Il ricordo

La forza della memoria

Pistoia, sabato 25 febbraio 2017 ore 11.00 - Palazzo Pretorio

La forza della memoria

Intitolazione delle aule di giustizia del Tribunale di Pistoia ai magistrati Rossella Corsini, Pasquale Gratteri, Giovanni Signorelli

Rossella Corsini, Pasqualino Gratteri e Giovanni Signorelli sono stati tre magistrati che hanno lasciato un segno profondo nell'amministrazione della giustizia pistoiese. Sono scomparsi prematuramente, nel pieno della loro attività giudiziaria: Pasqualino era procuratore della Repubblica e aveva 67 anni; Giovanni era presidente di sezione del Tribunale e aveva 62 anni; Rossella era sostituto procuratore della Repubblica e aveva solo 51 anni.

Pasqualino Gratteri, prima di essere nominato procuratore della Repubblica di Pistoia, è stato uno dei giudici più stimati del Palazzo di giustizia fiorentino. Impegnato in Magistratura democratica dalla sua fondazione, è stato l'anima della Sezione toscana insieme a Ramat, Senese ed altri in un periodo di grande affermazione della corrente.

Giovanni Signorelli ha segnato per molti lustri le vicende giudiziarie pistoiesi. Uomo di vasta cultura e sensibilità giuridica, si è occupato prima della materia penale e poi di quella civile, esprimendo in entrambi i campi grande equilibrio e uno straordinario senso della giustizia.

Rossella Corsini è stata un magistrato molto apprezzato a Pistoia dai colleghi e dal Foro. Nei tanti e delicati casi in cui è stata impegnata, ha mostrato di essere un pubblico ministero energico, appassionato del suo lavoro, aperto e leale, acuto nelle indagini e equilibrato nel processo.

Colleghi, avvocati e amici ricorderanno i tre magistrati

26 gennaio 2017
Ultimi articoli

Dichiarazione di Medel sulle riforme del sistema giudiziario nella Repubblica di Moldavia

Immigrazione

Dichiarazione di Medel (Magistrats européens pour la démocratie et les libertés) sulle attività di soccorso in mare e il decreto sicurezza-bis

Di fronte alle scelte degli stati membri che sono in aperto conflitto con i valori sui quali l’Unione si fonda, l’Europa deve rimanere fedele alla sua storia e alla sua identità e adottare con urgenza una politica in materia di immigrazione per garantire la  tutela effettiva dei diritti di tutte le persone, che rappresenta un  limite invalicabile per  tutti i governi e i legislatori nazionali
Rassegna

«Il diritto alla vita vale meno di un ordine al governo»

«Il decreto sicurezza bis trascina il nostro Paese in un mondo capovolto rispetto al progetto costituzionale democratico dell’Italia repubblicana», dice il presidente di Magistratura democratica Riccardo De Vito.
(Il Manifesto, 7 agosto 2019)
Rassegna

«Csm, il sorteggio non può garantire il pluralismo»

di Giulia Marzia Locati
Pubblicato da il Fatto Quotidiano del 12 luglio 2019
Rassegna

«Ma il sorteggio mortifica il Csm»

Lettera di Mariarosaria Guglielmi al direttore de la Repubblica
Rassegna

Lo scandalo al Csm e le buone ragioni dell’associazionismo dei magistrati

di Gaetano Azzariti
Pubblichiamo articolo tratto dal il manifesto del 21 giugno 2019