Ciclo d'incontri

Inviolabile.
La libertà personale di fronte alla coercizione istituzionale

#3 CPR - Centri permanenza per il rimpatrio: migranti oltre il confine dei diritti?

 

Torino, 3 marzo 2020 ore 20.45
Unione culturale Franco Antonicelli
Via Cesare Battisti 4b
Ingresso libero

 

Intervengono
Monica Gallo
Garante dei detenuti di Torino
Guido Savio
ASGI
Alessandra Algostino
docente UniTO
Modera
Jacopo Rosatelli
Unione culturale

 

 

La libertà personale è inviolabile, recita l’art. 13 della Costituzione.

È tuttavia la stessa Costituzione che riserva al legislatore e alla magistratura la possibilità di limitarla, riconoscendo la necessità di far convivere la concezione individualistica di libertà dallo Stato con il diritto/dovere dei poteri pubblici di limitare la libertà di alcuni in nome della libertà di tutti.

Con questo ciclo di incontri, Magistratura Democratica e Unione culturale Franco Antonicelli intendono riavviare il confronto pubblico tra diversi saperi e punti di vista sul concreto e delicato bilanciamento tra la libertà della persona e la sua limitazione, accostandosi a tre luoghi in cui si esercita il potere coercitivo dello Stato: le strutture di cura delle malattie mentali, il carcere e i centri di permanenza per il rimpatrio dei migranti.

Molti i temi sui quali occorrerebbe interrogarsi, anche sollecitati dall’attualità della cronaca (le rivolte nei Cpr) e di alcune importanti pronunce giurisprudenziali (le sentenze sull’ergastolo ostativo). Per esempio, le finalità della limitazione della libertà personale, la loro proporzionalità e le modalità concrete con cui si attuano. Magistratura democratica e Unione culturale invitano a discuterne, con gli strumenti del diritto ma non solo, nella convinzione che non debbano restare questioni riservate agli “addetti ai lavori” se si vuole diffondere nell’opinione pubblica una solida cultura dei diritti della persona.

 

PROSSIMI INCONTRI

martedì 3 marzo 2020 ore 20:45
con Chiara Abbà (psicologa psicoterapeuta), Mario Cardano (sociologo, docente Unito), Riccardo Tiraferri (psichiatra direttore s.c. salute mentale ASL TO4), Nicola Tritta (magistrato).
Modera: Silvia Nugara (Unione culturale)

 

martedì 17 marzo ore 20.45
con Elvio Fassone (ex magistrato e senatore), Francesco Gianfrotta (ex magistrato), Laura Scomparin (docente UniTO), Michele Miravalle (Antigone).
Modera: Daniela Steila (Unione culturale)

 

martedì 31 marzo ore 20.45
con Monica Gallo (Garante dei detenuti di Torino), Guido Savio (ASGI), Alessandra Algostino (docente UniTO).
Modera: Jacopo Rosatelli (Unione culturale).
Ultimi articoli
Intervento al comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 MAGGIO, GIORNO DI ALLERTA PER L'INDIPENDENZA DELLA GIUSTIZIA

Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda in questi giorni anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto, e condannato a di 10 anni in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede - Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Betta Cesqui
Tecnologia e processo

Non si stravolga il principio dell’oralità e immediatezza: il processo vero si fa in aula

di Mariarosaria Guglielmi
La tecnologia può assicurare efficienza, ma i nuovi strumenti devono essere governati e non subiti. È necessario investire sul processo penale telematico, favorendo l’accesso digitale agli atti e la circolazione dei documenti. Occorre smaterializzare le carte, non le persone
Coltivazione domestica

Canapa sul balcone: parole nette dalla Cassazione

di Riccardo De Vito
La sentenza delle Sezioni Unite ha le carte in regola per evitare un rigorismo repressivo che, sinora, ha ottenuto soltanto il risultato di allungare la catena dello spaccio. Ma adesso è indispensabile che il legislatore riprenda la parola per ridisegnare la disciplina delle droghe leggere