Al centesimo catenaccio

In memoria di Massimo Pavarini

BARI - AREA, Aiga Bari e Antigone ricordano Massimo Pavarini, recentemente scomparso, con un convegno in programma il 27 novembre presso la facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli studi di Bari.

L'incontro, dal titolo "Al centesimo catenaccio. In memoria di Massimo Pavarini", si terrà alle ore 16 presso l'aula Contento, piazza Cesare Battisti 1.

Di seguito il programma degli interventi:

Saluti

Giovanni Zaccaro  -  AREA BARI

Luca Colaiacomo - AIGA BARI

introduce e modera

Luigi Pannarale (Ordinario Sociologia del Diritto - Bari)

intervengono

Riccardo De Vito - magistrato di sorveglianza Nuoro

Michele Laforgia  - avvocato

Conclude

Stefano Anastasia - Associazione Antigone

In occasione dell'evento sarà presentato il n.2/2015 di Questione Giustizia, numero monografico dedicato ai 40 anni dell'ordinamento penitenziario e liberamente scaricabile.


In allegato la locandina:

27 novembre 2015
Ultimi articoli
Minori

Prime riflessioni sul Ddl Pillon

di Giulia Marzia Locati
Dal superiore interesse del minore ad una visione adulto centrica delle relazioni familiari
Medel/Aed

Medel (Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertés)/Aed (Avocats Européens Democrates): Magistrati e Avvocati dalla parte dei valori comuni

di Mariarosaria Guglielmi
Le conclusioni comuni della conferenza internazionale L’indipendenza della Giustizia in Europa, Magistrati/Avvocati/Duo/Duel (Bruxelles, 26 maggio 2018)
Rassegna

I magistrati democratici europei: «Le costituzioni affermino il ruolo dell’avvocato»

Il Dubbio, 29 settembre 2018
Polonia

Encj: il Consiglio di Giustizia (KRS) non è un'istituzione indipendente

Le riforme della giustizia hanno prodotto una crisi sistemica dello Stato di diritto. Il KRS non è in grado di sostenere il sistema giudiziario nell’esercizio indipendente della giurisdizione
Per Pasquale Sibilia

Formidabili quegli anni

di Carlo Sorgi
Un ricordo di Pasquale Sibilia da parte di un suo uditore
Rassegna

De Vito: «Da Salvini parole quasi eversive. Il consenso popolare? Non ci riguarda»

Parla il presidente di Magistratura democratica, Riccardo De Vito (Il Dubbio)