Intervista Canepa

"Veti e accordi al ribasso sul Csm no a giochi politici"

*intervista pubblicata su "La Repubblica" del 14 settembre 2014

ROMA - Anche i magistrati trattano per la vicepresidenza del Csm? «Lo escludo decisamente. Queste insinuazioni fanno male al dibattito istituzionale. Siamo preoccupati per questo ritardo e per i veti reciproci e gli accordi al ribasso». Anna Canepa, segretaria di Magistratura democratica, manifesta il suo sconcerto sulla trattativa per Csm e Consulta.

E vero o no che proprio voi di Md state mettendo un veto sulla vice presidenza del Pd Legnini? «Assolutamente no. Non sappiamo ancora chi saranno i consiglieri laici eletti. Solo quando la compagine sarà completa il plenum potrà votare e deciderà chi potrà ricoprire al meglio questo importante ruolo. Non vi sono pre-clusioni».

Non ponete neppure condizioni che potrebbero escludere il candidato che viene direttamente dal governo Renzi?
«Chiunque si candidi alla vicepresidenza dovrà garantire l'indipendenza della magistratura e avere consapevolezza del ruolo costituzionale del Csm».

La politica non può dirvi chi dovete votare? «Ma che domanda mi sta facendo? Noi siamo magistrati e scegliamo in piena autonomia come abbiamo sempre fatto».

Sia sincera, che impressione le ha fatto sentire che il Pd ha indicato il nome del vicepresidente?
 «È prassi che chi propone i propri candidati ritenga idoneo per il vertice uno di questi. Poi i consiglieri eletti valuteranno il profilo più idoneo da scegliere».

Da cittadina come giudica questo ritardo e il metodo spartitorio per selezionare i candidati dopo le accuse fatte a voi per il correntismo?
«Noi abbiamo innovato profondamente il metodo di selezione dei candidati attraverso le primarie. Quello che sta accadendo riguarda da esclusivamente la politica. Nulla di nuovo sotto il sole. Peccato».

Dopo la riduzione delle ferie e gli slogan di Renzi nei vostri confronti come giudicail comportamento del Pd?
«Come tutti i cittadini abbiamo riposto grande speranza nella nuova stagione. È una grande occasione per il Paese. Il problema non sono le ferie. I tribunali sono sempre aperti. I magistrati sono di turno e depositano sentenze anche ad agosto. Sarebbe stato meglio discuterne, avremmo potuto contribuire in modo costruttivo. Quanto ai toni usati, non guardano al futuro, ma richiamano il passato».


(14/09/2014)

14 settembre 2014
Ultimi articoli
Ordinamento penitenziario

Senza paura. Nel nome della sicurezza e dei diritti si approvi la riforma

L’appello di Md e Antigone a tutte le forze politiche
Diritto di asilo

Il diritto di difesa non è uguale per tutti

di Silvia Albano* e Riccardo De Vito**
La previsione dell’audizione del richiedente asilo senza l’assistenza del suo avvocato difensore non solo lede gravemente il diritto di difesa della parte, tutelato dall’art 24 della Costituzione, ma rischia anche di rendere meno efficace e rilevante la stessa audizione del richiedente
Ordinamento penitenziario

Appello al governo

Pubblichiamo il testo di un appello sottoscritto da diverse associazioni in rappresentanza dei mondi dell’università, dell’avvocatura, della magistratura e del volontariato, nonché da autorevoli giuristi e da personalità della società civile. L’appello, indirizzato al Governo, auspica l’approvazione definitiva della riforma penitenziaria, in attuazione delle delega conferita con la l. n. 103/2017. La riforma, giunta a un passo dal varo definitivo con l’approvazione dello schema di decreto legislativo, rischia ora una definitiva battuta d’arresto per via della fine della legislatura.
Rassegna

Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti