Seminario

Quale diritto per il lavoro

In ricordo di Sergio Mattone

E' dedicato a Sergio Mattone, scomparso lo scorso ottobre, il VII seminario ravennate "Quale diritto per il lavoro", organizzato da Magistratura democratica e Questione Giustizia e in programma il 6 e il 7 maggio a Ravenna (Sala Muratori - via Baccarini 3).



IL PROGRAMMA

Venerdì 6 maggio 2016

ore 15.00 – apertura dei lavori

coordina: Fabrizio Amato

Saluto del vice sindaco di Ravenna, Giannantonio Mingozzi


CHE COSA RESTA DELL’INDEROGABILITÀ

ne discutono

Vincenzo Bavaro

Giuseppe Bronzini

Vincenzo Di Cerbo

Valerio Speziale


intervengono

Marcello Basilico

Giovanni Cannella

Gaetano Campo

Paola Ghinoy

Renato Greco

Carla Ponterio

Roberto Riverso

Rita Sanlorenzo

Emilio Sirianni

Roberto Santoro

Anna Terzi

Amelia Torrice

ore 19.00 - chiusura dei lavori


Sabato 7 maggio 2016

ore 10.00 – apertura dei lavori

coordina: Laura Curcio

Saluto del presidente di Magistratura democratica, Carlo De Chiara

Giovanni Palombarini ricorda Sergio Mattone


DAL LAVORO STABILE AL LAVORO AGILE:

QUALI TUTELE E QUALE DIRITTO DEL LAVORO

ne discutono

Pietro Curzio

Giulia Marzia Locati

Federico Martelloni

Alberto Piccinini

Serena Sorrentino

ore 12.30 - conclusioni: Umberto Romagnoli

Ore 19.00 – chiusura dei lavori


(19 aprile 2016)


ALLEGATI:
6 maggio 2016
Ultimi articoli
Ordinamento penitenziario

Senza paura. Nel nome della sicurezza e dei diritti si approvi la riforma

L’appello di Md e Antigone a tutte le forze politiche
Diritto di asilo

Il diritto di difesa non è uguale per tutti

di Silvia Albano* e Riccardo De Vito**
La previsione dell’audizione del richiedente asilo senza l’assistenza del suo avvocato difensore non solo lede gravemente il diritto di difesa della parte, tutelato dall’art 24 della Costituzione, ma rischia anche di rendere meno efficace e rilevante la stessa audizione del richiedente
Ordinamento penitenziario

Appello al governo

Pubblichiamo il testo di un appello sottoscritto da diverse associazioni in rappresentanza dei mondi dell’università, dell’avvocatura, della magistratura e del volontariato, nonché da autorevoli giuristi e da personalità della società civile. L’appello, indirizzato al Governo, auspica l’approvazione definitiva della riforma penitenziaria, in attuazione delle delega conferita con la l. n. 103/2017. La riforma, giunta a un passo dal varo definitivo con l’approvazione dello schema di decreto legislativo, rischia ora una definitiva battuta d’arresto per via della fine della legislatura.
Rassegna

Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti