Parole di Giustizia 2014

Tutti i video della manifestazione

di LUIGI MARINI

Anche quest'anno PAROLE DI GIUSTIZIA ha colto nel segno.

Dopo avere affrontato negli anni scorsi i temi legati ai diritti negati, ai beni comuni, alla democrazia e alla "questione morale", a La Spezia si è parlato nei giorni scorsi di Europa, dell'Europa che vogliamo. Un'Europa dei cittadini e un'Europa di uguaglianza.

E' chiedere troppo? No, è l'unica prospettiva che può consentire alla realtà europea di superare la crisi di rappresentatività e di consenso che la sta mettendo in grande difficoltà.
Le spinte contrarie al progetto europeista e alla stessa conservazione dell'Europa si fanno più forti e non possono essere spiegate con la sola crisi finanziaria che ha accresciuto le differenze e provocato sofferenze diffuse e profonde.

A mostrare tutti i propri limiti é il modello di Europa che ci ha condotti fin qui e che non è più adeguato ai bisogni delle persone in un modo globale, divenuto profondamente diverso in pochissimi decenni.

Anche quest'anno Magistratura democratica e Questione giustizia hanno seguito la manifestazione, partecipato al dibattito, documentato i lavori.

I filmati che mettiamo a disposizione consentiranno a tutti di apprezzare i contenuti e la qualità del dibattito.

Si è parlato di pace (V.Zagrebelsky e Salvati), di sovranità (De Sena, Niccolai, Paciotti), di prospettive future (D'Astoli), di finanza (Baranes), di lavoro (Ponterio, Bronzini, Basilico), di diritti e giustizia (De Capitani, Michelini, Randazzo), ma anche di populismi (Flores), di principi costituzionali e cittadinanza (Fioravanti) e migrazioni (Bellingreri, Trucco).

Buona visione a tutti!


L'ELENCO DEI SINGOLI VIDEO:

Europa garanzia di pace: intervengono Vladimiro Zagrebelsky e Marco Antonelli

Interpreti della Costituzione, interviene Giorgia Minchella

Le ragioni di un’iniziativa, intervengono Diana Brusacà, Anna Canepa, Andrea Corradino, Massimo Federici; partecipa il ministro della Giustizia Andrea Orlando

Europa: conquista di democrazia e di pace, relazione di Mariuccia Salvati; introduce Massimo Federici

C’è una sovranità europea? con Pasquale De Sena, Silvia Niccolai, Elena Paciotti; coordina Federica Eminente

Pier Virgilio Dastoli, C’eravamo tanto amati. Italia, Europa e poi?(ed. Università Bocconi, 2013) ne discutono con l'autore Luigi Marini e Livio Pepino

L’Europa, le banche, la finanza. Filippo Paganini intervista Andrea Baranes

Lavoro e reddito: c’è un modello europeo? ne discutono Giuseppe Bronzini e Marcello Basilico, introduce e coordina Carla Ponterio

L’Europa, i diritti, la giustizia: ne discutono Emilio De Capitani, Gualtiero Michelini, Barbara Randazzo; introduce e coordina Rodolfo Sabelli

L’Europa tra nazionalismi e populismi, relazione di Marcello Flores; introduce Giuseppe Bosco

Stato costituzionale e trasformazioni della cittadinanza in Europa: relazione di Maurizio Fioravanti; introduce Luca Monteverde

L’Europa, le migrazioni, l’asilo: Livio Pepino conversa con Marta Bellingreri e Lorenzo Trucco

(18 aprile 2014)

18 aprile 2014
Ultimi articoli
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
L'intervento

Il senso e l'etica del mestiere del magistrato

Due recenti casi richiamano la magistratura all'etica dei comportamenti
Caldarozzi alla Dia

De Vito, presidente di Md: «Sorpreso da questa promozione»

L'intervista a Il Manifesto, 28 dicembre 2017