Convegno

EPPUR SI MUOVE.
Carcere, Costituzione, speranza

 
Reggio Calabria - Piazza Italia
Palazzo “Corrado Alvaro” Sala Conferenze
 

Prima giornata

Seconda giornata

 
PRIMA GIORNATA
Venerdì 4 ottobre 2019 ore 15,00-19,00
Ore 15,00
Indirizzi di saluto
Ore 15.30
Introduzione alla prima giornata
di Armando Veneto
Avvocato - Presidente del Consiglio delle
Camere Penali
Prima sessione
Ieri, oggi, domani. Un bilancio sulla riforma e sullo stato attuale della penalità penitenziaria
Ore 15,45
Interventi
Fabio Gianfilippi
Magistrato Sorveglianza di Spoleto
Riccardo Polidoro
Avvocato - Responsabile Nazionale Osservatorio Carcere UCPI
Rita Bernardini
Partito Radicale Nonviolento Transnazionale Transpartito
Carmelo Occhiuto
Avvocato - Giunta UCPI
Coordina
Fabrizio Forte
Magistrato Tribunale Reggio Calabria
Seconda sessione
Fiato alla speranza: L’ergastolo ostativo ed il dialogo tra le Corti
Ore 17.15
Interventi
Davide Galliani
Professore Università di Milano
Marcello Bortolato
Presidente Tribunale Sorveglianza di Firenze
Roberto Lucisano
Presidente Corte di Assise Appello di Reggio Calabria
Roberto Piscitello
Magistrato già Direttore Generale Detenuti e Trattamento - Dap
Coordina:
Gianpaolo Catanzariti
Avvocato - Responsabile Nazionale Osservatorio Carcere UCPI
 
SECONDA GIORNATA
Sabato 5 ottobre - ore 9,00-13,00
Ore 9,00
Indirizzi di saluto
Ore 9,20
Introduzione alla seconda giornata
di Mariarosaria Guglielmi
Magistrato - Segretario Generale MD
Terza Sessione
Una penalità da rieducare. Carcere e risocializzazione
Ore 9,30
Interventi
Arturo Capone
Professore - Università di Reggio Calabria
Francesca Vianello
Sociologa - Università di Padova
Gioacchino Criaco
Scrittore
Gemma Tuccillo
Magistrato - Capo Dipartimento Giustizia Minorile e di Comunità - Dap
Contributo di Lucia Castellano
Direttore Generale Esecuzione Penale Esterna e messa alla prova – Ministero della Giustizia
Coordina:
Cinzia Barillà
Magistrato - Corte di Appello di Reggio Calabria
Quarta Sessione
Le emergenze del carcere e il carcere dell’emergenza
Ore 11,00
Interventi
Elisabetta Zamparutti
Comitato Europeo Prevenzione della Tortura - Nessuno Tocchi Caino
Mauro Palma
Garante Nazionale dei diritti dei detenuti
Alessio Scandurra
Coord. Osservatorio detenzione “Antigone”
Coordina:
Gaetano Calogero Paci
Procuratore Aggiunto Reggio Calabria
Conclusioni
Ore 12,15
Gian Domenico Caiazza
Avvocato – Presidente UCPI
Riccardo De Vito
Magistrato – Presidente MD
Coordina:
Gianpaolo Catanzariti
Avvocato - Responsabile Nazionale Osservatorio Carcere UCPI
 
La partecipazione all’evento è gratuita ed è in corso di accreditamento per la formazione degli avvocati.
Per contatti ed iscrizioni info@camerapenaledireggiocalabria.it
Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore