Cronache al di là del muro

Il calcio per l'integrazione

Cronache al di là del muro

Quando l'integrazione passa da un campo di calcio

Magistrati, detenuti, migranti e studenti uniti per un giorno dal gioco del calcio. A Rebibbia sono scesi in campo, per un triangolare d’eccezione, i giudici di Magistratura democratica, i reclusi del carcere romano e l’Atletico Diritti.

CARCERE DI REBIBBIA, ROMA - Un pallone trafitto dagli offendicula posti a presidio della recinzione che delimita il campo di calcio.

È questa, tra le altre, l’immagine che porterò per sempre scolpita nella mia memoria, come ricordo di una giornata speciale, una di quelle giornate che ti regalano talmente tante emozioni da lasciarti stordito, al punto che la notte fai fatica a prendere sonno.

A partita finita, nello spogliatoio, ciò che sentivamo addosso non era tanto la stanchezza di chi è arrivato impreparato atleticamente ad una manifestazione sportiva, quanto l’emozione di chi si rende conto di essere stato protagonista di un evento straordinario.

Eravamo arrivati all’ingresso del carcere di Rebibbia preoccupati della nostra scarsa condizione atletica; non avevamo messo in conto, però, che ciò a cui eravamo davvero impreparati sarebbe stato il fiume di sentimenti che ci avrebbe travolto oltrepassato quel cancello.

E se per chi come me, Gabriele, Marco, Erminio e Stefano entrare in carcere per motivi di lavoro fa parte ormai della routine, pensate, invece, cosa hanno potuto provare i giovani colleghi in tirocinio che per la prima volta hanno messo piede in un Istituto di reclusione (effetto perverso della riduzione del periodo di tirocinio che ha comportato la soppressione del periodo di formazione in carcere). La loro gratitudine a fine partita ci ha ripagato di tutta la fatica che facciamo quotidianamente per dimostrare, prima di tutto a noi stessi, che si può essere magistrati in tanti modi, ma il più bello è “mettendosi in gioco” senza timore e con generosità.

Per la prima volta, da quel lontano 1964, anno della sua fondazione, Magistratura democratica è entrata con la sua squadra in un campo di calcio ed è stato un esordio che, almeno noi che lo abbiamo vissuto in prima persona, non dimenticheremo mai.

Il triangolare di calcio a cui abbiamo dato vita insieme alla squadra dei detenuti di Rebibbia e all’Atletico Diritti, un team costituito da migranti, studenti universitari e persone in esecuzione penale, è stato vinto dagli ospiti di casa e non poteva andare meglio. Sono convinto, infatti, che, forse solo per un giorno e a prescindere dal risultato sul campo, ieri le vite di molti di loro sono state attraversate da un raggio di luce. L’ho visto nei loro sguardi a fine partita, l’ho sentito negli abbracci che ci siamo scambiati, me lo hanno detto.

Ho promesso loro che saremmo tornati per la rivincita. Mi hanno risposto che non vedono l’ora di batterci ancora.

Rocco Maruotti, Sostituto Procuratore della Repubblica - Procura di Rieti

Il programma della giornata

La fotogallery

Il videoservizio di Repubblica.it

26 settembre 2017
Ultimi articoli
Diritto di asilo

Il diritto di difesa non è uguale per tutti

di Silvia Albano* e Riccardo De Vito**
La previsione dell’audizione del richiedente asilo senza l’assistenza del suo avvocato difensore non solo lede gravemente il diritto di difesa della parte, tutelato dall’art 24 della Costituzione, ma rischia anche di rendere meno efficace e rilevante la stessa audizione del richiedente
Ordinamento penitenziario

Appello al governo

Pubblichiamo il testo di un appello sottoscritto da diverse associazioni in rappresentanza dei mondi dell’università, dell’avvocatura, della magistratura e del volontariato, nonché da autorevoli giuristi e da personalità della società civile. L’appello, indirizzato al Governo, auspica l’approvazione definitiva della riforma penitenziaria, in attuazione delle delega conferita con la l. n. 103/2017. La riforma, giunta a un passo dal varo definitivo con l’approvazione dello schema di decreto legislativo, rischia ora una definitiva battuta d’arresto per via della fine della legislatura.
Rassegna

Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.