Convegno

Art. 18, effettività dei diritti, economia:
ricostruire dopo il Jobs act

Milano PALAZZO REALE,
23 febbraio 2018
Sala delle Conferenze - Piazza Duomo, 14
Ore 14.30 - 18.30
 
Evento organizzato dall'Associazione Comma2
 
Presiede Mario Fezzi
Saluti di Alberto Piccinini

Interventi:
Andrea Di Stefano - L'economia della felicità
Enzo Martino - La reintegrazione come chiave di volta dell'effettività dei diritti
Marta Fana - Il fallimento o i veri obiettivi delle riforme del lavoro
Pier Luigi Panici - Le tutele crescenti alla prova della Corte Costituzionale
Maurizio Franzini - Il Jobs Act e il futuro del lavoro
Gad Lerner - I diritti calpestati: la storia di Concetta
Elena Poli - Il dilagare incontrollato dei contratti a termine e i mezzi possibili di contrasto
Rita Sanlorenzo - La magistratura del lavoro senza lavoro
Piergiovanni Alleva - I diritti del lavoro in un mondo che cambia
 
 
Per informazioni e/o iscrizioni scrivere a segreteria@comma2.it ovvero contattare l'associazione al numero +39 349 2855451
19 febbraio 2018
Ultimi articoli
Intervista

“Nessuno si salva da solo...”

Stefano Musolino, membro dell’Esecutivo nazionale di Md: “la Grande Chambre della Corte europea dei diritti dell'uomo ha stabilito che l’ergastolo ostativo previsto dal nostro ordinamento penitenziario è contrario al principio della dignità umana e viola l'art. 3 della Convenzione Europea sui Diritti dell'Uomo”

In memoria di Pino Airò

Magistratura Democratica lo ricorda attraverso le parole di due amici
Bulgaria

Dichiarazione di Medel sugli attacchi subiti dai giudici bulgari

Medel esprime il suo sostegno ai giudici e all’Associazione dei Giudici Bulgari per gli attacchi subiti dopo la pronuncia emessa a settembre dalla Corte di Appello di Sofia nel caso Jock Palfreeman

Dichiarazione di Medel sulle riforme del sistema giudiziario nella Repubblica di Moldavia

Immigrazione

Dichiarazione di Medel (Magistrats européens pour la démocratie et les libertés) sulle attività di soccorso in mare e il decreto sicurezza-bis

Di fronte alle scelte degli stati membri che sono in aperto conflitto con i valori sui quali l’Unione si fonda, l’Europa deve rimanere fedele alla sua storia e alla sua identità e adottare con urgenza una politica in materia di immigrazione per garantire la  tutela effettiva dei diritti di tutte le persone, che rappresenta un  limite invalicabile per  tutti i governi e i legislatori nazionali
Rassegna

«Il diritto alla vita vale meno di un ordine al governo»

«Il decreto sicurezza bis trascina il nostro Paese in un mondo capovolto rispetto al progetto costituzionale democratico dell’Italia repubblicana», dice il presidente di Magistratura democratica Riccardo De Vito.
(Il Manifesto, 7 agosto 2019)