Magistratura democratica

Manifesto per i 40 anni di MD
Nell’autunno del 2004 un gruppo di magistrati di Md della Sezione Liguria si recò da Emanuele Luzzatti per chiedergli di disegnare un manifesto per i 40anni di Md. Il Maestro aderì alla richiesta e al momento della consegna disse che era il suo omaggio a una splendida 40enne...

Magistratura democratica è un’associazione aperta alla adesione di tutti i magistrati (art. 1 dello statuto), è una componente dell’Associazione nazionale magistrati (ANM) e, in ambito europeo, aderisce a Magistrats europeèns pour la démocratie et les libertés (Medel).

Pur essendo una componente dell’Anm, Md ha, rispetto a quest'ultima, una precisa autonomia, non solo in termini statutari, ma anche nella concreta partecipazione alle iniziative delle due associazioni: è possibile l'adesione a Md senza adesione all'Anm.

Md ha organi di stampa propri (la Rivista trimestrale Questione Giustizia, Questione Giustizia online e Diritto, immigrazione e cittadinanza, quest'ultimo curato insieme all'ASGI), e aderisce - come detto - a Medel di cui non fa parte l'Anm.

Gli scopi di Md sono contenuti nello statuto e chiaramente desumibili dalla storia del gruppo e coerenti con quelli indicati nello statuto di Medel, il cui art. 2 recita:

 

L’Associazione ha come obiettivi:

  1. lo sviluppo di una cultura giurisdizionale europea fondata sul rispetto, in ogni circostanza, dei principi dello Stato di diritto democratico, tra i quali spiccano in primo luogo il rispetto dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali;
  2. la protezione delle differenze tra gli esseri umani e dei diritti delle minoranze, specialmente dei diritti degli immigrati e dei meno abbienti, in una prospettiva di emancipazione sociale dei più deboli;
  3. il sostegno all'integrazione comunitaria europea, in vista della creazione di una unione politica europea preoccupata della giustizia sociale;
  4. la difesa dell'indipendenza del potere giudiziario nei confronti sia di ogni altro potere che di interessi particolari;
  5. la ricerca e la promozione delle tecniche organizzative idonee a garantire un servizio giudiziario rispondente al principio di trasparenza e tale da permettere il controllo dei cittadini sul suo funzionamento;
  6. la democratizzazione della magistratura, nel reclutamento e nelle condizioni di esercizio della professione, sostituendo il principio democratico a quello gerarchico, specialmente nel governo del corpo giudiziario;
  7. l'affermazione del diritto dei magistrati, come di tutti i cittadini, alle libertà di riunione e azione collettiva;
  8. la promozione di una cultura giuridica democratica tra i magistrati dei diversi Paesi, attraverso lo scambio di informazioni e lo studio di argomenti comuni.

Breve bibliografia

Su Magistratura democratica esiste ormai una vera e propria letteratura perché – come ha scritto Vladimiro Zagrebelsky – «le posizioni di Md hanno influenzato il dibattito intorno alla magistratura come quelle di nessun altro gruppo di magistrati». Un percorso bibliografico di base impone, dunque, delle scelte. Ci si limiterà per questo ai testi fondamentali omettendo quelli che toccano la vicenda di Md solo marginalmente o che ne danno letture soprattutto soggettive o di carattere esclusivamente polemico.

I primi testi vengono dall’interno: anzitutto il numero speciale della rivista Il Ponte, pubblicato il 31 luglio 1968 (quattro anni dopo la costituzione del gruppo), dal titolo La magistratura in Italia, contente una pluralità di interventi (che costituiscono il primo manifesto di Md) e la doppia introduzione di Enzo Enriques Agnoletti e di Marco Ramat, e, poi, S. Senese, Le vicende del pluralismo nella magistratura italiana, in Democrazia e diritto, 1968, n. 4-5.

