Incontro-dibattito

Il giudice e la legge

Incontro dibattito sul tema

IL GIUDICE E LA LEGGE

in relazione al fascicolo n. 4/2016 di Questione Giustizia

nonché ai volumi:

Nicolò Lipari, Il diritto civile tra legge e giudizio (Giuffré, 2017)

Luigi Ferrajoli e Juan Ruiz Manero, Due modelli di costituzionalismo. Un dialogo sul diritto e sui diritti (Editoriale Scientifica, 2016)

Roma, 7 giugno 2017 – ore 15,00

Università di Roma Tre - Dipartimento di Giurisprudenza

Aula del Consiglio - Via Ostiense, 161

IL VIDEO DELL'INCONTRO

***

L’esperienza giuridica contemporanea si caratterizza per il peso crescente del momento giurisdizionale, con la sempre maggiore rilevanza dell’interpretazione giudiziale della legge.

Conducono a questo esito sia la generalizzazione dell’argomento costituzionale e dei diritti fondamentali nell’attività ermeneutica che l’ormai acquisita piena permeabilità degli ordinamenti nazionali al diritto dell’Unione europea ed alla giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo.

Si apre un nuovo ambito di riflessione per la tradizione dell’Europa continentale, incentrata sul primato del diritto posto dal legislatore democratico, con una serie di interrogativi cruciali.

Quali sono i limiti della “creatività della giurisprudenza” a salvaguardia dell’equilibrio nel rapporto fra giudice e legislatore? Cosa ispira l’interpretazione giudiziale: l’ideale regolazione del caso concreto o il contesto storico-culturale di appartenenza del singolo interprete? È mutata la nozione di precedente giudiziale, una volta che il diritto corrisponda ad un risultato interpretativo? Qual è il significato del principio di legalità in un’epoca in cui le Corti sembrano aver assunto il ruolo dei nuovi “signori del diritto”?

Queste ed altre domande vengono incrociate dai contributi del numero monografico di Questione Giustizia che si presenta, così come dalla ricerca teorica di Luigi Ferrajoli e Nicolò Lipari, che ha dato luogo a due importanti volumi.

I partecipanti al dibattito sono chiamati ad un confronto che tocca temi al centro della discussione contemporanea, ma che in fondo ci riporta all’idea costitutiva del diritto quale regola che si chiede al giudice di applicare allo scopo di risolvere un conflitto.

Il GIUDICE E LA LEGGE è liberamente scaricabile dal sito www.questionegiustizia.it al seguente link http://www.questionegiustizia.it/rivista/2016-4.php

***

Mercoledì 7 giugno 2017 – ore 15.00

Presentazione dell’incontro

Francesco Macario, ordinario di diritto privato comparato, Università Roma Tre

Introduzione

Renato Rordorf, presidente aggiunto Corte di cassazione, direttore di Questione Giustizia

Interventi programmati

Antonio Carratta, ordinario di diritto processuale civile, Università Roma Tre

Emanuele Conte, ordinario di storia del diritto, Università Roma Tre

Giorgio Costantino, ordinario di diritto processuale civile, Università Roma Tre

Pietro Curzio, presidente di sezione della Corte di cassazione

Fabrizio Di Marzio, consigliere della Corte di cassazione

Luigi Ferrajoli, emerito di Filosofia del diritto, Università Roma Tre

Dario Ippolito, associato di Filosofia del diritto, Università Roma Tre

Nicolò Lipari, emerito di istituzioni di diritto privato, Università La Sapienza di Roma

Aurelio Gentili, ordinario di istituzioni di diritto privato, Università Roma Tre

Giuseppe Grisi, ordinario di istituzioni di diritto privato, Università Roma Tre

Aldo Minghelli, consigliere Ordine degli avvocati di Roma, delegato al diritto e procedura penale

Maria Cecilia Paglietti, professore aggregato in diritto comparato, Università Roma Tre

Eligio Resta, ordinario di filosofia del diritto, Università Roma Tre

Giovanni Serges, ordinario di istituzioni di diritto pubblico, Università Roma Tre

Andrea Zoppini, ordinario di istituzioni di diritto privato, Università Roma Tre

Dibattito

Concluderanno l’incontro gli Autori dei volumi, Nicolò Lipari e Luigi Ferrajoli

***

Segreteria organizzativa

Valerio Brizzolari – valerio.brizzolari@uniroma3.it

Chiara Cersosimo – chiara.cersosimo@uniroma3.it

Il Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Roma ha deliberato di riconoscere per la partecipazione al seminario n. 3 crediti formativi ordinari

www.questionegiustizia.it

www.magistraturademocratica.it

stampa@magistraturademocratica.it

7 giugno 2017
Ultimi articoli
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
L'intervento

Il senso e l'etica del mestiere del magistrato

Due recenti casi richiamano la magistratura all'etica dei comportamenti