Mailing List

Md gestisce varie liste di discussione di cui una riservata soltanto ai propri iscritti e una newsletter di comunicazione periodica.

Le mailing list offrono a tutti gli iscritti la possibilità di discutere e dialogare tra loro a distanza, mediante la posta elettronica. Ciascun iscritto può scambiare le proprie opinioni con quelle di tutti gli altri iscritti. Le mailing list di Md non sono moderate, i messaggi non subiscono filtri preventivi.

Oltre ad una lista di discussione generale, in comune con il Movimento per la giustizia - Art.3 e Area Democratica per la Giustizia, sono attive le seguenti liste tematiche:

 

Sono inoltre attive quattro liste distrettuali:

 

Per iscriversi a una delle mailing list, è sufficiente visitare il link relativo (cliccando sul nome della lista) e compilare il modulo online, fornendo il proprio indirizzo email oltre al nome, cognome e qualifica. La redazione provvederà poi a dare conferma dell'avvenuta iscrizione.

Visitando la pagina di iscrizione, è possibile modificare tutte le proprie impostazioni: per esempio, si può decidere di ricevere singoli messaggi, oppure un digest quotidiano (un solo messaggio contenente tutti quelli diffusi quel giorno dalla lista). Da tale pagina è possibile anche modificare il proprio indirizzo o procedere alla cancellazione dalla lista.

Per semplificare le cose, ogni mese a ciascun iscritto viene inviato un riepilogo delle liste che ha attivato su Md, con le istruzioni per tutte le possibili modifiche.

Ultimi articoli

In memoria di Pino Airò

Magistratura Democratica lo ricorda attraverso le parole di due amici
Bulgaria

Dichiarazione di Medel sugli attacchi subiti dai giudici bulgari

Medel esprime il suo sostegno ai giudici e all’Associazione dei Giudici Bulgari per gli attacchi subiti dopo la pronuncia emessa a settembre dalla Corte di Appello di Sofia nel caso Jock Palfreeman

Dichiarazione di Medel sulle riforme del sistema giudiziario nella Repubblica di Moldavia

Immigrazione

Dichiarazione di Medel (Magistrats européens pour la démocratie et les libertés) sulle attività di soccorso in mare e il decreto sicurezza-bis

Di fronte alle scelte degli stati membri che sono in aperto conflitto con i valori sui quali l’Unione si fonda, l’Europa deve rimanere fedele alla sua storia e alla sua identità e adottare con urgenza una politica in materia di immigrazione per garantire la  tutela effettiva dei diritti di tutte le persone, che rappresenta un  limite invalicabile per  tutti i governi e i legislatori nazionali
Rassegna

«Il diritto alla vita vale meno di un ordine al governo»

«Il decreto sicurezza bis trascina il nostro Paese in un mondo capovolto rispetto al progetto costituzionale democratico dell’Italia repubblicana», dice il presidente di Magistratura democratica Riccardo De Vito.
(Il Manifesto, 7 agosto 2019)
Rassegna

«Csm, il sorteggio non può garantire il pluralismo»

di Giulia Marzia Locati
Pubblicato da il Fatto Quotidiano del 12 luglio 2019