Un magistrato per i cittadini

Md dà vita al proprio archivio storico

Nel 2014 Magistratura Democratica ha compiuto cinquant’anni e ha deciso che fosse giunto il momento di raccogliere i documenti essenziali della propria storia e dei tanti soggetti che l’hanno accompagnata in questa lunga evoluzione.

Il risultato è stato sorprendente grazie alla cura con cui tanti magistrati e i loro familiari hanno serbato per anni e decenni archivi che costituiscono virtualmente un archivio collettivo, fatto di documenti interni alla vita dell’Associazione, di comunicati, di atti di convegni e congressi, di pubblicazioni, di corrispondenza.

A questi si aggiungono ora documenti multimediali, dai filmati d’epoca alle interviste raccolte nel tempo.

La storia che ne emerge è la storia di cinquant’anni di vita politica e sociale e va oltre quella di un gruppo di magistrati per ripercorrere esperienze decisive per lo sviluppo del nostro Paese.

Migliaia di documenti provenienti dalle diverse aree del Paese e dalle tante articolazioni che Magistratura Democratica ha conosciuto nel tempo ci parlano di decenni densi di trasformazioni, di singoli eventi, di conflitti, di cadute e di passi avanti sulla via della democratizzazione del tessuto sociale, delle istituzioni, della stessa magistratura.

Un vero e proprio tesoro che si metterà a disposizione dei cittadini e degli studiosi una volta riordinato e descritto. Forte dell’esperienza e delle professionalità che tutti conoscono, Istoreto si è assunto il compito di conservare i tanti fondi d’archivio e di realizzare l’opera di ordinamento e di valorizzazione dei materiali che stanno giungendo a Torino. A rendere possibile la realizzazione dell’intero progetto il convinto sostegno della Compagnia di San Paolo.

Interverranno all’incontro i Professori Guido Neppi Modona e Claudio Dellavalle e l’Avvocato Antonio Rossomando. A coordinare i lavori il Dottor Luigi Marini, Presidente nazionale di Magistratura Democratica. Ulteriori informazioni sono disponibili nel programma allegato.


Mercoledì 18 Marzo 2015 ore 17,00

Sala Conferenze del Museo Diffuso della Resistenza

Corso Valdocco 4/A Torino

LA LOCANDINA:

18 marzo 2015
Ultimi articoli
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore
Indagini e stampa

Calabria «smontata» dal processo mediatico

di Emilio Sirianni
Prudenza istituzionale e rispetto delle persone coinvolte, inclusi gli indagati, impongono sobrietà e cautela nelle dichiarazioni rese dai magistrati alla stampa
Genova, 34° Congresso Anm

“La nuova sfida di fedeltà alla Costituzione”

di Mariarosaria Guglielmi
Incondizionata fedeltà alla Carta fondamentale, rinnovata consapevolezza del ruolo costituzionale della giurisdizione e piena responsabilità professionale e culturale: queste le grandi sfide democratiche, che coinvolgono il futuro dell’Europa e dello Stato di diritto, sulle quali la Magistratura è chiamata ad impegnarsi collettivamente