Firenze, verso la scuola per la magistratura

La formazione iniziale dei magistrati

FIRENZE - E' in programma a Firenze Scandicci, il 16 ed il 17 dicembre il seminario "La formazione iniziale dei magistrati. Verso la scuola della magistratura", una convegno di due giorni, organizzato da "Area", in cui i relatori ragioneranno sulla formazione dei magistrati in tirocinio. L'apertura dei lavori, presso il TeatroStudio Scandicci è prevista per le 15.00 del 16 dicembre, con l'intervento del presidente di Magistratura Democratica, Luigi Marini.

Nel primo giorno di lavori, coordinati da Luca Minniti, si affronterà il tema del tirocinio attuale: la formazione romana, la formazione sul campo e la formazione decentrata. Mentre nella seconda sessione, il giorno seguente, si esamineranno le prospettive della scuola per la magistratura, partendo dalle esperienze di altri paesi e con uno sguardo al contesto toscano.

16 dicembre 2011
Ultimi articoli
Rassegna

Nel nome dell’interesse dello Stato si fa a pezzi il principio di non colpevolezza

Intervista a Riccardo De Vito, presidente di Md (Il Manifesto, 7 novembre 2018)
Intervento

Il ruolo della magistratura nella difesa delle garanzie

di Mariarosaria Guglielmi
Il garantismo: esigenza della giurisdizione, fondamento della sua indipendenza
Minori

Prime riflessioni sul Ddl Pillon

di Giulia Marzia Locati
Dal superiore interesse del minore ad una visione adulto centrica delle relazioni familiari
Medel/Aed

Medel (Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertés)/Aed (Avocats Européens Democrates): Magistrati e Avvocati dalla parte dei valori comuni

di Mariarosaria Guglielmi
Le conclusioni comuni della conferenza internazionale L’indipendenza della Giustizia in Europa, Magistrati/Avvocati/Duo/Duel (Bruxelles, 26 maggio 2018)
Rassegna

I magistrati democratici europei: «Le costituzioni affermino il ruolo dell’avvocato»

Il Dubbio, 29 settembre 2018
Polonia

Encj: il Consiglio di Giustizia (KRS) non è un'istituzione indipendente

Le riforme della giustizia hanno prodotto una crisi sistemica dello Stato di diritto. Il KRS non è in grado di sostenere il sistema giudiziario nell’esercizio indipendente della giurisdizione