Seminario

A cosa serve la Corte di cassazione?

Organizzato da
Ordine degli avvocati di Roma
Dipartimento Centro Studi - Formazione e Crediti Formativi
Progetto Diritto Fallimentare e Procedure Concorsulali ed OCC
Struttura procedure concorsuali e sovraindebitamento
e
Questione Giustizia

 

Lunedì 16 aprile 2018 - ore 15.30-18.30
Roma, Piazza Cavour - Palazzo Giustizia, Aula Avvocati

 

Indirizzi di saluto
Avv. Mauro Vaglio
Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Roma
Avv. Maria Agnino
Consigliere dell’Ordine degli Avvocati di Roma
Responsabile Progetto Diritto Fallimentare e Procedure Concorsuali
Introduce
Dott. Renato Rordorf
già Primo Presidente aggiunto della Corte di cassazione
direttore di Questione Giustizia
Coordina
Avv. Prof. Antonio Caiafa
Responsabile scientifico
Diritto delle Procedure Concorsuali – Università Jean Monnet di Bari
Relazioni
I Protocolli ed il dovere di sinteticità
Dott. Antonello Cosentino
Consigliere della Corte di cassazione
La Sezione semplice nel rapporto con le Sezioni unite in relazione ai principi enunciati in campo penale
Dott. Giorgio Fidelbo
Presidente di sezione della Corte di cassazione
Avv. Aldo Minghelli
Consigliere dell’Ordine degli Avvocati di Roma
Il ruolo del Procuratore Generale nel processo civile di legittimità
Dott.ssa Rita Sanlorenzo
Sostituto Procuratore Generale presso la Corte di cassazione
Avv. Corrado De Martini
Gestore OCC Forense di Roma
Domande di iscrizione

Nel limite di 350, si inoltrano mediante prenotazione on-line sul sito www.ordineavvocatiroma.it. Nella home page clicca sulla destra formazione professionale, accedi alla tua area riservata, inserendo il tuo user id e la tua password. Clicca su prenotazione eventi, scegli dalla lista eventi quello di tuo interesse, selezionandolo poi con prenota evento. Riceverai risposta immediata via mail e/o conferma alla prenotazione stampabile su ”Stampa prenotazione”.

 

Crediti formativi

Ai partecipanti verranno riconosciuti 3 crediti formativi ordinari
I crediti formativi ed il relativo attestato per gli eventi organizzati dall’Ordine, verranno inseriti automaticamente sull’area personale

 

La rilevazione automatica delle presenze sarà effettuata esclusivamente tramite il tesserino professionale aggiornato provvisto di codice a barre, non oltre mezz’ora dopo il previsto inizio e non prima degli ultimi dieci minuti rispetto al previsto orario di fine dell’evento.

 

INFO

centrostudi@ordineavvocati.roma.it
Palazzo di Giustizia Piazza Cavour – 00193 Roma
tel. 06.684741

4 aprile 2018
Ultimi articoli
Diritto di asilo

Il diritto di difesa non è uguale per tutti

di Silvia Albano* e Riccardo De Vito**
La previsione dell’audizione del richiedente asilo senza l’assistenza del suo avvocato difensore non solo lede gravemente il diritto di difesa della parte, tutelato dall’art 24 della Costituzione, ma rischia anche di rendere meno efficace e rilevante la stessa audizione del richiedente
Ordinamento penitenziario

Appello al governo

Pubblichiamo il testo di un appello sottoscritto da diverse associazioni in rappresentanza dei mondi dell’università, dell’avvocatura, della magistratura e del volontariato, nonché da autorevoli giuristi e da personalità della società civile. L’appello, indirizzato al Governo, auspica l’approvazione definitiva della riforma penitenziaria, in attuazione delle delega conferita con la l. n. 103/2017. La riforma, giunta a un passo dal varo definitivo con l’approvazione dello schema di decreto legislativo, rischia ora una definitiva battuta d’arresto per via della fine della legislatura.
Rassegna

Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.