I diritti umani e l'Unione

Md Europa si presenta

ROMA - In vista della giornata studiodel 26 ottobre a Roma, dal titolo "Carta dei diritti fondamentali e ruolo del giudice nazionale nello spazio europeo di Cittadinanza",(LEGGI IL PROGRAMMA) Valeria Piccone, coordinatrice di Md Europa, ripercorre il processo di formazione del diritto europeo che ha portato al Trattato di Lisbona. Un campo in cui l'attività di Md ha sempre cercato di tutelare "l'internazionalizzazione dei diritti umani" con la compatibilità tra il sistema interno e quello sovranazionale. Il fulcro del nostro lavoro, spiega Valeria Piccone, è stato "il ruolo del giudice ordinario come organo di base dello spazio giudiziario europeo".

Internazionalizzazione dei diritti umani. "I diritti umani, commenta la coordinatrice del gruppo Europa, "hanno assunto una centralità nel panorama giuridico mondiale, al punto da sganciarsi dal semplice quadro nazionale". Md si è confrontata con quella che è stata definita da Habermas, "Il luogo privilegiato della speranza umana": da quando l'Europa si è affrancata da una vocazione prettamente "mercantile" per accentuare invece, la tutela dell'individuo.

L'attività del gruppo Europa. Per questo, continua Valeria Piccone, "abbiamo sempre cercato di accompagnare i colleghi nel confronto con un universo che supera quello dei confini statali". Particolare risalto è stato dato al ruolo del giudice ordinario. "Il suo è un grande impegno per adeguare il diritto nazionale a quello europeo. La centralità dei diritti si affianca, infatti, alla necessità di rendere compatibile il diritto interno con quello dell'Unione, che, di fatto, è diventata il paladino dei diritti".

Tra gli appuntamenti organizzati dall'associazione ha acquisito particolare importanza il workshop di Venezia, un appuntamento ormai annuale, mentre è sempre più attiva la  partecipazione  all'Osservatorio sul rispetto dei diritti fondamentali in Europa (http://www.europeanrights.eu/).

25 ottobre 2011
Ultimi articoli
Bulgaria

Dichiarazione di Medel sugli attacchi subiti dai giudici bulgari

Medel esprime il suo sostegno ai giudici e all’Associazione dei Giudici Bulgari per gli attacchi subiti dopo la pronuncia emessa a settembre dalla Corte di Appello di Sofia nel caso Jock Palfreeman

Dichiarazione di Medel sulle riforme del sistema giudiziario nella Repubblica di Moldavia

Immigrazione

Dichiarazione di Medel (Magistrats européens pour la démocratie et les libertés) sulle attività di soccorso in mare e il decreto sicurezza-bis

Di fronte alle scelte degli stati membri che sono in aperto conflitto con i valori sui quali l’Unione si fonda, l’Europa deve rimanere fedele alla sua storia e alla sua identità e adottare con urgenza una politica in materia di immigrazione per garantire la  tutela effettiva dei diritti di tutte le persone, che rappresenta un  limite invalicabile per  tutti i governi e i legislatori nazionali
Rassegna

«Il diritto alla vita vale meno di un ordine al governo»

«Il decreto sicurezza bis trascina il nostro Paese in un mondo capovolto rispetto al progetto costituzionale democratico dell’Italia repubblicana», dice il presidente di Magistratura democratica Riccardo De Vito.
(Il Manifesto, 7 agosto 2019)
Rassegna

«Csm, il sorteggio non può garantire il pluralismo»

di Giulia Marzia Locati
Pubblicato da il Fatto Quotidiano del 12 luglio 2019
Rassegna

«Ma il sorteggio mortifica il Csm»

Lettera di Mariarosaria Guglielmi al direttore de la Repubblica