L'iniziativa

Giudici di pace contro la mafia

A Roma l'incontro alle 15 al Tribunale penale

ROMA - Unità Democratica Giudici di pace (UDGDP) ha indetto e confermato la giornata di agitazione e protesta di tutti i giudici di pace che vorranno aderirvi su tutto il territorio nazionale il 23 maggio 2013 con assemblee e manifestazioni contro la mafia, la delinquenza organizzata, la violenza e la corruzione.

A Roma alle  15,00 Incontro all’Aula “Occorsio” Tribunale Penale, piazzale Clodio, con la partecipazione dei rappresentanti della Procura della Repubblica e del Tribunale di Roma, giornalisti, avvocati, giudici di pace, ecc.

Unità Democratica Giudici di Pace si appella a tutte le alte cariche dello Stato, recentemente rinnovate, perchè possano intervenire in difesa dei Giudici di pace ed al Parlamento perchè riformi urgentemente lo stato giuridico ed economico della categoria con una legge che ridia dignità e tutela a coloro che esercitano una funzione giurisdizionale, non sufficientemente riconosciuta, e, soprattutto, con il rispetto dell’indipendenza e dell’autonomia costituzionalmente garantite.


La Presidenza di Unità Democratica Giudici di Pace

(22 maggio 2013)

22 maggio 2013
Ultimi articoli
Ricordando Walter.

Nessuno muore sulla terra finché vive nel cuore di chi resta

Oggi al duomo di Monza una folla di donne e di uomini ha salutato Walter Mapelli, Procuratore della Repubblica di Bergamo che ci ha lasciato l’8 aprile, dopo una lunga malattia
Polonia.

Il messaggio dei giudici polacchi aderenti a Iustitia

La testimonianza dell’impegno a contrastare la crisi dello Stato di diritto
21 marzo: Giornata della Memoria e dell’Impegno per le vittime di mafie.

Dare un senso all’impegno

di Stefano Musolino
Un giorno per rammentare il senso dell’operare e gettare nuove basi per una più efficace azione di contrasto alle mafie
Rassegna.

Ezia Maccora «Più attenzione alle parole usate nelle sentenze»

L’intervista al Corriere della Sera a cura di Fiorenza Sarzanini, 14 marzo 2019
Romania.

Crisi dello Stato di diritto in Romania

La dichiarazione di Medel (Magistrats Européens pour la Démocratie et Les Libertés) sulla crisi dello stato di diritto in Romania e sulle riforme avviate nel 2017 che mettono a rischio l’indipendenza del sistema giudiziario e l’azione di contrasto al fenomeno della corruzione
Rassegna.

Mariarosaria Guglielmi: «Difendiamo i diritti, non siamo avversari politici del Governo»

L’intervista a Il Manifesto, 5 marzo 2019