Convegno

Stefano Rodotà:
la cultura del diritto

Stefano Rodotà ha rappresentato, per le istituzioni e il mondo accademico, un punto di riferimento costante per la sua presenza intellettuale e la disponibilità al confronto, sempre misurato e lucido, caratterizzato da profondità scientifica, fermezza e spessore culturale. Una presenza che è impossibile, per la sua portata, non percepire, anche ora, viva e stimolante. E che ci porta verso interrogativi sempre nuovi al mutare del contesto sociale e politico, soprattutto in un momento di transizione e di incertezza come quello attuale.

    A meno di un anno dalla sua scomparsa, vogliamo riflettere sulla sua statura e sul messaggio che ha trasmesso a tutti noi, al mondo accademico e, ancor di più, agli studenti, per i quali ha rappresentato uno speciale modello di autorevolezza, perché riusciva a trasmettere i suoi insegnamenti “azzerando le distanze” e creando una preziosa sinergia fra il sapere e l’esperienza.

    Questo convegno è, quindi, un momento di affetto e di attenta riflessione che, insieme, Magistratura democratica, il Dipartimento di Scienze giuridiche e la Facoltà di giurisprudenza dell’Università di Roma, La Sapienza vogliono dedicare a un grande Maestro e compagno di vita. E che, soprattutto, vuole essere l’occasione per rileggere il suo messaggio di fronte agli interrogativi che emergono oggi, perché siamo convinti che bisogna partire da qui: da un dialogo, quello col suo pensiero, che si impone come un vero e proprio dovere intellettuale rispetto a una figura, quella di Stefano Rodotà, sempre capace di entrare nei problemi e nei conflitti sociali, compresi quelli che, spesso con preoccupazione, aveva in largo anticipo previsto (dalle questioni di bio diritto e del post umano alle varie crisi dell'Europa stretta tra l'austerity e la mancanza di solidarietà sino alla carenza di politiche per sradicare la povertà).

 

 

Roma, 18 maggio 2018
Sapienza, Università di Roma
Facoltà di giurisprudenza - Aula Calasso
PROGRAMMA
Ore 9.30
Introduzione
Mariarosaria Guglielmi
Franco Ippolito
Luigi Ferrajoli
PARTE PRIMA
Diritti fondamentali dell’era della globalizzazione
Ore 10.15
Introduzione
Guido Alpa
Ore 10.30
Relazioni
Giorgio Resta
La protezione dei dati tra individuo e collettività
Maria Rosaria Marella
Le stagioni della funzione sociale della proprietà: dal terribile diritto ai beni comuni
Giacinto Bisogni e Giovanni Marini
Dilemmi del pluralismo, paradigmi per l’identità
Ore 12.00
Interventi programmati
Maria Acierno - Silvia Albano - Franca Mangano
Ore 12.45
Dibattito
Ore 13.30
Lunch Break – Aula V
PARTE SECONDA
La Carta di Nizza e le fonti sovranazionali
Ore 15.00
Introduzione
Paolo Ridola
Ore 15.30
Relazioni
Maria Rosaria Ferrarese
Globalizzazione e diritti fondamentali: le ambiguità europee
Elena Paciotti
La Carta dei diritti fondamentali dell’Ue.
L’importanza della codificazione
Giuliano Amato
La costituzionalizzazione dell’Unione
Ore 17.00
Interventi programmati
Giuseppe Bronzini - Virgilio Dastoli - Giovanni Diotallevi - Valeria Piccone
Ore 18.00
Dibattito
Ore 18.30
Conclusioni
Gaetano Azzariti

 

 

Con la partecipazione di:

Maria Acierno, consigliera della Corte di cassazione

Silvia Albano, giudice del Tribunale di Roma

Guido Alpa, ordinario di diritto civile, Sapienza, Università di Roma

Giuliano Amato, giudice della Corte costituzionale

Gaetano Azzariti, ordinario di diritto costituzionale, Sapienza, Università di Roma

Giacinto Bisogni, consigliere della Corte di cassazione

Giuseppe Bronzini, presidente di sezione della Corte di cassazione

Virgilio Dastoli, presidente del Comitato italiano movimenti europei

Giovanni Diotallevi, presidente di sezione della Corte di cassazione

Mariarosaria Guglielmi, segretaria generale di Magistratura democratica

Franco Ippolito, presidente della Fondazione Lelio e Lisli Basso

Luigi Ferrajoli, emerito di filosofia del diritto,Università di Roma 3

Maria Rosaria Ferrarese, ordinaria di sociologia del diritto, Università di Cagliari

Giovanni Marini, ordinario di diritto privato comparato, Università di Perugia

Franca Mangano, presidente di sezione della Corte di appello di Roma

Maria Rosaria Marella, ordinaria di diritto privato, Università di Perugia

Elena Paciotti, magistrato, già parlamentare europeo

Valeria Piccone, magistrata referente per la Corte di cassazione nella rete delle Corti supreme europee

Giorgio Resta, associato di diritto privato comparato, Università di Roma 3

Paolo Ridola, preside della Facoltà di giurisprudenza, Sapienza, Università di Roma

 

Comitato organizzatore

Giacinto Bisogni, Papi Bronzini, Antonella Di Florio, Mario Montanaro , Valeria Piccone, Francesco Vigorito

mario.montanaro@giustizia.it

  • Depliant
  • Locandina
  •  

    L’incontro è aperto a tutti gli interessati.
    Gli studenti, in particolare, sono invitati ad intervenire e ad esprimere il loro pensiero libero sui temi in discussione: la partecipazione è l’omaggio più bello da rendere al grande Maestro di vita e di diritto Stefano Rodotà.

    27 marzo 2018
    Ultimi articoli
    Diritto di asilo

    Il diritto di difesa non è uguale per tutti

    di Silvia Albano* e Riccardo De Vito**
    La previsione dell’audizione del richiedente asilo senza l’assistenza del suo avvocato difensore non solo lede gravemente il diritto di difesa della parte, tutelato dall’art 24 della Costituzione, ma rischia anche di rendere meno efficace e rilevante la stessa audizione del richiedente
    Ordinamento penitenziario

    Appello al governo

    Pubblichiamo il testo di un appello sottoscritto da diverse associazioni in rappresentanza dei mondi dell’università, dell’avvocatura, della magistratura e del volontariato, nonché da autorevoli giuristi e da personalità della società civile. L’appello, indirizzato al Governo, auspica l’approvazione definitiva della riforma penitenziaria, in attuazione delle delega conferita con la l. n. 103/2017. La riforma, giunta a un passo dal varo definitivo con l’approvazione dello schema di decreto legislativo, rischia ora una definitiva battuta d’arresto per via della fine della legislatura.
    Rassegna

    Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

    R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
    Ordinamento penitenziario

    Per una riforma necessaria

    di Riccardo De Vito
    Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
    Consiglio superiore della magistratura

    Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

    di Riccardo De Vito
    Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
    Consiglio superiore della magistratura

    La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

    di Mariarosaria Guglielmi
    La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.