Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista

Nel giorno della memoria credo che debbano anzitutto essere ricordati i nomi dei magistrati (almeno 15) caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti. Si tratta di Dino Col, Pasquale Colagrande, Francesco Drago, Carlo Ferrero, Mario Finzi, Mario Fioretti, Vincenzo Giusto, Giuseppe Garribba, Cosimo Mariano, Cosimo Orru, Nicola Panevino, Pasquale Saraceno, Vittorio Scala e Mario Tradardi oltre al vice pretore di Alba, Viglino.

A questi nomi mi sembra giusto aggiungerne almeno due: Emilio Sacerdote che non era più magistrato perché si era dimesso volontariamente prima dell’entrata in vigore delle leggi razziali. Sacerdote partecipò alla Resistenza e, dopo essere stato catturato, fu deportato prima a Flossembürg e poi a Bergen Belsen dove morì, per gli stenti patiti, qualche settimana dopo essere stato liberato dagli alleati non senza aver dimostrato, durante la sua prigionia, il suo coraggio e il suo valore. L’altro nome che credo sia doveroso ricordare (e mi scuso per eventuali altre omissioni) è quello di Pier Amato Perretta, giudice del Tribunale di Como, che mantenne una posizione di indipendenza nei primi anni del regime e, per questa ragione e per la sua collaborazione ad un periodico di ispirazione crociana, subì un trasferimento punitivo e venne dichiarato decaduto per non aver raggiunto l’ufficio di destinazione. Iniziata la professione forense il suo studio venne devastato dagli squadristi mentre successivamente, avviata un’attività imprenditoriale, dovette cessarla per la mancanza di un’autorizzazione negata da un ministro cui aveva dato torto in una causa di lavoro. Perretta si attivò per la costituzione di gruppi della Resistenza ancor prima del 1943 e fu ucciso dai tedeschi nel 1944.

Nel 2018 ricorre però l’80° anniversario delle leggi razziali e credo dunque doveroso ricordare che, a seguito dell’approvazione di queste leggi, furono dispensati dal servizio 14 magistrati: Cesare Costantini, Mario Di Nola, Mario Finzi, Ugo Foa, Mario Levi, Ugo Davide Levi, Fernando Minerbi, Umberto Muggia, Edoardo Modigliani, Mario Piperno, Vittorio Salmoni, Giuseppe Seczi, Giorgio Vital e Mario Volterra. Altri quattro (Amilcare Brizzolari, Pietro Freri, Antonino Martorana e Giuseppe Pagano) chiesero di essere messi a riposo prima del provvedimento di dispensa dal servizio. Questo numero è stato ritenuto sottostimato perché ricavato solo dai provvedimenti di dispensa pubblicati sul Bollettino del ministero mentre l’esame della graduatoria dei magistrati in servizio fino al 1938-39 farebbe emergere un numero ben maggiore di magistrati ebrei.

Il ceto dei giuristi è tra quelli più compromessi con il regime fascista. Oggi limitiamoci a ricordare invece chi, anche con forme di resistenza passiva, si limitò a contrastare le direttive del regime e ricordiamo che le riviste Il Foro Italiano, La giurisprudenza italiana e Il Monitore dei Tribunali furono duramente criticate, dalla rivista La difesa della razza, perché veniva consentito a giuristi ebrei di continuare a collaborare con le medesime; collaborazione che le direzioni delle riviste proseguirono imperterrite. Ricordo ancora che analoga opera di resistenza passiva fu posta in essere da Mario Rotondi, direttore della Rivista di diritto privato, che continuò a pubblicare saggi di giuristi ebrei, a mantenerli nel comitato scientifico, a pubblicarne i necrologi al momento della loro morte. Da segnalare che Rotondi operò anche nell’Italia occupata dai nazisti e dovette cambiare editore per non aver accettato (malgrado le intimidazioni subite) di adeguarsi alle richieste di censurare gli autori ebrei. Anzi nel 1944, durante l’occupazione nazista, pubblicò sulla rivista (édita a Milano!) il necrologio del giurista ebreo Cesare Vivante già espulso dall’università ed emigrato il cui nome, insieme a quelli di altri giuristi ebrei compariva, nel comitato scientifico della rivista, negli anni dal 1940 in poi.

Un ultimo ricordo: solo un rettore (quello di Siena), nell’inaugurazione dell’anno accademico 1938-1939, salutò caldamente, senza difendere le leggi razziali, un professore ordinario espulso (Guido Tedeschi).

27 gennaio 2018
Ultimi articoli
Rassegna

Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
L'intervento

Il senso e l'etica del mestiere del magistrato

Due recenti casi richiamano la magistratura all'etica dei comportamenti