Pillole

Le riforme necessarie

di G. Palombarini

di Giovanni Palombarini

Il governo di Mario Monti durerà, a mio giudizio, sino alla fine della legislatura. Fra un anno, dunque, vivremo una campagna elettorale presumibilmente molto vivace, nel corso della quale si parlerà molto della questione giustizia. La crisi di questo servizio sarà grave come oggi, con tutta la solita coda di polemiche su arretrati, disfunzioni, prescrizioni, danni al singolo cittadino e al paese. Fortunatamente non si parlerà di lodi, processi lunghi, prescrizioni brevi né, penso, di modifiche costituzionali finalizzate al controllo dell’esecutivo sul pm. Il tema sarà quello della funzionalità. Gli intellettuali non lo potranno evitare.

Qui, a mio giudizio, vi è lo spazio per un’iniziativa politico/culturale che solo Md può elaborare e proporre nel dibattito, lasciando da parte i discorsi sulle mini-riforme concretamente possibili. Si tratta di predisporre un documento, da diffondere ampiamente fra i partiti in lizza, chiamati a confrontarsi pubblicamente (ma anche i giornalisti, i docenti e gli studenti delle facoltà di giurisprudenza e scienze politiche, gli avvocati, gli stessi magistrati, compresi quelli della corte costituzionale, dovranno esserne i destinatari), che si ponga di fronte a tale questione per quello che essa sostanzialmente è. Detta in una parola, una catastrofe.

Ebbene, di fronte a una simile crisi quello che andrebbe proposto è un insieme di misure nuove, radicali, finalizzate a realizzare in tempi brevi non una giustizia astrattamente perfetta, corrispondente a una grande tradizione giuridica che tutti conoscono, a un’articolazione di principi giuridici di grande livello, bensì una giustizia possibile, qui e ora. Una giustizia possibile, praticabile, che assicuri al cittadino decisioni ragionevoli in tempi ragionevoli. Il documento dovrebbe intitolarsi le riforme  necessarie.

Un documento del genere dovrebbe avere il carattere della provocazione/proposta. Redigendone i vari paragrafi, quelli essenziali (ordinamento, processo civile, diritto penale sostanziale e processo), non si dovrebbe avere la preoccupazione dell’attuale realizzabilità delle proposte. E scontato che oggi come oggi, in questo parlamento, nessun soggetto politico le farebbe immediatamente proprie, anche se il ministro Severino ritiene che proprio la dura congiuntura economica possa favorire la riforma del sistema giudiziario. Quello che conta - in termini di carattere alternativo di una prospettiva riformatrice davvero nuova - è che domani, nella loro perentoria semplicità, appaiano a tutte le persone di buona fede come un complessivo progetto di cambiamento effettivo.

Fino a oggi le esigenze di difesa, di fronte agli attacchi della destra, hanno costretto Md a un atteggiamento prudente, difensivo (dice Michele Vietti, sulle barricate del fortino). Nel dibattito che sii svilupperà fra un anno sarà possibile una posizione diversa, con  una proposta di segno radicalmente alternativo, per una giustizia efficiente. Non sono io, a fronte delle competenze esistenti in Md, che posso formulare la proposta nelle sue articolazioni. Mi limito a richiamare cose già dette (anche in un documento sottoscritto con Viglietta).

In sintesi.

Per quel che concerne l’organizzazione, una giustizia possibile impone la revisione delle circoscrizioni (alle spalle Md ha il lavoro fatto nelle consiliature 1990-94 e 2006-10, sostenendo in entrambi i casi duri confronti: il discorso potrà essere molto concreto). Ne vanno  spiegati con semplicità i motivi. In particolare vanno brevemente illustrate le incongruenze e le perdite di forze, tempo e denaro della situazione attuale. Le resistenze saranno durissime (deputati di Pdl, Pd e Lega hanno presentato un emendamento al decreto milleproproghe per spostare dal settembre 2012 al settembre 2013 il taglio degli uffici giudiziari).

Per quel  che riguarda il processo penale vanno riprese, aggiornandole, una serie di proposte che il gruppo di Md ha messo insieme fin dall’inizio dello scorso decennio. Se si ha coraggio nel proporre una giustizia possibile, realizzata in tempi ragionevoli, è necessario proporre l’abolizione dell’appello, assegnando alle attuali corti, anch’esse da ridimensionare, il compito di decidere nei processi nei quali la corte di cassazione abbia annullato con rinvio una sentenza di primo grado. Andrebbero poi limitati i casi di ricorso e stabilite rigide preclusioni (ne ha scritto in particolare Francesco Iacoviello). Le restrizioni della libertà personale andrebbero regolate con forme più semplici e rapide e con effettive garanzie (rimando a un documento di Gianfranco Viglietta di qualche tempo fa). Va rifiutata la prospettiva della costruzione di nuove carceri: il diritto penale minimo è la filosofia di Md. Una depenalizzazione va affiancata dall’ampliamento delle pene alternative al carcere.

Per il civile, ugualmente, correzioni radicali vanno apportate al processo. Md ha alle spalle un lavoro importante anche in questo settore, con proposte (anche recenti), che vanno sintetizzate e dove necessario radicalizzate. Va ripreso il discorso delle preclusioni e va proposta l’inammissibilità dell’appello dichiarata dal giudice a quo. Inoltre le sentenze passate in giudicato devono essere subito effettivamente esecutive, senza ulteriori defatiganti procedure. Non bisogna poi avere paura dei giudici onorari: anche la loro è una giustizia possibile, qui e ora.

Che ne dite?

3 febbraio 2012
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.