Presentazione ordinamento giudiziario

Il gruppo ordinamento giudiziario ha concentrato negli ultimi anni la sua attività sviluppando alcune iniziative che portassero alla realizzazione di documenti e incontri utili soprattutto in funzione del governo autonomo della Magistratura.

La riforma dell’ordinamento giudiziario ha segnato un punto di arrivo che ha imposto agli organi di governo autonomo uno sforzo di applicazione ed elaborazione della nuova normativa che richiedeva e richiede un ausilio dell’intero gruppo.

A questo riguardo due iniziative fondamentali hanno segnato la nostra attività.

La prima ha riguardato la creazione di uno stabile punto di riferimento per i componenti dei Consigli giudiziari eletti nell’aprile 2008 per la prima volta con le nuove norme previste dalla riforma per questi organismi; a queste elezioni MD si è presentata pressocchè ovunque col Movimento, anticipando quell’Area comune tra i due gruppi, che si è poi affermata e consolidata in altre competizioni elettorali.

Per questo, insieme al collega Ernesto Aghina, responsabile dell’ordinamento per il Movimento, e a Francesco Menditto è stata creata una mailing list Autogoverno Insieme; inoltre, sono stati effettuati tre incontri a Roma tra tutti i componenti eletti nelle liste anzidette per sviluppare un dibattito che fosse utile a costruire un luogo di aggregazione ed elaborazione comuni sui punti critici della riforma, anche attraverso un dialogo con i componenti del CSM e i magistrati componenti della Segreteria e dell’Ufficio studi del Consiglio. Di questi incontri sono stati sviluppati dei report, così come è stata curata un’elaborazione per argomenti dei temi più sviluppati e dibattuti sulla mailing list.

Quest’anno un gruppo ristretto di componenti dei Consigli giudiziari ha anche elaborato un documento di proposte in vista dell’emanazione della circolare sulle tabelle per il triennio 2012-2014.

La seconda iniziativa, curata insieme a Claudio Castelli e Francesco Menditto è consistita in una pubblicazione, realizzata a ridosso delle elezioni del CSM del luglio dello scorso anno, intitolata “Diritti, doveri e garanzie del magistrato”, che costituisce una sintetica rassegna dei temi di ordinamento giudiziario di maggior interesse anche pratico; a questa pubblicazione hanno partecipato con i loro contributi sui vari temi i colleghi Albamonte, Brancaccio, Bruti Liberati, Caputo, Castelli, D’Ancona, Diotallevi, Erbani, Fiorentino, Fuochi Tinarelli, Gilardi, Guglielmi, La Malfa, Magi, Marini e Patarnello.

Nel corso di quest’anno Diotallevi ha elaborato un documento sui fuori ruolo.

Infine, da poco insieme ad Ezia Maccora e con la collaborazione di Ilio Mannucci Pacini, Luca Minniti e Fabio Regolo è stato elaborato un documento propositivo per risolvere le problematiche relative ai magistrati ordinari in tirocinio ed a quelli che stanno esercitando le funzioni giudiziarie nella prima sede di destinazione su quattro punti fondamentali: tabelle, organizzazione, formazione e valutazione; è in fase di preparazione un incontro su questi temi da tenersi nel prossimo autunno.

Nel solco di queste iniziative si indirizzerà l’attività futura del gruppo.

10 agosto 2011
Ultimi articoli
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
L'intervento

Il senso e l'etica del mestiere del magistrato

Due recenti casi richiamano la magistratura all'etica dei comportamenti
Caldarozzi alla Dia

De Vito, presidente di Md: «Sorpreso da questa promozione»

L'intervista a Il Manifesto, 28 dicembre 2017