Quali scelte di civiltà?

di Giovanni Palombarini

Passeranno le primarie, ci saranno le elezioni politiche e poi quelle per il Csm, e le lunghe trattative per formare un Governo. In Europa si cercheranno nuovi equilibri, sempre sotto il controllo dei centri internazionali del potere finanziario. I media di questo parleranno.

Nel frattempo, nel nostro panorama politico e nel mondo della cultura, ci sarà qualcuno disponibile ad affrontare tematiche non popolari, apparentemente lontane, che però attengono innanzitutto a scelte di civiltà? Elencarle anche in sintesi non è facile. I curdi e i palestinesi, con le risoluzioni dell’Onu tranquillamente dimenticate. La produzione di armi e la vendita a stati lontani da ogni forma di democrazia, pronti a utilizzarle in modo spregiudicato anche ai danni di popolazioni inermi. L’esternalizzazione delle frontiere. Gli accordi con Turchia e Libia per fermare le migrazioni. Il crescere della forbice, anche da noi, tra ricchi e poveri.

Continuo a pensare che sia utile mettere insieme un po’ di questi mattoncini, che potranno tornare utili domani.

21 gennaio 2018
Ultimi articoli
Commenti

La controriforma gialloverde delle carceri

di Riccardo De Vito
L'analisi. I contenuti del decreto legislativo in tema di ordinamento penitenziario approvato dal Consiglio dei Ministri il 2 agosto (Il Manifesto)
L’intervento

La magistratura torni all’impegno comune sui diritti e sulle garanzie

di Mariarosaria Guglielmi
Corriere della Sera, 31 luglio 2018
Nave Diciotti

Riccardo De Vito: «Ministro dell’Interno distante dai principi della Costituzione»

Per il presidente di Md, ancora una volta la vicenda dei migranti strumentalizzata per fini politici
Giustizia

Md: il ministro prenda distanze da dichiarazioni sottosegretario Morrone

Associazionismo dei magistrati e cultura giurisdizione siano sempre baluardo dei diritti fondamentali
Elezioni Csm

Sanlorenzo: «L’attacco del ministro ai magistrati va oltre ogni diritto di critica»

Intervista a Rita Sanlorenzo, candidata di Area contro Piercamillo Davigo alle elezioni del Csm. Un esponente delle istituzioni trasforma una questione privata come capo-partito in una questione istituzionale. Il Csm intervenga con una pratica a tutela dei colleghi (Il Manifesto)
Elezioni Csm

Giangiacomo: «Basta carrierismo: i magistrati devono fare un salto culturale…»

Parla Bruno Giangiacomo, presidente del Tribunale di Vasto e candidato per i giudici di merito per Area, alle elezioni per il rinnovo del Csm (Il Dubbio)