Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione

 

MEDEL accoglie con favore la decisione della Commissione Europea, annunciata il 14 gennaio 2020, di richiedere alla Corte di Giustizia dell’UE l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione concernente il nuovo sistema disciplinare applicabile ai giudici polacchi.

La situazione si è notevolmente aggravata negli ultimi mesi, con nuove leggi volte a indebolire ulteriormente l’indipendenza del sistema giudiziario e a impedire che in Polonia si dia seguito alle pronunce della Corte di Giustizia.

Con la pronuncia del 24 giugno 2019 (C-619/18) la Corte ha stabilito che gli Stati Membri devono osservare gli obblighi che derivano dal diritto dell’Unione (…) e prevedere un sistema di rimedi volti a garantire una tutela giurisdizionale effettiva come riconosciuto nella Carta dei diritti Fondamentali dell’Unione Europea.

Successivamente, pronunciandosi nella serie di decisioni in tema di “rule of law” del 19 novembre relative ai procedimenti  C-585/18, C-624/18, C-625/18,  la Corte di Giustizia ha indicato un insieme di elementi che, considerati in modo combinato, potrebbero portare a ritenere la non conformità al valore dello stato di diritto di molte importanti articolazioni del sistema giudiziario polacco, rimettendo alla  Corte Suprema  la verifica della presenza di garanzie di indipendenza e imparzialità.

La risposta del governo polacco a questa pronuncia è stata una proposta di legge volta a un ulteriore giro di vite sui giudici, con disposizioni che introducono una responsabilità disciplinare nel caso di attuazione della pronuncia della Corte di Giustizia del 19 novembre 2019 e permettono, insieme a altri interventi, l’estensione alla Corte Suprema di un pervasivo controllo da parte dell’esecutivo.

Il governo polacco ha ignorato le richieste della Commissione Europea, dell’OSCE, dell’ENCJ volte alla cessazione dell’azione di ulteriore smantellamento dello stato di diritto e ha parimenti ignorato la delegazione speciale inviata dalla Commissione di Venezia.

Inoltre, più giudici che hanno tentato di dare applicazione diretta alla pronuncia della Corte di Giustizia sono stati vittime di azioni persecutorie condotte da autorità statali, con sanzioni comprendenti la sospensione, l’avvio di procedimenti disciplinari basati sull’accusa della commissione di reati, la regressione in carriera o la sospensione volta alla rimozione dalla carica.

Queste decisioni hanno innescato un’immediata risposta da parte dell’opinione pubblica e dei membri delle professioni giuridiche in Polonia.

Più di 30.000 persone, fra cui migliaia di giudici, avvocati, consulenti giuridici e pubblici ministeri si sono riuniti a Varsavia l’11 gennaio 2020 per protestare, attraverso una “Marcia Silenziosa”, contro la distruzione dello stato di diritto.

La protesta ha visto la partecipazione anche di 55 giudici di 22 diversi Stati europei, in rappresentanza di organi giudiziari e di associazioni nazionali e internazionali di magistrati, ed è stata sostenuta dalla maggior parte delle associazioni forensi degli stati membri dell’UE.

La richiesta della Commissione Europea di provvedimenti provvisori volti a impedire l’operatività della sezione disciplinare della Corte Suprema, oggetto del conflitto e palesemente in conflitto con i Trattati e con la Costituzione polacca (in quanto strumento di intimidazione dei giudici), è un passo importante verso la ricostruzione dello stato di diritto in Polonia e la tutela dell’ordinamento eurounitario. 

Considerata la determinazione e la velocità con le quali il governo polacco procede a estendere ulteriormente il suo controllo sul sistema giudiziario, MEDEL ritiene che una richiesta di trattazione con procedimento accelerato possa in questo caso permettere una più efficace risposta contro ulteriori iniziative volte a tal fine.

15 gennaio 2020
Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.