Un magistrato per i cittadini

Md dà vita al proprio archivio storico

Nel 2014 Magistratura Democratica ha compiuto cinquant’anni e ha deciso che fosse giunto il momento di raccogliere i documenti essenziali della propria storia e dei tanti soggetti che l’hanno accompagnata in questa lunga evoluzione.

Il risultato è stato sorprendente grazie alla cura con cui tanti magistrati e i loro familiari hanno serbato per anni e decenni archivi che costituiscono virtualmente un archivio collettivo, fatto di documenti interni alla vita dell’Associazione, di comunicati, di atti di convegni e congressi, di pubblicazioni, di corrispondenza.

A questi si aggiungono ora documenti multimediali, dai filmati d’epoca alle interviste raccolte nel tempo.

La storia che ne emerge è la storia di cinquant’anni di vita politica e sociale e va oltre quella di un gruppo di magistrati per ripercorrere esperienze decisive per lo sviluppo del nostro Paese.

Migliaia di documenti provenienti dalle diverse aree del Paese e dalle tante articolazioni che Magistratura Democratica ha conosciuto nel tempo ci parlano di decenni densi di trasformazioni, di singoli eventi, di conflitti, di cadute e di passi avanti sulla via della democratizzazione del tessuto sociale, delle istituzioni, della stessa magistratura.

Un vero e proprio tesoro che si metterà a disposizione dei cittadini e degli studiosi una volta riordinato e descritto. Forte dell’esperienza e delle professionalità che tutti conoscono, Istoreto si è assunto il compito di conservare i tanti fondi d’archivio e di realizzare l’opera di ordinamento e di valorizzazione dei materiali che stanno giungendo a Torino. A rendere possibile la realizzazione dell’intero progetto il convinto sostegno della Compagnia di San Paolo.

Interverranno all’incontro i Professori Guido Neppi Modona e Claudio Dellavalle e l’Avvocato Antonio Rossomando. A coordinare i lavori il Dottor Luigi Marini, Presidente nazionale di Magistratura Democratica. Ulteriori informazioni sono disponibili nel programma allegato.


Mercoledì 18 Marzo 2015 ore 17,00

Sala Conferenze del Museo Diffuso della Resistenza

Corso Valdocco 4/A Torino

LA LOCANDINA:

18 marzo 2015
Ultimi articoli
Ordinamento penitenziario

Senza paura. Nel nome della sicurezza e dei diritti si approvi la riforma

L’appello di Md e Antigone a tutte le forze politiche
Diritto di asilo

Il diritto di difesa non è uguale per tutti

di Silvia Albano* e Riccardo De Vito**
La previsione dell’audizione del richiedente asilo senza l’assistenza del suo avvocato difensore non solo lede gravemente il diritto di difesa della parte, tutelato dall’art 24 della Costituzione, ma rischia anche di rendere meno efficace e rilevante la stessa audizione del richiedente
Ordinamento penitenziario

Appello al governo

Pubblichiamo il testo di un appello sottoscritto da diverse associazioni in rappresentanza dei mondi dell’università, dell’avvocatura, della magistratura e del volontariato, nonché da autorevoli giuristi e da personalità della società civile. L’appello, indirizzato al Governo, auspica l’approvazione definitiva della riforma penitenziaria, in attuazione delle delega conferita con la l. n. 103/2017. La riforma, giunta a un passo dal varo definitivo con l’approvazione dello schema di decreto legislativo, rischia ora una definitiva battuta d’arresto per via della fine della legislatura.
Rassegna

Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti