Presentazione

Il controllo dello straniero
I “campi” dall’Ottocento ad oggi

Venerdì 4 maggio 2018 - ore 17.30
Roma, Fondazione Basso
Sala lettura
a cura di
Eliana Augusti, Antonio M. Morone e Michele Pifferi
 
i curatori ne discutono con
Pierluigi Valsecchi, Alessandro Triulzi, Emilio Santoro
 
introduce e coordina
Franco Ippolito
presidente Fondazione Basso
 

I fatti del nostro tempo ci hanno assuefatto all’emergenza e i campi di detenzione ne sono la prova. Predisposti in un contesto di necessità e di urgenza, presentati come dispositivi temporanei, nell’assenza di politiche virtuose di controllo degli stranieri, hanno finito col trasformarsi in luoghi/non-luoghi di margine e dis-integrazione morale, deformazioni permanenti dell’equilibrio politico, giuridico e sociale di un ordinamento.

Il volume raccoglie contributi di diversi profili disciplinari, dalla storia del diritto e dell’Africa alla filosofia, all’antropologia, nello scopo condiviso di tracciare una storia del campo, individuarne peculiarità e limiti, e immaginarne un futuro, mantenendo il focus sull’Europa, sull’Italia, sul Mediterraneo e l’area maghrebina, e sulla Libia, in particolare.

Per informazioni: pagina in www.fondazionebasso.it
29 aprile 2018
Ultimi articoli
Polonia

Encj: il Consiglio di Giustizia (KRS) non è un'istituzione indipendente

Le riforme della giustizia hanno prodotto una crisi sistemica dello Stato di diritto. Il KRS non è in grado di sostenere il sistema giudiziario nell’esercizio indipendente della giurisdizione
Per Pasquale Sibilia

Formidabili quegli anni

di Carlo Sorgi
Un ricordo di Pasquale Sibilia da parte di un suo uditore
Rassegna

De Vito: «Da Salvini parole quasi eversive. Il consenso popolare? Non ci riguarda»

Parla il presidente di Magistratura democratica, Riccardo De Vito (Il Dubbio)
Rassegna

Osservatorio giustizia

Conversazione con Mariarosaria Guglielmi, segretaria di Magistratura democratica (Radio Radicale)
Per Graziana Calcagno

In ricordo di una giudice minorile

di Camillo Losana
Preparata e colta, protagonista di quella cultura che rovesciava l’ottica “segregazionista” e “difensivistica” della cosiddetta ri-educazione e correzione dei minori per affermare i loro diritti, riassumibili nel diritto alla educazione
Carceri

La controriforma gialloverde delle carceri

di Riccardo De Vito
Domina la cifra giustizialista della maggioranza. Eliminate le norme sulle misure alternative al carcere e per l'integrazione dei detenuti stranieri (Il Manifesto)