L'iniziativa

Giudici di pace contro la mafia

A Roma l'incontro alle 15 al Tribunale penale

ROMA - Unità Democratica Giudici di pace (UDGDP) ha indetto e confermato la giornata di agitazione e protesta di tutti i giudici di pace che vorranno aderirvi su tutto il territorio nazionale il 23 maggio 2013 con assemblee e manifestazioni contro la mafia, la delinquenza organizzata, la violenza e la corruzione.

A Roma alle  15,00 Incontro all’Aula “Occorsio” Tribunale Penale, piazzale Clodio, con la partecipazione dei rappresentanti della Procura della Repubblica e del Tribunale di Roma, giornalisti, avvocati, giudici di pace, ecc.

Unità Democratica Giudici di Pace si appella a tutte le alte cariche dello Stato, recentemente rinnovate, perchè possano intervenire in difesa dei Giudici di pace ed al Parlamento perchè riformi urgentemente lo stato giuridico ed economico della categoria con una legge che ridia dignità e tutela a coloro che esercitano una funzione giurisdizionale, non sufficientemente riconosciuta, e, soprattutto, con il rispetto dell’indipendenza e dell’autonomia costituzionalmente garantite.


La Presidenza di Unità Democratica Giudici di Pace

(22 maggio 2013)

22 maggio 2013
Ultimi articoli
Polonia

Encj: il Consiglio di Giustizia (KRS) non è un'istituzione indipendente

Le riforme della giustizia hanno prodotto una crisi sistemica dello Stato di diritto. Il KRS non è in grado di sostenere il sistema giudiziario nell’esercizio indipendente della giurisdizione
Per Pasquale Sibilia

Formidabili quegli anni

di Carlo Sorgi
Un ricordo di Pasquale Sibilia da parte di un suo uditore
Rassegna

De Vito: «Da Salvini parole quasi eversive. Il consenso popolare? Non ci riguarda»

Parla il presidente di Magistratura democratica, Riccardo De Vito (Il Dubbio)
Rassegna

Osservatorio giustizia

Conversazione con Mariarosaria Guglielmi, segretaria di Magistratura democratica (Radio Radicale)
Per Graziana Calcagno

In ricordo di una giudice minorile

di Camillo Losana
Preparata e colta, protagonista di quella cultura che rovesciava l’ottica “segregazionista” e “difensivistica” della cosiddetta ri-educazione e correzione dei minori per affermare i loro diritti, riassumibili nel diritto alla educazione
Carceri

La controriforma gialloverde delle carceri

di Riccardo De Vito
Domina la cifra giustizialista della maggioranza. Eliminate le norme sulle misure alternative al carcere e per l'integrazione dei detenuti stranieri (Il Manifesto)