Parole di giustizia 2014

L'Europa che vogliamo

Conclusa la sesta edizione







LA SPEZIA - L’uguaglianza delle persone, la tutela dei diritti di tutti, la capacità di sintesi tra culture diverse sono il banco di prova delle democrazie contemporanee. Ciò sta scritto nelle costituzioni del Novecento ma spesso – troppo spesso – resta un obiettivo irrealizzato. Così la giustizia sembra talvolta ridursi, da orizzonte di vita decorosa e serena per tutti, a insieme di procedure per risolvere controversie e conflitti. È in questo contesto che è nata l’idea di un appuntamento annuale teso a recuperare la consapevolezza del carattere etico e politico oltre (e prima) che tecnico della questione giustizia.

Un appuntamento di giuristi, studiosi, politici, personaggi pubblici di diversa estrazione culturale, finalizzato a mettere in campo, sottoponendole al giudizio dei cittadini, “parole di giustizia”. Un appuntamento da collocare a Spezia, la città di Giuseppe Borrè, grande magistrato e giurista, a cui è intitolata l’Associazione che lo promuove.

Dopo aver analizzato, nelle prime edizioni, i “nuovi diritti” e i “diritti negati”, i modelli di governo della società e di tutela (o mancata tutela) dei diritti fondamentali, l’intreccio tra bene comune e beni comuni, il funzionamento in concreto della democrazia e la questione morale, “Parole di giustizia” affronta quest’anno il tema, di straordinaria attualità, dell’Europa (l’Europa auspicata da una generazione di politici illuminati, quella reale e quella in divenire).

IL PROGRAMMA

VENERDÌ 11 APRILE
mattino

anteprima scuole
spazi aperti con gli studenti
ore 10.00 Sala Dante
Europa garanzia di pace
intervengono Vladimiro Zagrebelsky
e Marco Antonelli

anteprima scuole
lezione aperta
ore 12.00 Camec
Interpreti della Costituzione
intervene Giorgia Minchella


pomeriggio

introduzione
ore 15.00 Centro Allende
Le ragioni di un’iniziativa
intervengono Diana Brusacà, Anna Canepa,
Andrea Corradino, Massimo Federici
partecipa il ministro della giustizia
Andrea Orlando

QUALE EUROPA?

ore 16.00 Centro Allende
Europa: conquista di democrazia e di pace
relazione di Mariuccia Salvati
introduce Massimo Federici

ore 17.15 Camec
C’è una sovranità europea?
con Pasquale De Sena,
Silvia Niccolai, Elena Paciotti
coordina Federica Eminente

libri sul mare
ore 18.30 Villaggio del Porto
Pier Virgilio Dastoli e Roberto Santaniello
C’eravamo tanto amati. Italia, Europa e poi?
(ed. Università Bocconi, 2013)
ne discutono con gli autori
Luigi Marini e Ferruccio Sansa


SABATO 12 APRILE
mattino

SPERANZE, REALTA’, PROSPETTIVE / 1

ore 9.30 Centro Allende
L’Europa, le banche, la finanza
Filippo Paganini intervista Andrea Baranes

ore 10.45 Camec
Lavoro e reddito: c’è un modello europeo?
ne discutono Michele De Palma e Fausta Guarriello
introduce e coordina Carla Ponterio

ore 12.00 Centro Allende
L’Europa, i diritti, la giustizia
ne discutono Emilio De Capitani, Gualtiero Michelini, Barbara Randazzo
introduce e coordina Rodolfo Sabelli

pomeriggio

SPERANZE, REALTA’, PROSPETTIVE / 2
ore 15.00 Centro Allende
L’Europa tra nazionalismi e populismi
relazione di Marcello Flores
introduce Giuseppe Bosco

ore 16.15 Villaggio del Porto
Stato costituzionale e trasformazioni della cittadinanza in Europa
relazione di Maurizio Fioravanti
introduce Luca Monteverde

ore 17.45 Centro Allende
L’Europa, le migrazioni, l’asilo
Livio Pepino conversa con
Marta Bellingreri, Khalid Chaouki e Lorenzo Trucco


SCARICA IL PDF:

Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.