Convegno di Md e Arcigay

Omolegarsi, identità sessuali nel matrimonio

FOGGIA - La recente sentenza della Corte di Cassazione sul “matrimonio omosessuale” impone al legislatore italiani di adeguarsi alle normative sovrannazionali ed ai giuristi democratici di interrogarci su quali risposte dare alle richieste di riconoscimento e tutele delle “nuove famiglie”.

Magistratura Democratica di Bari ed Arci Gay di Foggia ne parleranno insieme a Costanzo Cea, presidente dalla sezione famiglia del Tribunale dauno, che affronterà i temi giuridici emersi nella sentenza della Corte; Dimitri Lioi, referente legale dell’Arci Gay nazionale, che illustrerà le soluzioni normative straniere e le “questioni sul tappeto” nell’ordinamento giuridico italiano, Luigi Pannarale, ordinario di sociologia del diritto presso l’Università di Bari, che osserverà l’evoluzione sociale delle “nuove famiglie”. Giovanni Zaccaro (segretario MD Bari).

L'appuntamento è per il 25 maggio alle ore 17.30, presso la Fondazione Banca Del Monte.

25 maggio 2012
Ultimi articoli
Rassegna

Nel nome dell’interesse dello Stato si fa a pezzi il principio di non colpevolezza

Intervista a Riccardo De Vito, presidente di Md (Il Manifesto, 7 novembre 2018)
Intervento

Il ruolo della magistratura nella difesa delle garanzie

di Mariarosaria Guglielmi
Il garantismo: esigenza della giurisdizione, fondamento della sua indipendenza
Minori

Prime riflessioni sul Ddl Pillon

di Giulia Marzia Locati
Dal superiore interesse del minore ad una visione adulto centrica delle relazioni familiari
Medel/Aed

Medel (Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertés)/Aed (Avocats Européens Democrates): Magistrati e Avvocati dalla parte dei valori comuni

di Mariarosaria Guglielmi
Le conclusioni comuni della conferenza internazionale L’indipendenza della Giustizia in Europa, Magistrati/Avvocati/Duo/Duel (Bruxelles, 26 maggio 2018)
Rassegna

I magistrati democratici europei: «Le costituzioni affermino il ruolo dell’avvocato»

Il Dubbio, 29 settembre 2018
Polonia

Encj: il Consiglio di Giustizia (KRS) non è un'istituzione indipendente

Le riforme della giustizia hanno prodotto una crisi sistemica dello Stato di diritto. Il KRS non è in grado di sostenere il sistema giudiziario nell’esercizio indipendente della giurisdizione