle Culture, lo spettacolo "Toghe Rosso Sangue", scritto dall'avvocato Giacomo Carbone ed ispirato all'omonimo libro del giornalista Paride Leporace. Le rappresentazioni sono in programma alle 21.30, Via Crisogono n.45. "Il testo teatrale", spiega Carbone, "narra della storia di tutti i giudici uccisi nel nostro Paese durante la Prima Repubblica (27 tra il 1969 e il 1994)".

Sei le vicende principali sulle quali si sofferma lo spettacolo. "Quella del Giudice Pianta", spiega l'autore dell'adattamento teatrale, "ucciso per primo nel 1969 a Brescia, del Giudice Alessandrini, ucciso da Prima Linea, del Giudice Mario Amato, ucciso dal terrorismo neofascista, del Giudice Bruno Caccia, ucciso dalla criminalità calabrese, del Giudice Paolo Borsellino, ed infine della scomparsa del Giudice Adinolfi, ultimo magistrato ad essere vittima di un evento delittuoso".

"E' uno spettacolo", conclude Carbone, "rivolto sia alla memoria di un trentennio di storia italiana, sia alla memoria dei magistrati uccisi nell'adempimento del loro dovere, molti dei quali sono scomparsi nell'oblio del comune sentire". 

6 dicembre 2011
Ultimi articoli
Polonia

Encj: il Consiglio di Giustizia (KRS) non è un'istituzione indipendente

Le riforme della giustizia hanno prodotto una crisi sistemica dello Stato di diritto. Il KRS non è in grado di sostenere il sistema giudiziario nell’esercizio indipendente della giurisdizione
Per Pasquale Sibilia

Formidabili quegli anni

di Carlo Sorgi
Un ricordo di Pasquale Sibilia da parte di un suo uditore
Rassegna

De Vito: «Da Salvini parole quasi eversive. Il consenso popolare? Non ci riguarda»

Parla il presidente di Magistratura democratica, Riccardo De Vito (Il Dubbio)
Rassegna

Osservatorio giustizia

Conversazione con Mariarosaria Guglielmi, segretaria di Magistratura democratica (Radio Radicale)
Per Graziana Calcagno

In ricordo di una giudice minorile

di Camillo Losana
Preparata e colta, protagonista di quella cultura che rovesciava l’ottica “segregazionista” e “difensivistica” della cosiddetta ri-educazione e correzione dei minori per affermare i loro diritti, riassumibili nel diritto alla educazione
Carceri

La controriforma gialloverde delle carceri

di Riccardo De Vito
Domina la cifra giustizialista della maggioranza. Eliminate le norme sulle misure alternative al carcere e per l'integrazione dei detenuti stranieri (Il Manifesto)