In Cassazione

Contrasto a corruzione

Le relazioni del convegno

Di seguito la prefazione di Giovanni Diotallevi. In fondo alla pagina le prime relazioni scaricabili.


Il contrasto alla corruzione: le prospettive aperte dopo la legge 6 novembre 2012, n. 190

 

Prefazione

 

di Giovanni Diotallevi

 

Alcune brevi considerazioni sulle ragioni di questo Convegno

 

Vorrei sottolineare innanzitutto che il messaggio che la magistratura vuole dare  oggi è un messaggio di serietà e di responsabilità.E allora ragionare su temi di fondo, importanti, direi ineludibili, quale quello della corruzione, ci è parso il percorso più idoneo per dare un segnale concreto in questo senso. Con la possibilità di registrare i punti fermi raggiunti, le positività ma anche le criticità che rimangono da affrontare. Fare passi avanti sul terreno delle proposte e delle soluzioni possibili.Questo incontro nasce proprio dalla precisa scelta di ribadire ancora una volta il rifiuto di ogni logica di contrapposizione, vuole introdurre nel dibattito elementi di analisi seri e costruttivi, tende a ricercare intesa e collaborazione tra tutti gli operatori del diritto, nell’ottica del processo giusto in tempi ragionevoli, che restituisca funzionalità ed efficienza a tutto il sistema.

La legge n. 190/2012 prova ad offrire nuovi strumenti a chi indaga, a rimuovere aree di impunità, a promuovere nuovi strumenti di prevenzione. Viene modificata la struttura di alcune figure criminose, quali la concussione e la corruzione, come ci chiedeva da tempo l’OCSE, e sono state introdotte nuove figure criminose, quali il traffico di influenze illecite e la corruzione tra privati, ad esempio. Sono illeciti penali previsti dalle Convenzioni che l'Italia ha liberamente sottoscritto quasi 15 anni fa.

Il valore di fondo che richiama prepotente questa nuova disciplina rimane l’etica pubblica, l’elemento fondamentale su cui dovrebbe basarsi il rapporto tra istituzioni e cittadini. Il vincolo che obbliga al rispetto delle leggi, ma anche al perseguimento degli interessi pubblici.

E l’etica pubblica consente più profili d’intervento: le politiche anticorruzione, volte innanzitutto alla prevenzione e al contrasto dell’illegalità e della corruzione, ma anche ad evitare condizionamenti da interessi particolari, a sollecitare la tutela dell’imparzialità, della lotta agli sprechi, dell’effettività del buon andamento della pubblica amministrazione. Insomma a dare attuazione alla previsione dell’art. 54 della nostra Cost., in base al quale i cittadini cui sono affidate le funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore.

Possiamo dire che un passo avanti serio, concreto, responsabile è stato fatto. Dopo anni di immobilismo. E questo è un dato importante che va riconosciuto. Ma rimangono ancora punti critici.Pensiamo all’istituto della prescrizione, alla revisione del reato di falso in bilancio, all’introduzione del reato di autoriciclaggio. Sono obiettivi che hanno una loro complessità strutturale, ma che devono essere considerati come prioritari. L’Italia è il paese con uno tra i più alti livelli di corruzione tra i Paesi occidentali; perché la corruzione è sistemica, ha intrecci con la criminalità organizzata, ha forti radici nella società. Questo ci dicono concordemente le analisi degli organismi internazionali. Questo dato non può restare tra gli elzeviri, tra le spigolature sulle quali è poco elegante intrattenersi se non in modo fugace e leggero. L’amor di patria e il senso dell’onore nazionale richiedono che questo problema sia affrontato e vinto senza incertezze, senza timidezze e senza sconti. Perché i corrotti non si limitano a violare le norme penali, vecchie o nuove che siano, i corrotti dilapidano il bene oggi più scarso: la fiducia dei cittadini nelle istituzioni.

E anche per questo speriamo in contributi positivi da questo Convegno


MATERIALI SCARICABILI:

Ultimi articoli
Combattere le radici della degenerazione

L'impegno di Magistratura democratica

di Riccardo De Vito
Per ricostruire l’indipendenza interna ed esterna della Magistratura occorre riportare la democrazia negli uffici, ‘decomporre’ il potere dei capi, mostrare coerenza tra predicato e praticato, profondere impegno e partecipazione nei luoghi dell’elaborazione comune, a partire dall’ANM. Solo così, in luogo della politica del potere, potrà finalmente ripartire la politica delle idee.
Due seminari in vista del Consiglio Nazionale

Continuando a discutere: MD, la crisi, le proposte

di Esecutivo di Magistratura democratica
In vista del Consiglio Nazionale del 13 giugno 2020 invitiamo tutti a partecipare a due incontri aperti: il primo sul sistema elettorale del CSM e sulle sue prospettive di riforma; il secondo sul ruolo della dirigenza e sulla conformità delle funzioni direttive all’assetto costituzionale della magistratura, differenziata al suo interno soltanto per funzioni.
Intervento al Comitato direttivo centrale dell'ANM

Appunti in difesa dell'Associazione Nazionale Magistrati

di Silvia Albano
Il valore e la centralità dell’ANM, casa comune di tutti i magistrati, dove ogni orientamento trova modo di esprimersi e che dal pluralismo trae la propria ragion d'essere e la sua autorevolezza.
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 maggio: giornata di allerta per l'Indipendenza della Giustizia

di MEDEL - Magistrats Européens pur la Démocratie et les Libertés
Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda, in questi giorni, anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto e condannato ad una pena di dieci anni, in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede-Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Elisabetta Cesqui
Rigoroso e geniale, graffiante e immaginifico. Nelle parole di Betta Cesqui, il ritratto di un grande Maestro: capace di straordinaria ironia e umanità, sempre pronto a mettere la sua sconfinata cultura al servizio dei valori collettivi, ma senza mai cedere al protagonismo mediatico.