Convegno nazionale

Il contrasto alla criminalità organizzata tra esigenze di sicurezza e garanzia dei diritti




Il contrasto alla criminalità organizzata tra esigenze di sicurezza e garanzia dei diritti

10 giugno 2017 – ore 9.15 / 18.00
Palazzo Foti
Sala Francesco Perri
Reggio Calabria – Piazza Italia

La criminalità organizzata, come tutti i fenomeni umani, si evolve, muta, si adatta, reagisce alle azioni, in termini repressivi e preventivi, poste in essere, ormai da un trentennio, dalle istituzioni dello Stato e dai suoi apparati.

In parallelo, una volta che la consapevolezza della estensione e della gravità del fenomeno mafioso è divenuta patrimonio comune dell’intero Paese, la letteratura e le scienze sociali promuovono analisi aggiornate sulle forme di manifestazione dei clan sul piano economico-finanziario e politico-istituzionale e si interrogano sulla loro capacità di incidere sul tessuto connettivo del sistema democratico.

Come stanno mutando, nella giurisprudenza, gli equilibri tra garantismo liberale e funzionalità repressiva del diritto penale? Fino a che punto ed in che modo l’attività interpretativa è condizionata dalla pervasività del dominio di ‘ndrine e cosche? Come si atteggia, all’interno di un processo segnato da tempi sovente dilatati, il rapporto tra la risposta cautelare e l’accertamento definitivo?

Quali sono le conseguenze, anche in punto di coerenza complessiva del sistema, di una legislazione sempre più costruita intorno al cd. doppio binario? Quali i problemi applicativi più acuti sul piano penal-sostanziale, processuale, penitenziario? Quali le soluzioni più appropriate in chiave di organizzazione degli uffici giudiziari?

In che misura il dibattito politico-parlamentare e gli indirizzi applicativi si sottraggono agli influssi di opportunismi e demagogie?

Esiste, tra magistratura, avvocatura, mondo accademico e politica, una condivisione culturale e una consapevolezza della posta realmente in gioco?

Per discutere di questi interrogativi, Magistratura democratica promuove una giornata di riflessione, mettendo a confronto profili professionali e sensibilità differenti.

La playlist con tutti i video-interventi

***

Ore 9.15 Saluti

Giuseppe Falcomatà
, avvocato, sindaco della Città metropolitana di Reggio Calabria

Filippo Aragona,
giudice del Tribunale di Reggio Calabria, segretario della Sezione di Magistratura democratica di Reggio Calabria

Carlo Morace,
rappresentante dell’Organismo congressuale forense e Vicepresidente dell’Ordine degli avvocati di Reggio Calabria

Giuseppe Soluri,
presidente ordine dei giornalisti della Calabria

Ore 9.40 Introduzione ai lavori

Mariarosaria Guglielmi,
sostituto procuratore della Repubblica, Tribunale di Roma, segretario generale di Magistratura democratica

Ore 10.00 – Il contrasto al crimine organizzato e i paradigmi del garantismo penale

Massimo Donini,
ordinario di diritto penale, Università di Modena e Reggio Emilia

Ore 10.35 – Garanzie individuali e processi di criminalità organizzata: le letture della Corte di cassazione

Piero Gaeta,
sostituto procuratore generale della Repubblica presso la Corte di cassazione

Ore 11.10 – Il punto di vista dell’avvocatura

Valerio Spigarelli,
avvocato del Foro di Roma

Ore 11.45 – Poteri criminali e giurisdizione rieducativa

Marcello Bortolato,
presidente del Tribunale di sorveglianza di Firenze

Coordina

Roberto Lucisano,
presidente Corte di assise di appello di Reggio Calabria

Ore 12.20 - Dibattito e interventi programmati

Stefano Musolino,
sostituto procuratore della Repubblica, Tribunale di Reggio Calabria

Alfredo Sicuro,
presidente di sezione della Corte di appello di Messina

Ore 13.00 – Sala Boccioni - Colazione di lavoro

Ore 14.30 – IL GIUDICE MINORILE DI FRONTE ALLE FAMIGLIE DI ‘NDRANGHETA



Domenico Santoro (giudice del Tribunale di Reggio Calabria) intervista Roberto Di Bella (presidente del Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria)

Ore 15.00 – Tavola rotonda

LE NUOVE SFIDE DELLO STATO DI DIRITTO AI POTERI CRIMINALI

Moderatore: Piergiorgio Morosini,
componente del Consiglio superiore della magistratura

Con la partecipazione di

Nico D’Ascola,
senatore, avvocato, presidente della Commissione Giustizia del Senato

Luigi Manconi,
professore, senatore, presidente della Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani del Senato

Roberto Scarpinato,
procuratore generale della Repubblica, Corte di appello di Palermo

Rocco Sciarrone,
ordinario di Sociologia dei processi economici e del lavoro, Università di Torino

Ore 17.00 – Dibattito

Ore 17.30 – Conclusioni

Riccardo De Vito,
magistrato sorveglianza, Tribunale sorveglianza Sassari, presidente di Magistratura democratica

Ore 18.00 - chiusura dei lavori

***

Segreteria organizzativa

Filippo Aragona - filippo.aragona@giustizia.it

Olga Tarzia - olga.tarzia@giustizia.it

SONO STATI DELIBERATI CREDITI FORMATIVI

Per le modalità di accesso ai crediti formativi gli interessati sono pregati di rivolgersi a:

Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Reggio Calabria Ordine dei giornalisti. Consiglio regionale della Calabria

Il seminario è aperto alla partecipazione della cittadinanza

www.magistraturademocratica.it

stampa@magistraturademocratica.it
10 giugno 2017
Ultimi articoli
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
L'intervento

Il senso e l'etica del mestiere del magistrato

Due recenti casi richiamano la magistratura all'etica dei comportamenti
Caldarozzi alla Dia

De Vito, presidente di Md: «Sorpreso da questa promozione»

L'intervista a Il Manifesto, 28 dicembre 2017