Verità per Genova ma non per Napoli

Md Napoli: "Passo indietro per la democrazia"

Nel gennaio del 2010 alcuni funzionari e agenti di polizia venivano condannati dal Tribunale di Napoli a seguito di un complesso dibattimento (iniziato nel 2004 con alle spalle una robusta attività di indagine) sulle violenze avvenute nel marzo del 2001 alla caserma Virgilio Raniero.

In detta sentenza si riteneva sussistente il reato di sequestro di persona a carico dei funzionari e così si descriveva l’episodio : All’interno della caserma “Virgilio”  si è creata una sospensione delle garanzie costituzionali poste a presidio della libertà personale del singolo, in cui, in assenza di ogni giustificazione, gli imputati hanno consapevolmente privato della loro libertà personale, con le inaccettabili modalità operative descritte in precedenza, tutti i giovani che vi sono stati trattenuti contro la loro volontà sino a quando non si conclusero le operazioni di fotosegnalamento.. .

Quel tragico pomeriggio è stato da molti ritenuto una ‘prova generale’ di quanto sarebbe accaduto nel luglio dello stesso anno a Genova, durante il vertice del G8.

Sui fatti di Genova ora esiste una verità ufficiale, consacrata dalla Suprema Corte di Cassazione, sui fatti di Napoli non si è ancora pronunziata la Corte d’Appello territoriale a distanza di due anni e mezzo dalla decisione di primo grado, anch’essa giunta dopo molti anni dai fatti.

L’esecutivo napoletano di Magistratura Democratica sente il dovere di evidenziare che la mancanza di verità sui fatti posti in essere da chi rappresenta le istituzioni è sempre un passo indietro per la democrazia, perché incrina la fiducia dei cittadini in una giustizia uguale per tutti.   

17 luglio 2012
Ultimi articoli
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore
Indagini e stampa

Calabria «smontata» dal processo mediatico

di Emilio Sirianni
Prudenza istituzionale e rispetto delle persone coinvolte, inclusi gli indagati, impongono sobrietà e cautela nelle dichiarazioni rese dai magistrati alla stampa
Genova, 34° Congresso Anm

“La nuova sfida di fedeltà alla Costituzione”

di Mariarosaria Guglielmi
Incondizionata fedeltà alla Carta fondamentale, rinnovata consapevolezza del ruolo costituzionale della giurisdizione e piena responsabilità professionale e culturale: queste le grandi sfide democratiche, che coinvolgono il futuro dell’Europa e dello Stato di diritto, sulle quali la Magistratura è chiamata ad impegnarsi collettivamente