Di qualche anno dopo i testi in qualche modo storici sulla vicenda di Md:

  • S. Pappalardo, Gli iconoclasti. Magistratura democratica nel quadro della Associazione nazionale magistrati, Franco Angeli, 1987;
  • G. Cipriani, Giudici contro. Le schedature dei servizi segreti, Editori Riuniti, 1994;
  • G. Palombarini, Giudici a sinistra. I 36 anni della storia di Magistratura democratica: una proposta per una nuova politica per la giustizia, Edizioni scientifiche italiane, 2000;
  • L. Pepino, L’attualità di un’eresia. Contributi per una storia di Magistratura democratica, in L. Pepino (a cura di), L’eresia di Magistratura democratica. Viaggio negli scritti di Giuseppe Borrè, Franco Angeli, 2001;
  • G. Palombarini, La variabile indipendente. Quale giustizia negli anni duemila, Dedalo, 2006;
  • G. Palombarini e G. Viglietta, La Costituzione e i diritti. Una storia italiana (La vicenda di Md dal primo governo di centro-sinistra all’ultimo governo Berlusconi), Edizioni scientifiche italiane, 2011.

 

La storia di Md si intreccia, ovviamente, con quella dell’Associazione nazionale magistrati ed è, dunque, d’obbligo il richiamo ad alcune storie generali:

  • R. Canosa e P. Federico, La magistratura in Italia dal 1945 a oggi, Il Mulino, Bologna, 1974;
  • R. Canosa, Storia della magistratura in Italia. Da piazza Fontana a Mani pulite, Baldini&Castoldi, 1996;
  • E. Bruti Liberati, La magistratura dall’attuazione della Costituzione agli anni novanta, in Storia dell’Italia repubblicana, vol. III, Einaudi, Torino, 1997;
  • V. Zagrebelsky, La magistratura ordinaria dalla Costituzione ad oggi, in Storia d’Italia, Annali 14, Legge, diritto, giustizia, a cura di L. Violante, Einaudi, 1998;
  • A. Meniconi, Storia della magistratura italiana, Il Mulino, 2012.

 

Sui primi passi di Magistratura democratica merita ricordare:

  • La magistratura italiana nel sistema politico e nell’ordinamento costituzionale, atti del seminario di Pisa del 28 aprile 1977 con relazione introduttiva di Salvatore Senese (Giuffrè, 1978);
  • M. Ramat (a cura di), Storia di un magistrato, Manifestolibri, Roma, 1986;
  • M. Ramat, Gli «spiccioli» di Magistratura democratica, in S. Mannuzzu e F. Clementi, Crisi della giurisdizione e crisi della politica, Franco Angeli, 1988.

 

Molti i testi sulle idee di Md (che si affiancano agli atti dei congressi e all’approfondito dibattito sulle Riviste promosse dal gruppo, Qualegiustizia e, poi, Questione giustizia). Su tutti:

  • G. Borrè, Le scelte di Magistratura democratica
  • L. Ferrajoli, Per una storia delle idee di Md
  • S. Senese, La vicenda culturale e politica di Magistratura democratica

tutti in N. Rossi [a cura di], Giudici e democrazia. La magistratura progressista nel mutamento istituzionale, Franco Angeli, 1994.

Recupero, salvaguardia e valorizzazione del patrimonio culturale e storico di “Magistratura Democratica”

In occasione del 50° anniversario della nascita, l’Associazione Magistratura democratica ha stipulato una convenzione con l’Istituto piemontese per la storia della resistenza e della società contemporanea “Giorgio Agosti” (ISTORETO) per la realizzazione di un progetto pluriennale di recupero, salvaguardia e valorizzazione del proprio patrimonio culturale e storico, dando vita a un complesso archivistico costituito dai fondi documentali dei propri aderenti a partire dagli anni ’60. Tale documentazione restituisce la storia, le attività e le relazioni dell’ente sull’intero territorio nazionale.

Ultimi articoli
Rassegna

Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca