Seminario di Area

L'immigrazione che verrà


















Gli eventi accaduti negli ultimi giorni nel Canale di Sicilia confermano la necessità di riflettere sull'adeguatezza dell'operazione TRITON a rispondere alla grave emergenza umanitaria in atto e a garantire un'efficace azione di contrasto alle organizzazioni criminalitransazionali che lucrano sul bisogno di migrare di intere moltitudini umane, mettendone in pericolo la vita.

La situazione in LIBIA, le violenze sui migranti da parte di uomini armati, la minaccia alle forze di soccorso da parte di organizzazioniche potrebbero avere anche matrice terroristica pongono nuove epreoccupanti sfide. Il Seminario "L’IMMIGRAZIONE CHE VERRÀ. DAL RESPINGIMENTO A MARE NOSTRUM. DALL'ITALIA ALL'EUROPA", che si svolgerà a CATANIA il 20 e 21 febbraio 2015, organizzato da MAGISTRATURA DEMOCRATICA e MOVIMENTO PER LA GIUSTIZIA-ART.3, che nell'ambito della magistratura associata compongono il gruppo "AREA", affronterà questi temi, a partire dall'esperienza di MARE NOSTRUM e coinvolgendo tutticoloro che hanno concretamente operato nella repressione deitrafficanti, nel salvataggio di vite umane e nell'accoglienza di decinedi miglia di migranti.La sede del seminario è paradigmatica delle difficoltà che affrontano oggi le zone più esposte del Paese.

Nell'ultimo anno e mezzo, infatti,il comprensorio della Sicilia sud-orientale ha dovuto improvvisamenteaffrontare un flusso di immigrazione imprevedibile, perché in passato riversatosi (e in dimensione minore) sulla Sicilia occidentale e sulla Calabria. Il fenomeno ha comportato una radicale modificazionedell'approccio operativo nelle indagini e nuove problematiche giuridiche nei relativi procedimenti penali.

Lo scopo del seminario è quello di valorizzare lo sforzo compiuto nel corso degli ultimi tempi nel soccorso in mare, nella repressione delle organizzazioni dedite al traffico di migranti e nella prima accoglienza,ma allo stesso tempo di valutare tale fenomeno in un'ottica più ampia,e di metterne in luce le criticità e la crescente difficoltà per i territori più esposti a sostenere la gestione di flussi massicci e ad assicurare al contempo il rispetto della dignità umana dei migranti.

Tutto ciò nell'auspicio di potere pervenire a proposte migliorative del sistema, che permettano di bilanciare l'esigenza di "governare" il fenomeno migratorio con quella di assicurare condizioni di viaggio e diaccoglienza per i migranti dignitose e sicure.

Al seminario parteciperanno importanti attori istituzionali, come il ministro dell'InternoANGELINO ALFANO, il Sottosegretario di Stato - Autorità delegata per la sicurezza della Repubblica MARCO MINNITI, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, SANDRO GOZI,  il deputato KHALID CHAOUKI, la parlamentare europea MICHELA GIUFFRIDA, il funzionario della Commissione Europea, specializzato nelle politiche di asilo,GIULIO DI BLASI, il capo Dipartimento centrale per le libertà civili del ministero dell'Interno MARIO MORCONE, il procuratore nazionale antimafia FRANCO ROBERTI, il Presidente della VI Commissionedel Consiglio Superiore della Magistratura, PIERGIORGIO MOROSINI,  l'ammiraglio della Marina militare italiana FILIPPO MARIA FOFFI, il segretario generale di Magistratura democratica ANNA CANEPA, l'avvocato generale, capo dell'Ufficio della Cooperazione della Procura Generale egiziana KAMEL SAMIR KAMEL, oltre a rappresentanti delle associazioni e degli enti impegnati nell'accoglienza ai migranti (Comunità di Sant'Egidio, Centro Astalli, Caritas, Croce Rossa, Medici Senza Frontiere, Emergency, Comunità Islamica Siciliana).


In allegato il programma dei lavori

(19 febbraio 2015)

19 febbraio 2015
Ultimi articoli
Diritto di asilo

Il diritto di difesa non è uguale per tutti

di Silvia Albano* e Riccardo De Vito**
La previsione dell’audizione del richiedente asilo senza l’assistenza del suo avvocato difensore non solo lede gravemente il diritto di difesa della parte, tutelato dall’art 24 della Costituzione, ma rischia anche di rendere meno efficace e rilevante la stessa audizione del richiedente
Ordinamento penitenziario

Appello al governo

Pubblichiamo il testo di un appello sottoscritto da diverse associazioni in rappresentanza dei mondi dell’università, dell’avvocatura, della magistratura e del volontariato, nonché da autorevoli giuristi e da personalità della società civile. L’appello, indirizzato al Governo, auspica l’approvazione definitiva della riforma penitenziaria, in attuazione delle delega conferita con la l. n. 103/2017. La riforma, giunta a un passo dal varo definitivo con l’approvazione dello schema di decreto legislativo, rischia ora una definitiva battuta d’arresto per via della fine della legislatura.
Rassegna

Una riforma meditata. Non una svuotacarceri

R. De Vito: «Una legge che ridà alla magistratura di sorveglianza la sua autonomia decisionale e il ruolo di garanzia sancito dall’art. 27 della Costituzione» (Il Dubbio)
Ordinamento penitenziario

Per una riforma necessaria

di Riccardo De Vito
Domani, 22 febbraio 2018, il Consiglio dei Ministri deciderà le sorti della riforma penitenziaria. Nell’auspicare la sua approvazione nella versione originale, pubblichiamo i lavori della Commissione che ha predisposto lo schema di decreto delegato approvato il 22 dicembre 2017
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.