Md e Giuristi Democratici

Giornate nazionali diritto del lavoro

Associazione Nazionale Magistratura democratica

Giuristi Democratici

Giornate nazionali sul diritto del lavoro ‐ 21 e 22 giugno 2012

LAVORO: UNA RIFORMA IRRAZIONALE

L’ennesimo arretramento delle tutele dei lavoratori

Il disegno di legge AS 3249 ha l’obiettivo dichiarato di realizzare un mercato del lavoro inclusivo e dinamico e di contribuire alla crescita sociale ed economica. In realtà, con il pretesto di favorire la competitività e gli investimenti stranieri e per uniformarsi alle indicazioni dell’Unione Europea, comprime le tutele dei lavoratori aumentando le già profonde disuguaglianze sociali. A fronte di insignificanti interventi mirati a ridurre la precarietà, il disegno di legge, nel modificare drasticamente l’articolo 18 dello Statuto, penalizza la parte più debole del rapporto privandola del diritto alla reintegrazione, prevista solo in pochi casi e da norme suscettibili di contrastanti interpretazioni ed applicazioni. Giuristi Democratici e Magistratura Democratica discutono della riforma delle tutele dei lavoratori in una giornata nazionale di approfondimento, riflessione giuridica e informazione.

Gli incontri si svolgeranno, principalmente, il 21 o il 22 giugno 2012 nelle maggiori città italiane.


IL CALENDARIO

Torino, (IL PROGRAMMA) 19 giugno 2012 ore 12-14

Palazzo di Giustizia – Maxi Aula n. 3


Milano, (IL PROGRAMMA)  giovedì 21 giugno 2012 ‐ ore 15.00
Tribunale di Milano Sezione Lavoro
aula 211 secondo piano – via Pace 10


Roma, (IL PROGRAMMA) giovedì 21 maggio 2012 - ore 14.30-17.30

Aula Musica del Tribunale, via Lepanto 4/ viale Giulio Cesare 54



Napoli (IL PROGRAMMA) l'appuntamento è fissato per:

venerdì 22 giugno 2012 - ore 12.00

Palazzo di Giustizia - Sala Arengario



21 giugno 2012
Ultimi articoli
Ordinamento penitenziario

Senza paura. Nel nome della sicurezza e dei diritti si approvi la riforma

L’appello di Md e Antigone a tutte le forze politiche
Diritto di asilo

Il diritto di difesa non è uguale per tutti

di Silvia Albano* e Riccardo De Vito**
La previsione dell’audizione del richiedente asilo senza l’assistenza del suo avvocato difensore non solo lede gravemente il diritto di difesa della parte, tutelato dall’art 24 della Costituzione, ma rischia anche di rendere meno efficace e rilevante la stessa audizione del richiedente
Ordinamento penitenziario

Appello al governo

Pubblichiamo il testo di un appello sottoscritto da diverse associazioni in rappresentanza dei mondi dell’università, dell’avvocatura, della magistratura e del volontariato, nonché da autorevoli giuristi e da personalità della società civile. L’appello, indirizzato al Governo, auspica l’approvazione definitiva della riforma penitenziaria, in attuazione delle delega conferita con la l. n. 103/2017. La riforma, giunta a un passo dal varo definitivo con l’approvazione dello schema di decreto legislativo, rischia ora una definitiva battuta d’arresto per via della fine della legislatura.
Rassegna

Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti