Seminario

Le riforme possibili della giustizia penale

Area Caltanissetta

in collaborazione con

Camera Penale "Michelangelo Salerno" Caltanissetta - Fondazione Scuola Forense Nissena "G. Alessi"

Mercoledì, 1 Marzo 2017 – ore 16.30

Aula magna “Saetta e Livatino” del Palazzo di Giustizia di Caltanissetta

Incontro seminario

Le riforme possibili della giustizia penale: tra ambiziosi orizzonti, vuoti di sistema e mancate scelte

Saluti:

MARIA GIOVANNA ROMEO, Presidente vicario della Corte di Appello di Caltanissetta

SERGIO LARI, Procuratore Genarale presso la Corte di Appello di Caltanissetta

Si confrontano sul tema:

PIERGIORGIO MOROSINI, Consigliere del Csm

PIERCAMILLO DAVIGO, Presidente Anm

FABIO FERRARA, Avvocato, Componente direttivo Ucpi

GIUSEPPE DI CHIARA, Professore ordinario di diritto processuale penale – Università di Palermo

Moderano:

LIA SAVA, Procuratore Aggiunto Procura di Caltanissetta

ELENA CARUSO, Sostituto Procura di Caltanissetta

WALTER TESAURO, Presidente Camera Penale di Caltanissetta

1 marzo 2017
Ultimi articoli
Rassegna

Nel nome dell’interesse dello Stato si fa a pezzi il principio di non colpevolezza

Intervista a Riccardo De Vito, presidente di Md (Il Manifesto, 7 novembre 2018)
Intervento

Il ruolo della magistratura nella difesa delle garanzie

di Mariarosaria Guglielmi
Il garantismo: esigenza della giurisdizione, fondamento della sua indipendenza
Minori

Prime riflessioni sul Ddl Pillon

di Giulia Marzia Locati
Dal superiore interesse del minore ad una visione adulto centrica delle relazioni familiari
Medel/Aed

Medel (Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertés)/Aed (Avocats Européens Democrates): Magistrati e Avvocati dalla parte dei valori comuni

di Mariarosaria Guglielmi
Le conclusioni comuni della conferenza internazionale L’indipendenza della Giustizia in Europa, Magistrati/Avvocati/Duo/Duel (Bruxelles, 26 maggio 2018)
Rassegna

I magistrati democratici europei: «Le costituzioni affermino il ruolo dell’avvocato»

Il Dubbio, 29 settembre 2018
Polonia

Encj: il Consiglio di Giustizia (KRS) non è un'istituzione indipendente

Le riforme della giustizia hanno prodotto una crisi sistemica dello Stato di diritto. Il KRS non è in grado di sostenere il sistema giudiziario nell’esercizio indipendente della giurisdizione