Parole di giustizia 2014

L'Europa che vogliamo

Conclusa la sesta edizione







LA SPEZIA - L’uguaglianza delle persone, la tutela dei diritti di tutti, la capacità di sintesi tra culture diverse sono il banco di prova delle democrazie contemporanee. Ciò sta scritto nelle costituzioni del Novecento ma spesso – troppo spesso – resta un obiettivo irrealizzato. Così la giustizia sembra talvolta ridursi, da orizzonte di vita decorosa e serena per tutti, a insieme di procedure per risolvere controversie e conflitti. È in questo contesto che è nata l’idea di un appuntamento annuale teso a recuperare la consapevolezza del carattere etico e politico oltre (e prima) che tecnico della questione giustizia.

Un appuntamento di giuristi, studiosi, politici, personaggi pubblici di diversa estrazione culturale, finalizzato a mettere in campo, sottoponendole al giudizio dei cittadini, “parole di giustizia”. Un appuntamento da collocare a Spezia, la città di Giuseppe Borrè, grande magistrato e giurista, a cui è intitolata l’Associazione che lo promuove.

Dopo aver analizzato, nelle prime edizioni, i “nuovi diritti” e i “diritti negati”, i modelli di governo della società e di tutela (o mancata tutela) dei diritti fondamentali, l’intreccio tra bene comune e beni comuni, il funzionamento in concreto della democrazia e la questione morale, “Parole di giustizia” affronta quest’anno il tema, di straordinaria attualità, dell’Europa (l’Europa auspicata da una generazione di politici illuminati, quella reale e quella in divenire).

IL PROGRAMMA

VENERDÌ 11 APRILE
mattino

anteprima scuole
spazi aperti con gli studenti
ore 10.00 Sala Dante
Europa garanzia di pace
intervengono Vladimiro Zagrebelsky
e Marco Antonelli

anteprima scuole
lezione aperta
ore 12.00 Camec
Interpreti della Costituzione
intervene Giorgia Minchella


pomeriggio

introduzione
ore 15.00 Centro Allende
Le ragioni di un’iniziativa
intervengono Diana Brusacà, Anna Canepa,
Andrea Corradino, Massimo Federici
partecipa il ministro della giustizia
Andrea Orlando

QUALE EUROPA?

ore 16.00 Centro Allende
Europa: conquista di democrazia e di pace
relazione di Mariuccia Salvati
introduce Massimo Federici

ore 17.15 Camec
C’è una sovranità europea?
con Pasquale De Sena,
Silvia Niccolai, Elena Paciotti
coordina Federica Eminente

libri sul mare
ore 18.30 Villaggio del Porto
Pier Virgilio Dastoli e Roberto Santaniello
C’eravamo tanto amati. Italia, Europa e poi?
(ed. Università Bocconi, 2013)
ne discutono con gli autori
Luigi Marini e Ferruccio Sansa


SABATO 12 APRILE
mattino

SPERANZE, REALTA’, PROSPETTIVE / 1

ore 9.30 Centro Allende
L’Europa, le banche, la finanza
Filippo Paganini intervista Andrea Baranes

ore 10.45 Camec
Lavoro e reddito: c’è un modello europeo?
ne discutono Michele De Palma e Fausta Guarriello
introduce e coordina Carla Ponterio

ore 12.00 Centro Allende
L’Europa, i diritti, la giustizia
ne discutono Emilio De Capitani, Gualtiero Michelini, Barbara Randazzo
introduce e coordina Rodolfo Sabelli

pomeriggio

SPERANZE, REALTA’, PROSPETTIVE / 2
ore 15.00 Centro Allende
L’Europa tra nazionalismi e populismi
relazione di Marcello Flores
introduce Giuseppe Bosco

ore 16.15 Villaggio del Porto
Stato costituzionale e trasformazioni della cittadinanza in Europa
relazione di Maurizio Fioravanti
introduce Luca Monteverde

ore 17.45 Centro Allende
L’Europa, le migrazioni, l’asilo
Livio Pepino conversa con
Marta Bellingreri, Khalid Chaouki e Lorenzo Trucco


SCARICA IL PDF:

6 aprile 2014
Ultimi articoli
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
L'intervento

Il senso e l'etica del mestiere del magistrato

Due recenti casi richiamano la magistratura all'etica dei comportamenti