Immigrazione

Tutti i video del seminario di Catania

Guarda la playlist dell'#Immigrazionecheverrà

Pubblichiamo la playlist con tutti i video del convegno di Area "L'immigrazione che verrà", che si è svolto a Catania il 20 e il 21 febbraio (il documento conclusivo dei lavori).

Di seguito i video delle singole sessioni:

L'INTRODUZIONE DEL SEMINARIO Con gli interventi di Anna Canepa (segretario generale di Md), Maria Guia Federico (predetto di Catania), Salvatore Scalia (Procuratore Generale di Catania), Giovanni Dipietro (presidente della prima sezione civile del Tribunale di Catania), Abdelhafid Kheit (presidente della Comunità islamica siciliana

LE MIGRAZIONI VERSO L'EUROPA La tavola rotonda moderata dal giudice del Tribunale di Palermo Daniela Galazzi, con gli interventi di: Enzo Bianco, sindaco di Catania, Lucio Caracciolo, direttore di Limes, Vittorio Manes, professore dell'Università di Bologna, Patrizio Gattari, giudice del Tribunale di Milano, Piergiorgio Morosini, presidente della Commissione Riforme del Csm

IL VIAGGIO PER MARE
Nella sessione moderata da Simona Ragazzi, giudice del Tribunale di Catania gli interventi di Filippo Maria Foffi, ammiraglio, Marina militare italiana; Kamel Samir Kamel avvocato generale, capo dell’Ufficio della Cooperazione Internazionale della Procura Generale egiziana; Rocco Liguori sostituto procuratore della Repubblica di Catania; Franco Roberti procuratore nazionale antimafia e Marco Minniti, Sottosegretario di Stato Autorità delegata per la Sicurezza della Repubblica

L'APPRODO (prima parte) Nella sessione moderata da Carlo de Chiara, consigliere della corte di Cassazione gli interventi di Armando Gradone prefetto di Siracusa, Rosario Valastro presidente della Croce Rossa Italiana per la Sicilia e Emiliano Abramo portavoce della Comunità di Sant’Egidio per la Sicilia

L'APPRODO (seconda parte) Gli interventi del prof. Antonello Ciervo e del cons. Vittorio Gaeta sul tema dello Status dei migranti e del riconoscimento della protezione internazionale: dalle Commissioni Territoriali alle prassi degli uffici giudiziari

I MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI Nella sessione moderata da Giuseppe De Gregorio giudice del Tribunale di Palermo, intervengono: Donatella Donati giudice del Tribunale per i Minorenni di Bologna, Maria Francesca Pricoco pres. del Tribunale per i Minorenni di Catania, Viviana Valastro responsabile protezione minori migranti per Save the Children

VERSO UN NUOVO APPROCCIO EUROPEO
Nella sessione conclusiva del convegno di Area, a Catania,  "L'immigrazione che verrà", moderata da Giovanni Salvi procuratore della Repubblica di Catania, intervengono: Nicoletta Parisi ordinario nell’Università di Catania, Mario Morcone capo Dipartimento centrale per le libertà civili e l’immigrazione, Ministero dell’Interno, Sandro Gozi sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega agli affari europei, Giulio De Blasi funzionario della Commissione Europea, specializzato nelle politiche di asilo, Michela Giuffrida, europarlamentare, Anna Canepa, segretario generale Magistratura democratica, Nicola Di Grazia, segretario nazionale del Movimento/Art3

(1 marzo 2015)

2 marzo 2015
Ultimi articoli
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
L'intervento

Il senso e l'etica del mestiere del magistrato

Due recenti casi richiamano la magistratura all'etica dei comportamenti
Caldarozzi alla Dia

De Vito, presidente di Md: «Sorpreso da questa promozione»

L'intervista a Il Manifesto, 28 dicembre 2017