Seminario

Quale diritto per il lavoro

In ricordo di Sergio Mattone

E' dedicato a Sergio Mattone, scomparso lo scorso ottobre, il VII seminario ravennate "Quale diritto per il lavoro", organizzato da Magistratura democratica e Questione Giustizia e in programma il 6 e il 7 maggio a Ravenna (Sala Muratori - via Baccarini 3).



IL PROGRAMMA

Venerdì 6 maggio 2016

ore 15.00 – apertura dei lavori

coordina: Fabrizio Amato

Saluto del vice sindaco di Ravenna, Giannantonio Mingozzi


CHE COSA RESTA DELL’INDEROGABILITÀ

ne discutono

Vincenzo Bavaro

Giuseppe Bronzini

Vincenzo Di Cerbo

Valerio Speziale


intervengono

Marcello Basilico

Giovanni Cannella

Gaetano Campo

Paola Ghinoy

Renato Greco

Carla Ponterio

Roberto Riverso

Rita Sanlorenzo

Emilio Sirianni

Roberto Santoro

Anna Terzi

Amelia Torrice

ore 19.00 - chiusura dei lavori


Sabato 7 maggio 2016

ore 10.00 – apertura dei lavori

coordina: Laura Curcio

Saluto del presidente di Magistratura democratica, Carlo De Chiara

Giovanni Palombarini ricorda Sergio Mattone


DAL LAVORO STABILE AL LAVORO AGILE:

QUALI TUTELE E QUALE DIRITTO DEL LAVORO

ne discutono

Pietro Curzio

Giulia Marzia Locati

Federico Martelloni

Alberto Piccinini

Serena Sorrentino

ore 12.30 - conclusioni: Umberto Romagnoli

Ore 19.00 – chiusura dei lavori


(19 aprile 2016)


ALLEGATI:
6 maggio 2016
Ultimi articoli
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
L'intervento

Il senso e l'etica del mestiere del magistrato

Due recenti casi richiamano la magistratura all'etica dei comportamenti