Convegno

La crisi del lavoro in Italia dal movimento ’77 ad oggi

La crisi del lavoro in Italia dal movimento ’77 ad oggi

Precarizzazione, ristrutturazione produttiva, conflitto sociale e questione giovanile fra dimensione nazionale e modello emiliano-romagnolo

Campus universitario di Forlì – 4/5 dicembre 2017

Sala Conferenze del Padiglione Melandri – Piazzale Solieri, 1

LA DIMENSIONE NAZIONALE

(LUNEDÌ 4 DICEMBRE 2017)

Saluti istituzionali e apertura lavori

(Ore 10.00)

Lubiano Montaguti (Vicesindaco di Forlì)

Domenico Guzzo (Comitato scientifico-organizzatore)

I) CONTESTI E PARADIGMI

(Ore 10.30)

Roberto Colozza, Il fenomeno del ’77 in prospettiva europea

Simone Neri Serneri, Crisi dei movimenti e crisi italiana degli anni Settanta

Marco Grispigni, Dal “potere deve essere operaio” al “godere operaio”. Legami e rotture fra il ’68 e il ’77

II) SOGGETTIVITÀ E LAVORO

(Ore 14.00)

Valerio Romitelli, La soggettività politica nel movimento ’77

Rocco Lentini, Il Settantasette in un “contesto ostile”: antagonismo e crisi del lavoro nel Mezzogiorno

Carlo Sorgi, “Smetto quando vogliono”: passato e presente delle tutele giurisdizionali del lavoratore

III) LE PRATICHE E LE FORME DELL’AZIONE POLITICA

(Ore 16.00)

Alberto Pantaloni, Il rapporto fra il “movimento del ’77” e movimento operaio: le “due società” fra rotture, tentativi di ricomposizione, percorsi innovativi, violenza

Silvia Casilio e Loredana Guerrieri, La teoria dei bisogni: azioni dirette dagli anni ’70 ad oggi, a destra e a sinistra

Giordano Cotichelli, Le lotte dei lavoratori ospedalieri: un aspetto storiografico del Movimento del ’77

Giorgio Del Vecchio, Crisi del lavoro e violenza politica in Italia nei secondi anni Settanta. L’autonomia, il ’77 e Prima Linea

IL MODELLO EMILIANO-ROMAGNOLO NEL CONTESTO ITALIANO

 (MARTEDÌ 5 DICEMBRE 2017)

Saluti istituzionali e apertura lavori

(Ore 9.00)

Ines Briganti (Presidente Istituto Storico di Forlì-Cesena)

I) LE PECULIARITÀ E LE DINAMICHE STORICHE

(Ore 9.30)

Carlo De Maria, Identità, crisi e possibile rilancio del modello emiliano-romagnolo

Tito Menzani, Innovare il terziario. Il boom delle cooperative di servizi nel “modello emiliano” di fine anni Settanta

Luca Chiurchiù, Mao più dada: avanguardia di massa e pratiche artistiche del Movimento del ’77

II) LE EVOLUZIONI CONTEMPORANEE

(Ore 12.00)

Luigi Giove, Il modello emiliano-romagnolo oggi: il Patto per il lavoro

Alessandro Martelli e Salvatore Zappalà, I giovani e il sindacato: i risultati di una indagine nel comprensorio forlivese-cesenate

CRISI E FUTURIBILITÀ

(Ore 14.15)

Luigi Mariucci, È ancora possibile una cittadinanza del lavoro?

Angelo Salento, La promessa post-fordista e la società senza reddito

TAVOLA ROTONDA: RILEGGERE LA TRASFORMAZIONE DEL LAVORO IN ITALIA. TRACCE E PROSPETTIVE

(Ore 16)

Leonardo Altieri Massimo Balzani, Sergio Bologna, Salvatore Cominu, Lubiano Montaguti, Francesco Sinopoli

Coordinatore: Domenico Guzzo – Contatti: Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea, tel. 0543-28999; mail: istorecofo@gmail.com

 

4 dicembre 2017
Ultimi articoli
Rassegna

«Csm, il sorteggio non può garantire il pluralismo»

di Giulia Marzia Locati
Pubblicato da il Fatto Quotidiano del 12 luglio 2019
Rassegna

«Ma il sorteggio mortifica il Csm»

Lettera di Mariarosaria Guglielmi al direttore de la Repubblica
Rassegna

Lo scandalo al Csm e le buone ragioni dell’associazionismo dei magistrati

di Gaetano Azzariti
Pubblichiamo articolo tratto dal il manifesto del 21 giugno 2019
In ricordo

L’attualità dell’insegnamento e della testimonianza di Salvatore Senese

di Edmondo Bruti Liberati
In tutte le sue diverse esperienze di “magistrato impegnato” ha mostrato come la fermezza sui valori e sulle idee debba unirsi all’ascolto e al confronto rifuggendo sempre da ogni settarismo
In ricordo

Per Salvatore Senese

di MD Toscana
Il vuoto lasciato dalla sua scomparsa non è di quelli che possano essere facilmente colmati. Non lo sarebbe stato in nessuna fase della vita di Magistratura democratica. Ma oggi, con tutto quello che sta succedendo, è facile capire che quel vuoto rimarrà per molto tempo ad ammonirci
In ricordo

Salvatore Senese, la sua lezione di fronte allo squallore di oggi

Proponiamo il brano di Luigi Ferrajoli pubblicato da il manifesto del 18 giugno 2019.

Nelle sue parole, il miglior antidoto alla demagogia di chi chiede il dissolvimento delle associazioni e, così facendo, impedisce un reale cambiamento delle stesse o propone di cambiare tutto per non cambiare niente. (L’Esecutivo nazionale di Magistratura democratica)