Un magistrato per i cittadini

Md dà vita al proprio archivio storico

Nel 2014 Magistratura Democratica ha compiuto cinquant’anni e ha deciso che fosse giunto il momento di raccogliere i documenti essenziali della propria storia e dei tanti soggetti che l’hanno accompagnata in questa lunga evoluzione.

Il risultato è stato sorprendente grazie alla cura con cui tanti magistrati e i loro familiari hanno serbato per anni e decenni archivi che costituiscono virtualmente un archivio collettivo, fatto di documenti interni alla vita dell’Associazione, di comunicati, di atti di convegni e congressi, di pubblicazioni, di corrispondenza.

A questi si aggiungono ora documenti multimediali, dai filmati d’epoca alle interviste raccolte nel tempo.

La storia che ne emerge è la storia di cinquant’anni di vita politica e sociale e va oltre quella di un gruppo di magistrati per ripercorrere esperienze decisive per lo sviluppo del nostro Paese.

Migliaia di documenti provenienti dalle diverse aree del Paese e dalle tante articolazioni che Magistratura Democratica ha conosciuto nel tempo ci parlano di decenni densi di trasformazioni, di singoli eventi, di conflitti, di cadute e di passi avanti sulla via della democratizzazione del tessuto sociale, delle istituzioni, della stessa magistratura.

Un vero e proprio tesoro che si metterà a disposizione dei cittadini e degli studiosi una volta riordinato e descritto. Forte dell’esperienza e delle professionalità che tutti conoscono, Istoreto si è assunto il compito di conservare i tanti fondi d’archivio e di realizzare l’opera di ordinamento e di valorizzazione dei materiali che stanno giungendo a Torino. A rendere possibile la realizzazione dell’intero progetto il convinto sostegno della Compagnia di San Paolo.

Interverranno all’incontro i Professori Guido Neppi Modona e Claudio Dellavalle e l’Avvocato Antonio Rossomando. A coordinare i lavori il Dottor Luigi Marini, Presidente nazionale di Magistratura Democratica. Ulteriori informazioni sono disponibili nel programma allegato.


Mercoledì 18 Marzo 2015 ore 17,00

Sala Conferenze del Museo Diffuso della Resistenza

Corso Valdocco 4/A Torino

LA LOCANDINA:

18 marzo 2015
Ultimi articoli
Polonia.

WeDisagree. La voce dei giuristi polacchi

Il video raccoglie le voci dei giuristi polacchi, che esprimono la loro opposizione a quello che sta succedendo il Polonia: “la nostra comune casa democratica viene smantellata da coloro che sono al potere, pezzo dopo pezzo, in violazione della nostra Costituzione e dello stato di diritto”
Sulla proposta di riforma.

Separazione delle carriere: a rischio l’indipendenza del Pubblico ministero

La riforma è contraria ai principi affermati in ambito europeo che incoraggiano l'autonomia del pubblico ministero come presupposto dell'indipendenza di tutto il potere giudiziario, per una giustizia equa, imparziale ed efficiente
Polonia.

Nuova procedura di infrazione per le riforme sulla giustizia

di Mariarosaria Guglielmi
Dichiarazione di Medel sulla procedura d’infrazione della Commissione Europea contro la Polonia per il nuovo sistema disciplinare dei magistrati, contrario al principio di indipendenza della magistratura
Liberazione.

Il senso dell’unità antifascista e costituzionale del 25 aprile

La giornata della memoria antinazista e antifascista assume quest’anno un significato più forte, come risposta a quanti in Italia e in Europa predicano teorie contrarie alla nostra Costituzione e rivendicano scelte di negazione dei diritti
Ricordando Walter.

Nessuno muore sulla terra finché vive nel cuore di chi resta

Oggi al duomo di Monza una folla di donne e di uomini ha salutato Walter Mapelli, Procuratore della Repubblica di Bergamo che ci ha lasciato l’8 aprile, dopo una lunga malattia
Polonia.

Il messaggio dei giudici polacchi aderenti a Iustitia

La testimonianza dell’impegno a contrastare la crisi dello Stato di diritto