Md e Giuristi Democratici

Giornate nazionali diritto del lavoro

Associazione Nazionale Magistratura democratica

Giuristi Democratici

Giornate nazionali sul diritto del lavoro ‐ 21 e 22 giugno 2012

LAVORO: UNA RIFORMA IRRAZIONALE

L’ennesimo arretramento delle tutele dei lavoratori

Il disegno di legge AS 3249 ha l’obiettivo dichiarato di realizzare un mercato del lavoro inclusivo e dinamico e di contribuire alla crescita sociale ed economica. In realtà, con il pretesto di favorire la competitività e gli investimenti stranieri e per uniformarsi alle indicazioni dell’Unione Europea, comprime le tutele dei lavoratori aumentando le già profonde disuguaglianze sociali. A fronte di insignificanti interventi mirati a ridurre la precarietà, il disegno di legge, nel modificare drasticamente l’articolo 18 dello Statuto, penalizza la parte più debole del rapporto privandola del diritto alla reintegrazione, prevista solo in pochi casi e da norme suscettibili di contrastanti interpretazioni ed applicazioni. Giuristi Democratici e Magistratura Democratica discutono della riforma delle tutele dei lavoratori in una giornata nazionale di approfondimento, riflessione giuridica e informazione.

Gli incontri si svolgeranno, principalmente, il 21 o il 22 giugno 2012 nelle maggiori città italiane.


IL CALENDARIO

Torino, (IL PROGRAMMA) 19 giugno 2012 ore 12-14

Palazzo di Giustizia – Maxi Aula n. 3


Milano, (IL PROGRAMMA)  giovedì 21 giugno 2012 ‐ ore 15.00
Tribunale di Milano Sezione Lavoro
aula 211 secondo piano – via Pace 10


Roma, (IL PROGRAMMA) giovedì 21 maggio 2012 - ore 14.30-17.30

Aula Musica del Tribunale, via Lepanto 4/ viale Giulio Cesare 54



Napoli (IL PROGRAMMA) l'appuntamento è fissato per:

venerdì 22 giugno 2012 - ore 12.00

Palazzo di Giustizia - Sala Arengario



21 giugno 2012
Ultimi articoli
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
L'intervento

Il senso e l'etica del mestiere del magistrato

Due recenti casi richiamano la magistratura all'etica dei comportamenti