Contrasto a patrimoni mafie

L'impegno riparte da Catania

a cura di Simona Ragazzi

CATANIA - Sabato 5 novembre 2011 si è svolto a Catania, dinanzi a un uditorio nutrito, articolato e partecipe, il Convegno sul “Contrasto ai patrimoni delle mafie”,organizzato da Area (Magistratura Democratica e Movimento per la Giustizia/Articolo 3) insieme a Libera (coordinamenti territoriali di Catania e Siracusa).

Si è riflettuto sullo “stato dell’arte” di un’area della giurisdizione penale – la confisca dei beni di provenienza ingiustificata facenti capo agli indiziati e ai condannati per associazione di tipo mafioso – la quale, benché concepita già dai promotori dell’originario progetto di legge (depositato il 31.3.1980, primo firmatario Pio La Torre) come “arma strategica” nella lotta alle mafie, non a caso affiancata alla stessa codificazione della fattispecie di reato di associazione per delinquere di tipo mafioso, ha costituito nel tempo sempre un terreno quanto mai impervio e talvolta è perfino apparsa come la “cenerentola” della giurisdizione penale, e ciò per molteplici criticità e punti deboli, insiti sia nella legislazione sia nella prassi: dal diverso modo in cui viene interpretata la obbligatorietà dell’azione patrimoniale dai vari uffici requirenti alla inadeguatezza degli strumenti di indagine; dalla scarsa e scarna regolamentazione del procedimento giurisdizionale (diviso tra procedimento camerale e spinte verso il modello dibattimentale) alle disarmonie di disciplina tra misure di prevenzione e procedimenti ex art. 12-sexies L. 356/92, per finire con le inefficienze della procedura amministrativa di destinazione dei beni confiscati in via definitiva.

Sul punto è intervenuto di recente il Decreto Legislativo 6 settembre 2011 n. 159, intitolato “Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione”, il quale, benché nato da esigenze condivise (quali quella di razionalizzare la materia diffusa in varie norme, di migliorare la prevenzione alle mafie attraverso la confisca dei loro patrimoni e agevolarne la gestione e destinazione), non pare rispondere all’auspicabile potenziamento delle leggi ‘storiche’ in tema: la Rognoni-La Torre n. 646/1982 e la Legge n. 109/1996, che sancisce la destinazione sociale dei beni confiscati quale unico sbocco della confisca.

In sintesi, a dispetto della generale delusione per i contenuti del Codice Antimafia e le prospettive inquietanti sulla sorte dei beni “dopo la mafia”, anche attraverso il successivo dibattito è emersa la volontà di continuare a impegnarsi per far funzionare questa complessa macchina (fatta anche di molti “ferri vecchi” e di colpevoli inerzie) nonostante tutto e al contempo di battersi per prassi efficaci e virtuose e, a più lungo termine, per nuove soluzioni normative. Il nuovo Codice Antimafia, quindi, lungi dal rappresentare la “summa” della migliore legislazione antimafia, non può essere considerato un punto di arrivo, ma un “cantiere aperto”, al quale ci auguriamo di potere ancora lavorare.

Si possono leggere sintetici resoconti dei contenuti dell’incontro anche sui siti www.redazionesottosfratto.it (a cura di Agata Pasqualino, giornalista di “STEP 1” -Laboratorio di giornalismo dell’Università di Catania – Libera Informazione, e autrice anche dell’inchiesta giornalistica “Case Loro” sulla condizione di abbandono di alcuni beni confiscati e destinati a Catania) e www.argocatania.org (“Le armi spuntate del Codice Antimafia”, che riporta anche la versione audio integrale degli interventi di Francesco Menditto e Roberto Scarpinato).

Di seguito il report integrale del seminario curato da Simona Ragazzi, Segretario Md Catania.

5 novembre 2011
Ultimi articoli
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
L'intervento

Il senso e l'etica del mestiere del magistrato

Due recenti casi richiamano la magistratura all'etica dei comportamenti
Caldarozzi alla Dia

De Vito, presidente di Md: «Sorpreso da questa promozione»

L'intervista a Il Manifesto, 28 dicembre 2017