Seminario

Dalla notizia di reato al registro unico penale

Il workshop di "Innovazione per Area" a Napoli

INNOVAZIONEPERAREA

Seminario sul tema

“Dalla notizia di reato al registro unico penale”

Napoli, Auditorium del Palazzo di Giustizia

11 maggio 2012




IL PROGRAMMA

Ore 9,30

Saluti

Presidente della Corte d'appello di Napoli, dott. Antonio Buonajuto

Procuratore generale presso la Corte d'appello di Napoli, dott. Vittorio Martusciello

Direttore generale per la gestione e la manutenzione del complesso giudiziario di Napoli,   dott.ssa Floretta Rolleri


Ore 10,00,

Apertura dei lavori Le ragioni dell’iniziativa di InnovazioneperArea Introduzione di Giovanni Melillo


Ore 10,30

I sistemi informativi di gestione dei registri penali I programmi di trasmissione telematica delle notizie di reato Presentazioni tecniche a cura di Giuseppe Caprio e Sergio Russo


Ore 11,30

Workshop Partecipano: Filippo Beatrice, Fabiano Brunelli, Anna Canepa, Guido Capaldo, Michele Di Lecce, Luciano Gerardis, Nicoletta Giammarino, Daniela Intravaia, Luigi Marini, Nicola Mazzocca, Giuseppe Meccariello, Maria Rosaria Mingione, Nicola Mozzillo, Maria Teresa Orlando, Domenico Pellegrini, Sergio Sottani, Raffaele Tufano, Stefano Zan


Ore 13,30, pausa dei lavori


Ore 14,30

Tavola rotonda ICT ed organizzazione degli uffici giudiziari penali: un nuovo inizio? Coordina: Paolo Mancuso

Partecipano: Francesco Beltrame *, Luigi Birritteri, Edmondo Bruti Liberati, Cristiano Cannarsa, Paolo Carfì, Claudio Castelli, Giuseppe Quattrocchi, Roberto Rossi, Mariano Sciacca.


Ore 17,00, fine dei lavori.

 

 

11 maggio 2012
Ultimi articoli
Diritto di asilo

Il diritto di difesa non è uguale per tutti

di Silvia Albano* e Riccardo De Vito**
La previsione dell’audizione del richiedente asilo senza l’assistenza del suo avvocato difensore non solo lede gravemente il diritto di difesa della parte, tutelato dall’art 24 della Costituzione, ma rischia anche di rendere meno efficace e rilevante la stessa audizione del richiedente
Ordinamento penitenziario

Appello al governo

Pubblichiamo il testo di un appello sottoscritto da diverse associazioni in rappresentanza dei mondi dell’università, dell’avvocatura, della magistratura e del volontariato, nonché da autorevoli giuristi e da personalità della società civile. L’appello, indirizzato al Governo, auspica l’approvazione definitiva della riforma penitenziaria, in attuazione delle delega conferita con la l. n. 103/2017. La riforma, giunta a un passo dal varo definitivo con l’approvazione dello schema di decreto legislativo, rischia ora una definitiva battuta d’arresto per via della fine della legislatura.
Rassegna

Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.