Presentazione ordinamento giudiziario

Il gruppo ordinamento giudiziario ha concentrato negli ultimi anni la sua attività sviluppando alcune iniziative che portassero alla realizzazione di documenti e incontri utili soprattutto in funzione del governo autonomo della Magistratura.

La riforma dell’ordinamento giudiziario ha segnato un punto di arrivo che ha imposto agli organi di governo autonomo uno sforzo di applicazione ed elaborazione della nuova normativa che richiedeva e richiede un ausilio dell’intero gruppo.

A questo riguardo due iniziative fondamentali hanno segnato la nostra attività.

La prima ha riguardato la creazione di uno stabile punto di riferimento per i componenti dei Consigli giudiziari eletti nell’aprile 2008 per la prima volta con le nuove norme previste dalla riforma per questi organismi; a queste elezioni MD si è presentata pressocchè ovunque col Movimento, anticipando quell’Area comune tra i due gruppi, che si è poi affermata e consolidata in altre competizioni elettorali.

Per questo, insieme al collega Ernesto Aghina, responsabile dell’ordinamento per il Movimento, e a Francesco Menditto è stata creata una mailing list Autogoverno Insieme; inoltre, sono stati effettuati tre incontri a Roma tra tutti i componenti eletti nelle liste anzidette per sviluppare un dibattito che fosse utile a costruire un luogo di aggregazione ed elaborazione comuni sui punti critici della riforma, anche attraverso un dialogo con i componenti del CSM e i magistrati componenti della Segreteria e dell’Ufficio studi del Consiglio. Di questi incontri sono stati sviluppati dei report, così come è stata curata un’elaborazione per argomenti dei temi più sviluppati e dibattuti sulla mailing list.

Quest’anno un gruppo ristretto di componenti dei Consigli giudiziari ha anche elaborato un documento di proposte in vista dell’emanazione della circolare sulle tabelle per il triennio 2012-2014.

La seconda iniziativa, curata insieme a Claudio Castelli e Francesco Menditto è consistita in una pubblicazione, realizzata a ridosso delle elezioni del CSM del luglio dello scorso anno, intitolata “Diritti, doveri e garanzie del magistrato”, che costituisce una sintetica rassegna dei temi di ordinamento giudiziario di maggior interesse anche pratico; a questa pubblicazione hanno partecipato con i loro contributi sui vari temi i colleghi Albamonte, Brancaccio, Bruti Liberati, Caputo, Castelli, D’Ancona, Diotallevi, Erbani, Fiorentino, Fuochi Tinarelli, Gilardi, Guglielmi, La Malfa, Magi, Marini e Patarnello.

Nel corso di quest’anno Diotallevi ha elaborato un documento sui fuori ruolo.

Infine, da poco insieme ad Ezia Maccora e con la collaborazione di Ilio Mannucci Pacini, Luca Minniti e Fabio Regolo è stato elaborato un documento propositivo per risolvere le problematiche relative ai magistrati ordinari in tirocinio ed a quelli che stanno esercitando le funzioni giudiziarie nella prima sede di destinazione su quattro punti fondamentali: tabelle, organizzazione, formazione e valutazione; è in fase di preparazione un incontro su questi temi da tenersi nel prossimo autunno.

Nel solco di queste iniziative si indirizzerà l’attività futura del gruppo.

10 agosto 2011
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.