Un magistrato per i cittadini

Md dà vita al proprio archivio storico

Nel 2014 Magistratura Democratica ha compiuto cinquant’anni e ha deciso che fosse giunto il momento di raccogliere i documenti essenziali della propria storia e dei tanti soggetti che l’hanno accompagnata in questa lunga evoluzione.

Il risultato è stato sorprendente grazie alla cura con cui tanti magistrati e i loro familiari hanno serbato per anni e decenni archivi che costituiscono virtualmente un archivio collettivo, fatto di documenti interni alla vita dell’Associazione, di comunicati, di atti di convegni e congressi, di pubblicazioni, di corrispondenza.

A questi si aggiungono ora documenti multimediali, dai filmati d’epoca alle interviste raccolte nel tempo.

La storia che ne emerge è la storia di cinquant’anni di vita politica e sociale e va oltre quella di un gruppo di magistrati per ripercorrere esperienze decisive per lo sviluppo del nostro Paese.

Migliaia di documenti provenienti dalle diverse aree del Paese e dalle tante articolazioni che Magistratura Democratica ha conosciuto nel tempo ci parlano di decenni densi di trasformazioni, di singoli eventi, di conflitti, di cadute e di passi avanti sulla via della democratizzazione del tessuto sociale, delle istituzioni, della stessa magistratura.

Un vero e proprio tesoro che si metterà a disposizione dei cittadini e degli studiosi una volta riordinato e descritto. Forte dell’esperienza e delle professionalità che tutti conoscono, Istoreto si è assunto il compito di conservare i tanti fondi d’archivio e di realizzare l’opera di ordinamento e di valorizzazione dei materiali che stanno giungendo a Torino. A rendere possibile la realizzazione dell’intero progetto il convinto sostegno della Compagnia di San Paolo.

Interverranno all’incontro i Professori Guido Neppi Modona e Claudio Dellavalle e l’Avvocato Antonio Rossomando. A coordinare i lavori il Dottor Luigi Marini, Presidente nazionale di Magistratura Democratica. Ulteriori informazioni sono disponibili nel programma allegato.


Mercoledì 18 Marzo 2015 ore 17,00

Sala Conferenze del Museo Diffuso della Resistenza

Corso Valdocco 4/A Torino

LA LOCANDINA:

18 marzo 2015
Ultimi articoli
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
L'intervento

Il senso e l'etica del mestiere del magistrato

Due recenti casi richiamano la magistratura all'etica dei comportamenti
Caldarozzi alla Dia

De Vito, presidente di Md: «Sorpreso da questa promozione»

L'intervista a Il Manifesto, 28 dicembre 2017