Sulla riforma della responsabilità civile

"Non si può tacere di fronte alle falsità"

ROMA - I magistrati italiani hanno seguito, con senso di responsabilità istituzionale, i lavori parlamentari per la riforma della responsabilità civile.

Hanno contestato le norme introdotte perché finalizzate a intimidire i giudici, indurli a decisioni poco coraggiose, più favorevoli alle parti processuali "forti" e dotate dei mezzi per agire in giudizio nei loro confronti, meno attente ai diritti per le parti processuali più deboli.

Non possono tacere, però di fronte alla falsità che la riforma sia voluta dall'Europa, visto che in molti paesi europei nemmeno esiste la responsabilità civile dei magistrati.

Non possono tacere, però di fronte alla falsità che finalmente ora anche i magistrati paghino per i loro errori, visto che i magistrati sono sempre stati assoggettati a responsabilità penale, contabile, civile e disciplinare, anche troppo veementemente esercitata nei loro confronti.

Non possono tacere, però, di fronte alle parole del Ministro che si è detto contento perché finalmente i cittadini avranno tutela, come se finora i cittadini non l'avessero avuta dai magistrati italiani.

Ci chiediamo cosa aspettino i magistrati, che ad ogni livello e con ogni responsabilità lavorano al ministero della Giustizia, a spiegare tutto ciò al ministro.


Il Comitato Esecutivo di Magistratura democratica


(25 febbraio 2015)
25 febbraio 2015
Ultimi articoli
21 marzo: Giornata della Memoria e dell’Impegno per le vittime di mafie.

Dare un senso all’impegno

di Stefano Musolino
Un giorno per rammentare il senso dell’operare e gettare nuove basi per una più efficace azione di contrasto alle mafie
Rassegna.

Ezia Maccora «Più attenzione alle parole usate nelle sentenze»

L’intervista al Corriere della Sera a cura di Fiorenza Sarzanini, 14 marzo 2019
Romania.

Crisi dello Stato di diritto in Romania

La dichiarazione di Medel (Magistrats Européens pour la Démocratie et Les Libertés) sulla crisi dello stato di diritto in Romania e sulle riforme avviate nel 2017 che mettono a rischio l’indipendenza del sistema giudiziario e l’azione di contrasto al fenomeno della corruzione
Rassegna.

Mariarosaria Guglielmi: «Difendiamo i diritti, non siamo avversari politici del Governo»

L’intervista a Il Manifesto, 5 marzo 2019
L'articolo del Presidente di Medel Filipe Marques.

Parliamo di Europa!

Il presidente Marques presenta il ciclo di conferenze di Medel del mese di marzo, la prima a Roma
27 gennaio, Giornata internazionale della Memoria .

Md, il ricordo del passato per capire il presente

Come ogni anno, da quando fu indetta dall’Assemblea Generale dell’Onu il 1° novembre del 2005, si tiene il 27 gennaio la giornata internazionale della Memoria dedicata al ricordo dell’Olocausto