Mostra

Cinema e carcere

Il programma di 'EVisioni'

di LUIGI MARINI

TORINO - Giovedì pomeriggio nell'atrio del nuovo polo universitario di Torino è stata inaugurata la mostra che raccoglie locandine storiche dei film dedicati al carcere e alla giustizia, fotografie e opere d'arte promossa, tra gli altri, dal prof. Claudio Sarzotti.  Una mostra accompagnata da un ambizioso e bellissimo percorso di dibattito e di manifestazioni teatrali, musicali, letterarie, cinematografiche e complessivamente artistiche che si svilupperà per oltre 15 giorni.

Un progetto fortunatamente ambizioso che coinvolge e mette in rete molti soggetti che a titolo diverso si occupano della giustizia e della sua esecuzione.
È stato un piacere e un onore partecipare al dibattito inaugurale accanto ad artisti che si sono spesi nelle carceri per portare idee, stimoli e bellezza, ma anche accanto a studiosi e professionisti che quotidianamente si preoccupano della condizione delle nostre carceri e di chi le abita.

Ero l'unico magistrato presente. Può darsi che l'evento sia stato poco pubblicizzato o che l'orario pomeridiano di un giorno infrasettimanale abbia concorso a questo risultato. Ma certo la totale assenza dei giudici di sorveglianza ha colpito me e non solo me.

Trovate in allegato il programma delle manifestazioni e spero questo aiuti a capire le ragioni del mio commento.

(12 giugno 2013)

12 giugno 2013
Ultimi articoli
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
L'intervento

Il senso e l'etica del mestiere del magistrato

Due recenti casi richiamano la magistratura all'etica dei comportamenti
Caldarozzi alla Dia

De Vito, presidente di Md: «Sorpreso da questa promozione»

L'intervista a Il Manifesto, 28 dicembre 2017