Convegno

Frosinone, Crisi del lavoro e rischio criminalità

Sezione MD Lazio

 

 

CONVEGNO “FROSINONE, LA CRISI DEL LAVORO E NUOVE PROSPETTIVE DI PROFITTO PER LA CRIMINALITA'”

 

Mercoledì 3 Ottobre, alle ore 14.30, presso la Sala Conferenze del Palazzo di Giustizia di Frosinone, si terrà il convegno “Crisi del lavoro e nuove prospettive di profitto per la criminalità” organizzato da Magistratura Democratica - Sezione Lazio.Il programma dell’evento vedrà una prima parte dedicata agli interventi dei relatori. Seguirà alle ore 17,30 il concerto dell’orchestra giovanile del Conservatorio Licinio Refice di Frosinone, direttore M° Guillaume Boulay.

 

Partecipanti:

 

Apriranno i lavori il dott. Giuseppe De Falco, Procuratore della Repubblica di Frosinoneeil dott. Tommaso Sebastiano Sciascia, presidente del Tribunale di Frosinone. Prenderanno poi la parola: il dott. Glauco Zaccardi, segretario di Md Lazio; la dott.ssa Anna Canepa, Vicepresidente dell’Associazione Nazionale Magistrati; Eugenio Soldà, Prefetto di Frosinone; Giuseppe De Matteis,  Questore di Frosinone; Marcello Pigliacelli, Presidente di Unindustria Frosinone; Domenico De Santis, Segretario Provinciale CGIL Frosinone; Ferdinando Secchi, Referente Regionale Libera; Antonio Iafano, Coordinamento Libera Frosinone. Hanno assicurato la loro presenza Nicola Ottaviani, sindaco di Frosinone, il dott. Amedeo Ghionni, Presidente del Tribunale di Cassino;il dott. Mario Mercone, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Cassino; Antonio Menga, Comandante Provinciale Carabinieri di Frosinone; Roberto Piccinini, Comandante Provinciale Guardia di Finanza Frosinone; Davide Calabrò, Presidente del Consiglio dell’ordine degli avvocati di Frosinone.

 

Obiettivi:

 

Alla luce della grave crisi occupazionale che colpisce la provincia di Frosinone (9,2% tasso di disoccupazione 2011, Fonte: Istat), negli ultimi mesi al centro di casi di rilevanza nazionale (tra i più noti, la chiusura della Videocon di Anagni e la difficile situazione della Fiat di Cassino) e di fronte alla crescita preoccupante di sequestri di beni alla criminalità organizzata (aumento del 50% nel 2011, Fonte: Cgil Roma e Lazio; 53 beni confiscati, Fonte: ANBSC), il convegno si propone di guardare da più punti di vista alla situazione economica e sociale del territorio. Saranno analizzate le ripercussioni sull’attività giurisdizionale e le difficoltà vissute dalle realtà locali. Durante i lavori, verrà focalizzata l’attenzione anche sull’altra faccia dell’emergenza economica, ovvero il rischio di tenuta per il tessuto sociale del territorio, messo a dura prova dalla penetrazione della criminalità organizzata, in un momento storico-economico che registra un preoccupante “sfaldamento” delle tradizionali fonti lavorative e di reddito.

 

3 ottobre 2012
Ultimi articoli
Rassegna

«Csm, il sorteggio non può garantire il pluralismo»

di Giulia Marzia Locati
Pubblicato da il Fatto Quotidiano del 12 luglio 2019
Rassegna

«Ma il sorteggio mortifica il Csm»

Lettera di Mariarosaria Guglielmi al direttore de la Repubblica
Rassegna

Lo scandalo al Csm e le buone ragioni dell’associazionismo dei magistrati

di Gaetano Azzariti
Pubblichiamo articolo tratto dal il manifesto del 21 giugno 2019
In ricordo

L’attualità dell’insegnamento e della testimonianza di Salvatore Senese

di Edmondo Bruti Liberati
In tutte le sue diverse esperienze di “magistrato impegnato” ha mostrato come la fermezza sui valori e sulle idee debba unirsi all’ascolto e al confronto rifuggendo sempre da ogni settarismo
In ricordo

Per Salvatore Senese

di MD Toscana
Il vuoto lasciato dalla sua scomparsa non è di quelli che possano essere facilmente colmati. Non lo sarebbe stato in nessuna fase della vita di Magistratura democratica. Ma oggi, con tutto quello che sta succedendo, è facile capire che quel vuoto rimarrà per molto tempo ad ammonirci
In ricordo

Salvatore Senese, la sua lezione di fronte allo squallore di oggi

Proponiamo il brano di Luigi Ferrajoli pubblicato da il manifesto del 18 giugno 2019.

Nelle sue parole, il miglior antidoto alla demagogia di chi chiede il dissolvimento delle associazioni e, così facendo, impedisce un reale cambiamento delle stesse o propone di cambiare tutto per non cambiare niente. (L’Esecutivo nazionale di Magistratura democratica)