Area

Assistenza e previdenza

Convenzione INCA / LE SEDI

Ripubblichiamo dopo le diverse richieste pervenute tutte le informazioni sulla convenzione stipulata da Magistratura Democratica e Movimento per la giustizia- Art. 3 con il patronato INCA-CGIL, grazie alla quale tutti i magistrati potranno rivolgersi alle sedi provinciali o regionali del patronato al fine di ottenere informazioni e valutazioni in materia di previdenza


AREA informa: La convenzione di MD-MOVIMENTO-ART.3 con il patronato INCA


Le modifiche apportate negli ultimi anni alle regole stipendiali e previdenziali che riguardano la magistratura hanno provocato grande preoccupazione e grande incertezza. Alcune risposte sono state date dall'Anm e dall'associazionismo nel suo complesso, ma resta in piedi l'esigenza di affrontare in modo professionale e non episodico i molteplici e complessi temi che sono coinvolti. A tale esigenza AREA ha inteso rispondere con una iniziativa all'altezza di quella complessità e della delicatezza dei profili chiamati in causa.

Dopo una serie di consultazioni con le associazioni in possesso delle necessarie competenze, è stata stipulata da Magistratura Democratica e Movimento per la giustizia- Art. 3  una convenzione con il patronato INCA-CGIL, che si è detto disponibile a mettere a nostra disposizione la propria esperienza e la propria diffusione sul territorio, garantendo i necessari livelli di assistenza. Grazie a questa convezione, i magistrati -tutti i magistrati- potranno rivolgersi alle sedi provinciali o regionali del patronato e farlo sia a livello individuale sia a livello collettivo al fine di ottenere informazioni e valutazioni in materia previdenziale e assistenziale,  anche con possibilità di ricevere assistenza qualora si decida di adottare iniziative di natura contenziosa.

Il tutto, evidentemente, ma giova precisarlo, senza alcun vincolo di "fidelizzazione" né ai gruppi che hanno firmato la convenzione né al patronato che fornisce la prestazione, e questo nell'ottica di apertura che contraddistingue il progetto di Area.Il contenuto delle prestazioni - fornite gratuitamente in base alla legge che regola i patronati - riguarda: consulenza e assistenza completa in materia previdenziale e assistenziale. Esempi: il collega può chiedere quanto gli costerebbe il ricongiungimento della contribuzione versata per precedenti lavori (o per la pratica professionale) con la contribuzione versata in magistratura, quanto gli costerebbe riscattare la laurea o il militare, quali sarebbero i benefici in caso di ricongiungimento o riscatto, quale pensione ha maturato sino ad oggi e quale percepirebbe, a legislazione invariata, ad una certa data futura. Insomma si può fare ogni previsione in materia di trattamento pensionistico.

Ancora, il Patronato offre la sua consulenza in materia di assistenza,ovvero Handicap, maternità e simili. Anche infortuni e malattie professionali. l'INCA, a richiesta del collega, fornisce la propria consulenza, presenta istanza per conto dell'interessato al competente ufficio e, in caso di mancato accoglimento nei termini rappresentati dall'INCA, il Patronato cura il ricorso amministrativo.Se necessario il Patronato mette a disposizione la propria rete di legali, a tariffe assolutamente di favore e convenzionate. Si possono fare anche azioni collettive.La convenzione sarà operativa a partire dal 20 di febbraio, non appena saranno attivati i contatti tra le rispettive sedi locali, cosa di cui i magistrati saranno informati tempestivamente.

Piergiorgio Morosini, Valerio Fracassi, Luigi Marini, Antonella Magaraggia


SCARICA TUTTO IL MATERIALE:

27 gennaio 2012
Ultimi articoli
Diritto di asilo

Il diritto di difesa non è uguale per tutti

di Silvia Albano* e Riccardo De Vito**
La previsione dell’audizione del richiedente asilo senza l’assistenza del suo avvocato difensore non solo lede gravemente il diritto di difesa della parte, tutelato dall’art 24 della Costituzione, ma rischia anche di rendere meno efficace e rilevante la stessa audizione del richiedente
Ordinamento penitenziario

Appello al governo

Pubblichiamo il testo di un appello sottoscritto da diverse associazioni in rappresentanza dei mondi dell’università, dell’avvocatura, della magistratura e del volontariato, nonché da autorevoli giuristi e da personalità della società civile. L’appello, indirizzato al Governo, auspica l’approvazione definitiva della riforma penitenziaria, in attuazione delle delega conferita con la l. n. 103/2017. La riforma, giunta a un passo dal varo definitivo con l’approvazione dello schema di decreto legislativo, rischia ora una definitiva battuta d’arresto per via della fine della legislatura.
Rassegna

Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.