Seminario di Area

L'immigrazione che verrà


















Gli eventi accaduti negli ultimi giorni nel Canale di Sicilia confermano la necessità di riflettere sull'adeguatezza dell'operazione TRITON a rispondere alla grave emergenza umanitaria in atto e a garantire un'efficace azione di contrasto alle organizzazioni criminalitransazionali che lucrano sul bisogno di migrare di intere moltitudini umane, mettendone in pericolo la vita.

La situazione in LIBIA, le violenze sui migranti da parte di uomini armati, la minaccia alle forze di soccorso da parte di organizzazioniche potrebbero avere anche matrice terroristica pongono nuove epreoccupanti sfide. Il Seminario "L’IMMIGRAZIONE CHE VERRÀ. DAL RESPINGIMENTO A MARE NOSTRUM. DALL'ITALIA ALL'EUROPA", che si svolgerà a CATANIA il 20 e 21 febbraio 2015, organizzato da MAGISTRATURA DEMOCRATICA e MOVIMENTO PER LA GIUSTIZIA-ART.3, che nell'ambito della magistratura associata compongono il gruppo "AREA", affronterà questi temi, a partire dall'esperienza di MARE NOSTRUM e coinvolgendo tutticoloro che hanno concretamente operato nella repressione deitrafficanti, nel salvataggio di vite umane e nell'accoglienza di decinedi miglia di migranti.La sede del seminario è paradigmatica delle difficoltà che affrontano oggi le zone più esposte del Paese.

Nell'ultimo anno e mezzo, infatti,il comprensorio della Sicilia sud-orientale ha dovuto improvvisamenteaffrontare un flusso di immigrazione imprevedibile, perché in passato riversatosi (e in dimensione minore) sulla Sicilia occidentale e sulla Calabria. Il fenomeno ha comportato una radicale modificazionedell'approccio operativo nelle indagini e nuove problematiche giuridiche nei relativi procedimenti penali.

Lo scopo del seminario è quello di valorizzare lo sforzo compiuto nel corso degli ultimi tempi nel soccorso in mare, nella repressione delle organizzazioni dedite al traffico di migranti e nella prima accoglienza,ma allo stesso tempo di valutare tale fenomeno in un'ottica più ampia,e di metterne in luce le criticità e la crescente difficoltà per i territori più esposti a sostenere la gestione di flussi massicci e ad assicurare al contempo il rispetto della dignità umana dei migranti.

Tutto ciò nell'auspicio di potere pervenire a proposte migliorative del sistema, che permettano di bilanciare l'esigenza di "governare" il fenomeno migratorio con quella di assicurare condizioni di viaggio e diaccoglienza per i migranti dignitose e sicure.

Al seminario parteciperanno importanti attori istituzionali, come il ministro dell'InternoANGELINO ALFANO, il Sottosegretario di Stato - Autorità delegata per la sicurezza della Repubblica MARCO MINNITI, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, SANDRO GOZI,  il deputato KHALID CHAOUKI, la parlamentare europea MICHELA GIUFFRIDA, il funzionario della Commissione Europea, specializzato nelle politiche di asilo,GIULIO DI BLASI, il capo Dipartimento centrale per le libertà civili del ministero dell'Interno MARIO MORCONE, il procuratore nazionale antimafia FRANCO ROBERTI, il Presidente della VI Commissionedel Consiglio Superiore della Magistratura, PIERGIORGIO MOROSINI,  l'ammiraglio della Marina militare italiana FILIPPO MARIA FOFFI, il segretario generale di Magistratura democratica ANNA CANEPA, l'avvocato generale, capo dell'Ufficio della Cooperazione della Procura Generale egiziana KAMEL SAMIR KAMEL, oltre a rappresentanti delle associazioni e degli enti impegnati nell'accoglienza ai migranti (Comunità di Sant'Egidio, Centro Astalli, Caritas, Croce Rossa, Medici Senza Frontiere, Emergency, Comunità Islamica Siciliana).


In allegato il programma dei lavori

(19 febbraio 2015)

19 febbraio 2015
Ultimi articoli
In ricordo.

In quella voragine è finita anche una parte dello Stato

di Stefano Musolino
La voragine di Capaci ci sollecita a non perdere mai il senso dello Stato e a non restare intrappolati tra tentazioni carrieristiche, timori reverenziali, atteggiamenti burocratici ed individualismi esasperati
Turchia.

Lettere dai magistrati turchi

Il 23 maggio è la giornata di sensibilizzazione per l'indipendenza della giustizia in Europa. Pubblichiamo la traduzione in dodici lingue delle Letters from the Turkish Judiciary edite in e-book da Medel, impressionante testimonianza dell'incredibile accelerazione della caduta dello Stato di diritto in Turchia
Polonia.

WeDisagree. La voce dei giuristi polacchi

Il video raccoglie le voci dei giuristi polacchi, che esprimono la loro opposizione a quello che sta succedendo il Polonia: “la nostra comune casa democratica viene smantellata da coloro che sono al potere, pezzo dopo pezzo, in violazione della nostra Costituzione e dello stato di diritto”
Sulla proposta di riforma.

Separazione delle carriere: a rischio l’indipendenza del Pubblico ministero

La riforma è contraria ai principi affermati in ambito europeo che incoraggiano l'autonomia del pubblico ministero come presupposto dell'indipendenza di tutto il potere giudiziario, per una giustizia equa, imparziale ed efficiente
Polonia.

Nuova procedura di infrazione per le riforme sulla giustizia

di Mariarosaria Guglielmi
Dichiarazione di Medel sulla procedura d’infrazione della Commissione Europea contro la Polonia per il nuovo sistema disciplinare dei magistrati, contrario al principio di indipendenza della magistratura
Liberazione.

Il senso dell’unità antifascista e costituzionale del 25 aprile

La giornata della memoria antinazista e antifascista assume quest’anno un significato più forte, come risposta a quanti in Italia e in Europa predicano teorie contrarie alla nostra Costituzione e rivendicano scelte di negazione dei diritti