Riflessione

Diritti sociali e diritto dell'abitazione. Occupazioni abusive, ruolo della giurisdizione

Diritti sociali e diritto all'abitazione. Occupazioni abusive, ruolo della giurisdizione

Bologna, 17 maggio 2017

Sala convegni Centro studi S. Domenico, Piazza San Domenico
Ingresso libero. Il seminario è dedicato alla cittadinanza

***

Il Congresso nazionale di Magistratura democratica tenutosi a Bologna nel  novembre 2016 ha posto al centro del suo dibattito il tema delle vecchie e nuove disuguaglianze, e di come le loro vicende si intreccino anche con la risposta giurisdizionale. In questo senso appare di sicura attualità un aggiornamento della riflessione su quei diritti posti proprio a presidio del principio dell'uguaglianza sostanziale, vale a dire i diritti sociali. Ed infatti la piena promozione di tali diritti, oltre a dovere fare i conti con le caratteristiche peculiari degli stessi che li rendono non immediatamente tutelabili davanti alla giurisdizione, deve oggi misurarsi anche con il tema della loro compatibilità alle risorse economiche, con particolare riguardo al principio introdotto in Costituzione dell'equilibrio di bilancio.

Dunque, in un contesto di sicura difficoltà congiunturale, sembra ancor più necessario scandagliare gli ambiti di operatività entro i quali può realizzarsi la promozione dei diritti sociali. Da queste premesse prende spunto la nostra riflessione, focalizzata su un particolare diritto che è quello all'abitazione, sulle sue criticità, sulle relazioni con l'intervento giurisdizionale penale.

Il ruolo centrale del diritto all'abitazione tra i diritti sociali emerge con evidenza se si riflette come esso non si risolve nella protezione di un interesse economico alla proprietà o al godimento dell'immobile di prima abitazione, ma si pone invece in strettissimo contatto con la pari dignità sociale degli individui, e più in generale con tutta una serie di diritti strettamente attinenti all'eguaglianza materiale delle condizioni di vita. Il diritto all'abitazione, inteso in tale accezione, mira a garantire una tutela adeguata della dignità dell'individuo nella sua proiezione nello spazio, e dunque rappresenta una precondizione per il godimento di altre libertà fondamentali, come ad esempio la libertà di domicilio, ovvero di diritti sociali, come il diritto la salute o all'istruzione. Al contempo, sotto un profilo generale, tale diritto si pone in stretto contatto con la garanzia a persone e famiglie di un'esistenza “libera e dignitosa” affermata dall'articolo 36 della Costituzione. 

Il fenomeno delle occupazioni abusive, inteso come prassi sociale o come risposta individuale alla mancanza dell'abitazione, deve dunque essere necessariamente analizzato in relazione al diritto dell'abitazione, come delineato. Tale fenomeno pone un problema di mancato rispetto di regole, talvolta di natura penale, e quindi si intreccia con il tema della risposta giurisdizionale al fenomeno. Ma proprio dal conflitto tra varie tipologie di diritti che devono essere parimenti oggetto di tutela nasce l'esigenza di interrogarsi su quale possa essere la risposta più adeguata da parte delle istituzioni, della magistratura, delle amministrazioni locali, delle organizzazioni di volontariato.

***

mercoledì 17 maggio 2017

Ore 15.00 – Introduce e coordina

Adriana Scaramuzzino

consigliere della Corte di appello di Bologna

Relazioni

I diritti sociali ed il diritto all'abitazione

Francesco Pallante

professore di diritto costituzionale, Università di Torino

Gli interventi possibili della pubblica amministrazione nell'emergenza abitativa

Giorgio Pighi

professore di diritto penale, Università di Modena e Reggio Emilia, ex sindaco di Modena

Il ruolo della giurisdizione penale davanti al fenomeno delle occupazioni

Letizio Magliaro

giudice per le indagini preliminari, Tribunale di Bologna

Ore 16.15 - Tavola rotonda

L’emergenza abitativa a Bologna

Coordina

Giovanni Egidio

caporedattore de La Repubblica Bologna

Intervengono

Giuseppe Amato

procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Bologna

Ettore Grenci

segretario Camere penali, Bologna

Luca Rizzo Nervo

assessore al welfare del Comune di Bologna

Giovanni Nicolini

prete a Bologna

È previsto l’intervento di Stefano Bonaga (docente, Università di Bologna) che presenterà il progetto «Il problema sociale della casa. Verso una conferenza cittadina»

Ore 18.30 – Conclusioni

Riccardo De Vito

magistrato di sorveglianza Sassari, presidente di Magistratura democratica

***

Segreteria organizzativa - Sezione Md dell’Emilia Romagna

Carla Ponterio - carla.ponterio@giustizia.it

Carlo Sorgi - carlo.sorgi@giustizia.it

Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Bologna

Evento formativo accreditato dal Consiglio dell'Ordine degli avvocati di Bologna per numero di 3 crediti formativi.

Per informazioni sui crediti formativi

formazione@ordineavvocatibologna.net

Contatti

stampa@magistraturademocratica.it

11 maggio 2017
Ultimi articoli
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
L'intervento

Il senso e l'etica del mestiere del magistrato

Due recenti casi richiamano la magistratura all'etica dei comportamenti