Convegno della Fiom

Lavoro e legalità

Lavoro e Legalità

Milano, 15 settembre 2014

10.00 – 16.00 -

Centro Congressi Stelline “Sala Manzoni”

Corso Magenta, 61 – 20123 Milano


1° parte Costi criminalità e recupero risorse

Mirco Rota Segretario generale Fiom-Cgil Lombardia

Francesco Greco Procuratore di Milano

Giuliano Pisapia
Sindaco di Milano

Mariana Mazzucato
Professor in the Economics of innovation University of Sussex

Franco Focareta
Professore di Scienze giuridiche Università di Bologna

Don Luigi Ciotti
Fondatore e Presidente del Gruppo Abele e Libera

Nunzia Penelope
Giornalista

Giuseppe Pignatone
Magistrato, Procuratore della Repubblica

Raffaele Cantone
Presidente Autorità nazionale anticorruzione



2° parte Finanziare lo sviluppo, ridistribuire le risorse e creare lavoro


Marcello Scipioni Segretario generale Fiom-Cgil Milano

Anna Canepa Magistratura democratica

Andrea Orlando Ministro della Giustizia

Gianna Fracassi
Segretaria nazionale Cgil

Maurizio Casasco
Presidente Confapi

Giovanni Dosi
Professore di Economia Sant’Anna di Pisa

Antonello Montante
Delegato presidenza Confindustria per la legalità

Vincenzo Visco
Presidente NENS

Maurizio Landini Segretario generale Fiom

15 settembre 2014
Ultimi articoli
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
L'intervento

Il senso e l'etica del mestiere del magistrato

Due recenti casi richiamano la magistratura all'etica dei comportamenti