Cronache al di là del muro

Il calcio per l'integrazione

Cronache al di là del muro

Quando l'integrazione passa da un campo di calcio

Magistrati, detenuti, migranti e studenti uniti per un giorno dal gioco del calcio. A Rebibbia sono scesi in campo, per un triangolare d’eccezione, i giudici di Magistratura democratica, i reclusi del carcere romano e l’Atletico Diritti.

CARCERE DI REBIBBIA, ROMA - Un pallone trafitto dagli offendicula posti a presidio della recinzione che delimita il campo di calcio.

È questa, tra le altre, l’immagine che porterò per sempre scolpita nella mia memoria, come ricordo di una giornata speciale, una di quelle giornate che ti regalano talmente tante emozioni da lasciarti stordito, al punto che la notte fai fatica a prendere sonno.

A partita finita, nello spogliatoio, ciò che sentivamo addosso non era tanto la stanchezza di chi è arrivato impreparato atleticamente ad una manifestazione sportiva, quanto l’emozione di chi si rende conto di essere stato protagonista di un evento straordinario.

Eravamo arrivati all’ingresso del carcere di Rebibbia preoccupati della nostra scarsa condizione atletica; non avevamo messo in conto, però, che ciò a cui eravamo davvero impreparati sarebbe stato il fiume di sentimenti che ci avrebbe travolto oltrepassato quel cancello.

E se per chi come me, Gabriele, Marco, Erminio e Stefano entrare in carcere per motivi di lavoro fa parte ormai della routine, pensate, invece, cosa hanno potuto provare i giovani colleghi in tirocinio che per la prima volta hanno messo piede in un Istituto di reclusione (effetto perverso della riduzione del periodo di tirocinio che ha comportato la soppressione del periodo di formazione in carcere). La loro gratitudine a fine partita ci ha ripagato di tutta la fatica che facciamo quotidianamente per dimostrare, prima di tutto a noi stessi, che si può essere magistrati in tanti modi, ma il più bello è “mettendosi in gioco” senza timore e con generosità.

Per la prima volta, da quel lontano 1964, anno della sua fondazione, Magistratura democratica è entrata con la sua squadra in un campo di calcio ed è stato un esordio che, almeno noi che lo abbiamo vissuto in prima persona, non dimenticheremo mai.

Il triangolare di calcio a cui abbiamo dato vita insieme alla squadra dei detenuti di Rebibbia e all’Atletico Diritti, un team costituito da migranti, studenti universitari e persone in esecuzione penale, è stato vinto dagli ospiti di casa e non poteva andare meglio. Sono convinto, infatti, che, forse solo per un giorno e a prescindere dal risultato sul campo, ieri le vite di molti di loro sono state attraversate da un raggio di luce. L’ho visto nei loro sguardi a fine partita, l’ho sentito negli abbracci che ci siamo scambiati, me lo hanno detto.

Ho promesso loro che saremmo tornati per la rivincita. Mi hanno risposto che non vedono l’ora di batterci ancora.

Rocco Maruotti, Sostituto Procuratore della Repubblica - Procura di Rieti

Il programma della giornata

La fotogallery

Il videoservizio di Repubblica.it

Ultimi articoli
MEDEL: a 28 anni dalla strage di Capaci

23 MAGGIO, GIORNO DI ALLERTA PER L'INDIPENDENZA DELLA GIUSTIZIA

Ricordando l'anniversario dell'assassinio di Giovanni Falcone da parte della mafia nel 1992, MEDEL ha dichiarato il 23 maggio Alert Day sull'Indipendenza della Giustizia in Europa. Come sottolinea la dichiarazione diffusa oggi, negli ultimi anni gli attacchi contro l'indipendenza della magistratura sono aumentati e quel che accade in Ungheria, Polonia, Romania, Bulgaria testimonia la fragilità dei sistemi giudiziari anche in Europa. Medel ricorda in questi giorni anche le vicende della Turchia e di Murat Arslan, il presidente dell'associazione membro di Medel, ancora detenuto, e condannato a di 10 anni in violazione dei principi del giusto processo.
A proposito della querelle Bonafede - Di Matteo

Domande senza risposte e ineffabili suggestioni

di Mariarosaria Guglielmi
Le interlocuzioni che hanno preceduto la nomina del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rivelate durante una trasmissione televisiva da uno degli interessati, sono l'occasione per riflettere sulle esternazioni dei magistrati, i loro limiti e le ricadute sui rapporti fra le istituzioni.
La scomparsa di Franco Cordero

Il ricordo di Magistratura democratica

di Betta Cesqui
Tecnologia e processo

Non si stravolga il principio dell’oralità e immediatezza: il processo vero si fa in aula

di Mariarosaria Guglielmi
La tecnologia può assicurare efficienza, ma i nuovi strumenti devono essere governati e non subiti. È necessario investire sul processo penale telematico, favorendo l’accesso digitale agli atti e la circolazione dei documenti. Occorre smaterializzare le carte, non le persone
Coltivazione domestica

Canapa sul balcone: parole nette dalla Cassazione

di Riccardo De Vito
La sentenza delle Sezioni Unite ha le carte in regola per evitare un rigorismo repressivo che, sinora, ha ottenuto soltanto il risultato di allungare la catena dello spaccio. Ma adesso è indispensabile che il legislatore riprenda la parola per ridisegnare la disciplina delle droghe leggere
Ricordando Walter

Ciao Walter, addio amico amato: modello dell’essere e del fare

di Olindo Canali
È già trascorso un anno da quando Walter Mapelli ci ha lasciato. Walter faceva parte della comunità di Magistratura democratica. Desideriamo ricordarlo con le parole di Olindo Canali, che ringraziamo per questo bel ritratto di Walter