Migranti

Medel, solidarietà con Proactiva Open Arms

L’immigrazione fa parte della storia dei nostri popoli e della nostra civiltà. Di fronte alla tragedia umanitaria che è ad essa legata nessuno può sentirsi inerme testimone

Come Medel ha ricordato nella dichiarazione di Palma Declaration for Refugees and Migrants dell’11 marzo 2017[1], l’immigrazione è oggi la storia di una grande tragedia umanitaria, che da tempo si consuma sotto i nostri occhi e nei nostri mari dove trovano la morte migliaia di migranti, scampati alle guerre e alla fame.

La stessa tragedia continua nei centri di trattenimento libici dove i migranti, ai quali viene negato il diritto fondamentale d’asilo e la possibilità di raggiungere i Paesi dove possa essere esercitato, diventano vittime dei trattamenti inumani e degradanti, come confermato di recente dal Segretario generale dell’Onu sulla base dell’inchiesta condotta dallo United Nations Support Mission in Libya[2].

Di fronte alla storia di migrazioni che stiamo vivendo nessuno può sentirsi inerme testimone.

Ginetta Sagan ha scritto: «Il silenzio di fronte all’ingiustizia è complicità con l’oppressore».

Quel che accade chiama in causa l’identità democratica dell’Europa, l’universalità e l’indivisibilità dei diritti fondamentali che fanno parte del suo patrimonio spirituale e morale, per il cui effettivo godimento l’Unione Europea ha assunto “responsabilità e doveri” nei confronti di tutta la comunità umana e delle generazioni future.

Responsabilità e doveri che impongono all’Europa di porre fine alle tragedie in mare, e di accogliere i migranti in luoghi sicuri, con il divieto assoluto, stabilito da numerose convenzioni internazionali e dalle Corti europee[3], di attuare il respingimento e l’allontanamento verso luoghi dove possono correre il rischio di torture e di trattamenti disumani.

Il soccorso in mare e l’accoglienza dei migranti in luoghi sicuri risponde a un obbligo giuridico e a un dovere morale.

L’attività svolta dalle ong ha supplito in questi anni alle carenze degli Stati e dell’Europa, ha garantito l’unica via di salvezza verso Paesi sicuri di migliaia di persone nel Mediterraneo e ha dato risposta all’“imperativo etico” che ci impone di mettere al primo posto la vita e la protezione dei profughi in grave situazione di vulnerabilità.

Con gli interventi di soccorso in mare di Open Arms, 59.000 migranti sono stati tratti in salvo nel Mediterraneo, e si è così impedito un aumento del vergognoso numero di morti già registrato quest’anno.

Come riconoscimento del suo impegno umanitario che rappresenta la testimonianza sul campo di un’azione a difesa dei diritti fondamentali delle persone, in nome dei valori di solidarietà e dei sentimenti umanitari che fanno parte della nostra civiltà e della nostra cultura, Medel ha proposto Open Arms per l’assegnazione del Premio Václav Havel per i Diritti umani 2018 dell’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa.

Nel pieno rispetto delle decisioni delle autorità giudiziarie che riguardano le operazioni di soccorso attuate da Open Arms il 15 marzo 2018, riteniamo di dover ricordare che la valutazione delle condotte di salvataggio in mare non può prescindere dalla considerazione dell’interesse primario ad assicurare, in ogni circostanza, la salvezza dei migranti, e delle finalità umanitarie che sono a fondamento dell’azione di soccorso.

Richiamiamo la dichiarazione di Medel del 7 ottobre 2013[4], che purtroppo è ancora valida: nel preambolo della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione Europea, è scritto che «l’Unione si fonda sui valori indivisibili e universali della dignità umana, della libertà, dell'uguaglianza e della solidarietà» e che «il godimento di questi diritti fa sorgere responsabilità e doveri nei confronti degli altri come pure della comunità umana e delle generazioni future».

È tempo per l’Unione Europea di dimostrare che non sono parole vuote.

La dichiarazione di Medel in lingua Inglese

 

[1] www.medelnet.eu/index.php/news/europe/371-medel-palma-declaration-for-refugees-and-migrants

[2] Cfr. Hirsi Jamaa and others v. Italy [GC], n. 27765/09, par. 33-42, e par. 123-138 dove la Corte europea dei diritti dell’uomo elenca e analizza i più rilevanti documenti internazionali che riguardano la situazione dei migranti in Libia.

[3] Cfr., inter alia, ECtHR, Saadi v. Italy [GC], n. 37201, M.S.S. v. Belgium and Greece [GC], n. 30696/09, Tarakhel v. Switzerland [GC], n. 29217/12 y Paposhvili v. Belgium [GC], n. 41738/10.

[4] www.medelnet.eu/index.php/news/europe/210-medel-calls-for-new-immigration-rules

31 marzo 2018
Ultimi articoli
Rassegna

«Csm, il sorteggio non può garantire il pluralismo»

di Giulia Marzia Locati
Pubblicato da il Fatto Quotidiano del 12 luglio 2019
Rassegna

«Ma il sorteggio mortifica il Csm»

Lettera di Mariarosaria Guglielmi al direttore de la Repubblica
Rassegna

Lo scandalo al Csm e le buone ragioni dell’associazionismo dei magistrati

di Gaetano Azzariti
Pubblichiamo articolo tratto dal il manifesto del 21 giugno 2019
In ricordo

L’attualità dell’insegnamento e della testimonianza di Salvatore Senese

di Edmondo Bruti Liberati
In tutte le sue diverse esperienze di “magistrato impegnato” ha mostrato come la fermezza sui valori e sulle idee debba unirsi all’ascolto e al confronto rifuggendo sempre da ogni settarismo
In ricordo

Per Salvatore Senese

di MD Toscana
Il vuoto lasciato dalla sua scomparsa non è di quelli che possano essere facilmente colmati. Non lo sarebbe stato in nessuna fase della vita di Magistratura democratica. Ma oggi, con tutto quello che sta succedendo, è facile capire che quel vuoto rimarrà per molto tempo ad ammonirci
In ricordo

Salvatore Senese, la sua lezione di fronte allo squallore di oggi

Proponiamo il brano di Luigi Ferrajoli pubblicato da il manifesto del 18 giugno 2019.

Nelle sue parole, il miglior antidoto alla demagogia di chi chiede il dissolvimento delle associazioni e, così facendo, impedisce un reale cambiamento delle stesse o propone di cambiare tutto per non cambiare niente. (L’Esecutivo nazionale di Magistratura democratica)