Convegno

Dalla legittima difesa all'offesa legittimata?

Ragioni a confronto sulle proposte di modifica all'art. 52 c.p.
Giuristi Democratici nazionale
Magistratura Democratica
Ordine Giornalisti del Veneto

 

Centro Cardinal Urbani - Venezia Zelarino
Via Visinoni, 4
5 ottobre 2018 - ore 14-19

 

 

ore 14
LA NORMATIVA ATTUALE
  • la dottrina ed il legislatore di fronte al problema della legittima difesa e la tutela del patrimonio; il confronto con i sistemi europei e il sistema nordamericano

 

LA LEGITTIMA DIFESA NEL SISTEMA DELLE SCRIMINANTI
  • gli elementi costitutivi; eccesso colposo e legittima difesa putativa
  • il procedimento: si può “evitare il processo”?

 

LA GIURISPRUDENZA DELLA CASSAZIONE PRIMA E DOPO LA RIFORMA DEL 2006

 

LE PROPOSTE DI RIFORMA DELL'ART. 52 C.P. PRESENTATE IN PARLAMENTO
  • i limiti di rango costituzionale e sovranazionale (art. 2 CEDU)

 

L'IMPATTO SOCIALE E CULTURALE
  • recenti casi: le narrazioni dei mezzi di comunicazione e della politica
  • legittima difesa, autotutela, farsi giustizia da sé, vendetta: assonanze e differenze
  • risvolti etici e posizione della dottrina religiosa

 

ore 17,30
DIBATTITO
LA “NUOVA” LEGITTIMA DIFESA:
si introduce la figura del “cittadino-giustiziere”?
Si va verso la licenza di uccidere?

 

Relatori
Letizio Magliaro
GIP presso il Tribunale di Bologna
Fausto Gianelli
avvocato, Foro di Modena
Gaetano Insolera
professore ordinario di diritto penale Università di Bologna
Domenico Siciliano
dr. iur. ricercatore dipartimento Scienze giuridiche Università di Firenze
Simone Morandini
prof. vicepreside Istituto di Studi Ecumenici San Bernardino di Venezia
Gian Antonio Stella
giornalista e scrittore

 

Moderano
Silvia Manderino
esecutivo nazionale GD
Massimo Michelozzi
segr. Veneto MD
Gianluca Amadori
pres. Ordine giornalisti Veneto

 

È stato chiesto l’accreditamento al Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Venezia

Iscrizioni per accreditamento avvocati: a mezzo il portale

Prenotazione avvocati fuori foro: carlocapp@libero.it

L’evento è accreditato dall’Ordine dei Giornalisti del Veneto per n. 5 crediti

 

Per informazioni:

silviamande@libero.it; massimo.michelozzi@giustizia.it; gianluca.amadori@gmail.com

13 settembre 2018
Ultimi articoli
In ricordo.

In quella voragine è finita anche una parte dello Stato

di Stefano Musolino
La voragine di Capaci ci sollecita a non perdere mai il senso dello Stato e a non restare intrappolati tra tentazioni carrieristiche, timori reverenziali, atteggiamenti burocratici ed individualismi esasperati
Turchia.

Lettere dai magistrati turchi

Il 23 maggio è la giornata di sensibilizzazione per l'indipendenza della giustizia in Europa. Pubblichiamo la traduzione in dodici lingue delle Letters from the Turkish Judiciary edite in e-book da Medel, impressionante testimonianza dell'incredibile accelerazione della caduta dello Stato di diritto in Turchia
Polonia.

WeDisagree. La voce dei giuristi polacchi

Il video raccoglie le voci dei giuristi polacchi, che esprimono la loro opposizione a quello che sta succedendo il Polonia: “la nostra comune casa democratica viene smantellata da coloro che sono al potere, pezzo dopo pezzo, in violazione della nostra Costituzione e dello stato di diritto”
Sulla proposta di riforma.

Separazione delle carriere: a rischio l’indipendenza del Pubblico ministero

La riforma è contraria ai principi affermati in ambito europeo che incoraggiano l'autonomia del pubblico ministero come presupposto dell'indipendenza di tutto il potere giudiziario, per una giustizia equa, imparziale ed efficiente
Polonia.

Nuova procedura di infrazione per le riforme sulla giustizia

di Mariarosaria Guglielmi
Dichiarazione di Medel sulla procedura d’infrazione della Commissione Europea contro la Polonia per il nuovo sistema disciplinare dei magistrati, contrario al principio di indipendenza della magistratura
Liberazione.

Il senso dell’unità antifascista e costituzionale del 25 aprile

La giornata della memoria antinazista e antifascista assume quest’anno un significato più forte, come risposta a quanti in Italia e in Europa predicano teorie contrarie alla nostra Costituzione e rivendicano scelte di negazione dei diritti