Presentazione Medel

Che cosa è Medel

Presentazione di Medel: storia, scopi e Statuto di Magistrats Europèens pour la Dèmocratie et les Libertès

L'Associazione MEDEL (Magistrats européens pour la Démocratie et les Libertés) è stata fondata nel 1985 su iniziativa di associazioni e sindacati di Magistrati di sei Stati Europei. Fin dalla sua fondazione, MEDEL ha compreso associazioni nazionali sia di giudici che di pubblici ministeri.

L'idea della fondazione risale ai dibattiti condotti durante seminari internazionali alla Ecole nationale de la Magistrature di Bordeaux e a una discussione organizzata dal Syndicat de la Magistrature, il Sindacato francese di Giudici e Procuratori, in collaborazione con l'Università di Lille nell'Estate 1983, intitolata „Etre juge demain".

Nel 2006 MEDEL enucleava oltre 15.000 membri di 15 Associazioni di Magistrati di 11 Stati Membri.
Nel 2011, le associazioni sono diventate 21, mentre gli stati in cui Medel è rappresentata – anche da membri a titolo individuale – sono saliti a 13:

  1.      Belgio: Association syndicale des Magistrats (ASM), Magistratuur & Maatschappij (M&M),
  2.      Cipro: Cyprus Judges Association,
  3.      Repubblica Ceca: Soudcovska Unie Cheské Republiky; e Unie statnich zastupcu Cheske Republik
  4.      Francia: Syndicat de la Magistrature (SM),
  5.     Germania: Vereinigte Dienstleistungsgewerkschaft VER.DI e Neue Richtervereinigung (NRV),
  6.     Grecia: Eteria EllenikonDikastikon Litourgon gia ti Demokratia ke tis Elefteries,
  7.     Italia: Magistratura democratica (MD) e Movimento per la Giustizia,
  8.     Polonia: Iustitia e Associazione dei procuratori della Polonia,
  9.     Portogallo: Associação Sindical dos Juizes Portugueses (ASJP) e Sindicato dos Magistrados do Ministerio Público (SMMP),
  10.     Romania: Unione Nazionale dei Giudici Rumeni (UNJR) ,
  11.     Serbia: Društva sudija Srbije e Udruzenje Javnih Tuzilaca Izamenka Javnih Tuzilaca Srbje
  12.     Spagna: Jueces para la Democracia (JpD) e Unión progresista de Fiscales (UPF),
  13.     Turchia: Yarsav – Yargiçlar Ve Saviclarc Birligi

Organi - Consiglio d'amministrazione e Bureau

Il Consiglio d'amministrazione è il centro dello scambio d'informazioni a livello internazionale e del coordinamento delle singole Associazioni affiliate. Il Bureau fornisce le direttive politiche e organizzative dell'Associazione. Ogni Stato Membro invia quattro delegati. Il Consiglio d'amministrazione si riunisce tre o quattro volte l'anno in varie località europee, permettendo dunque ai Magistrati di partecipare attivamente ai dibattiti.
 Il Bureau di MEDEL è composto da sette membri, è eletto dal Consiglio d'amministrazione e può essere rieletto per altri due anni.
Questi sono i membri del Bureau in carica fino al novembre 2011:

Vito Monetti presidente
Antonio Cluny, vicepresidente, Procura generale - Portogallo
Ignacio Gonzales, tesoriere, Tribunale Madrid - Spagna
Eric Alt, Corte di cassazione - Francia
Dana Girbovan, Tribunale Iasi - Romania
Thomas Guddat, Tribunale Dresda - Germania
Stavros Matakiozidis, Procura Corte appello Atene - Grecia

Gli obiettivi di MEDEL sono i seguenti:

  •   Difesa dell'indipendenza della magistratura;
  •   Rispetto assoluto dei valori dello Stato di diritto democratico;
  •   Promozione della cultura giuridica, democratica europea;
  •   Democratizzazione della magistratura;
  •   Diritto di espressione, di riunione e associazione per i magistrati;
  •   Rispetto dei diritti delle minoranze e delle differenze, in particolare degli immigrati e dei meno abbienti, in una prospettiva di emancipazione sociale dei più deboli.

MEDEL persegue l'obiettivo di una Giustizia aperta e trasparente, le cui attività e decisioni siano comprese e accettate dai cittadini.

Nella Dichiarazione di Palermo (1993), MEDEL ha gettato le basi per uno Statuto europeo della magistratura. Tali principi sono attualmente in parte consacrati nella Carta europea sullo statuto dei giudici (10 luglio 1998), alla cui elaborazione ha partecipato anche MEDEL. Nel 1996, a Napoli, MEDEL ha adottato una Dichiarazione di principio sul pubblico ministero.

MEDEL comprende associazioni e sindacati di giudici e di procuratori; incombe infatti a tutti i magistrati di difendere i medesimi valori. MEDEL difende una giustizia impegnata a rendere effettivi tali valori, particolarmente quelli consacrati nella Convenzione europea dei diritti dell'uomo.
MEDEL partecipa anche alla costruzione dello Spazio di giustizia europeo e fa sentire la propria voce nei dibattiti sulla Giustizia in Europa, quale espressione di un vero e proprio pluralismo nell'ambito della magistratura europea.

Partecipazione di MEDEL alle attività istituzionali europee

MEDEL sostiene l'integrazione europea, in particolare il dialogo fra le Istituzioni europee, giudici e pubblici ministeri progressisti e indipendenti.

MEDEL è un'organizzazione non governativa riconosciuta formalmente quale osservatore dal Consiglio d'Europa. In questo contesto, l'Associazione partecipa soprattutto alle attività del Consiglio consultivo dei giudici europei, della Commissione europea per l'efficienza della giustizia e del Consiglio consultivo dei procuratori europei. Analogo riconoscimento MEDEL ha ricevuto anche da un altro organismo del Consiglio d'Europa, il Comitato europeo per le questioni criminali.

MEDEL ha espresso pareri su determinati progetti e Libri verdi della Commissione Europea, fra cui si devono ricordare quello sulla creazione di una Procura Europea, quello sulle garanzie procedurali nel processo penale, quello sul mutuo riconoscimento e l'esecuzione della pena in ambito europeo, quello sui conflitti di giurisdizione e sul principio di „ne bis in idem" europeo.

La collaborazione tra MEDEL e Parlamento Europeo si concentra prevalentemente sulla "Commissione per la libertà civile, per la Giustizia e per gli Affari Interni".
 
Colloqui e Seminari

MEDEL si occupa delle questioni fondamentali della giustizia e della pratica professionale di giudici e procuratori, offrendosi come luogo di scambio di opinioni e dibattiti volti a  favorire il confronto tra giudici e procuratori di vari stati europei. Le riunioni periodiche del Consiglio d'amministrazione offrono lo spunto per organizzare dibattiti allargati in cui per trattare determinati temi con i giudici e i procuratori del Paese ospitante.
I dibattiti pubblici fra magistrati, nell'ambito dell'Unione Europea e degli Stati Membri,  contribuiscono allo sviluppo della cooperazione giudiziaria e alla valorizzazione delle Prassi virtuose. MEDEL partecipa inoltre alla formazione comune, a Progetti di gemellaggio e ai programmi internazionali di scambio che promuovono la fiducia reciproca tra magistrati degli Stati Membri.

10 agosto 2011
Ultimi articoli
Ordinamento penitenziario

Senza paura. Nel nome della sicurezza e dei diritti si approvi la riforma

L’appello di Md e Antigone a tutte le forze politiche
Diritto di asilo

Il diritto di difesa non è uguale per tutti

di Silvia Albano* e Riccardo De Vito**
La previsione dell’audizione del richiedente asilo senza l’assistenza del suo avvocato difensore non solo lede gravemente il diritto di difesa della parte, tutelato dall’art 24 della Costituzione, ma rischia anche di rendere meno efficace e rilevante la stessa audizione del richiedente
Ordinamento penitenziario

Appello al governo

Pubblichiamo il testo di un appello sottoscritto da diverse associazioni in rappresentanza dei mondi dell’università, dell’avvocatura, della magistratura e del volontariato, nonché da autorevoli giuristi e da personalità della società civile. L’appello, indirizzato al Governo, auspica l’approvazione definitiva della riforma penitenziaria, in attuazione delle delega conferita con la l. n. 103/2017. La riforma, giunta a un passo dal varo definitivo con l’approvazione dello schema di decreto legislativo, rischia ora una definitiva battuta d’arresto per via della fine della legislatura.
Rassegna

Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti