Sulla riforma della responsabilità civile

"Non si può tacere di fronte alle falsità"

ROMA - I magistrati italiani hanno seguito, con senso di responsabilità istituzionale, i lavori parlamentari per la riforma della responsabilità civile.

Hanno contestato le norme introdotte perché finalizzate a intimidire i giudici, indurli a decisioni poco coraggiose, più favorevoli alle parti processuali "forti" e dotate dei mezzi per agire in giudizio nei loro confronti, meno attente ai diritti per le parti processuali più deboli.

Non possono tacere, però di fronte alla falsità che la riforma sia voluta dall'Europa, visto che in molti paesi europei nemmeno esiste la responsabilità civile dei magistrati.

Non possono tacere, però di fronte alla falsità che finalmente ora anche i magistrati paghino per i loro errori, visto che i magistrati sono sempre stati assoggettati a responsabilità penale, contabile, civile e disciplinare, anche troppo veementemente esercitata nei loro confronti.

Non possono tacere, però, di fronte alle parole del Ministro che si è detto contento perché finalmente i cittadini avranno tutela, come se finora i cittadini non l'avessero avuta dai magistrati italiani.

Ci chiediamo cosa aspettino i magistrati, che ad ogni livello e con ogni responsabilità lavorano al ministero della Giustizia, a spiegare tutto ciò al ministro.


Il Comitato Esecutivo di Magistratura democratica


(25 febbraio 2015)
25 febbraio 2015
Ultimi articoli
Consiglio superiore della magistratura

Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere

di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti
Consiglio superiore della magistratura

La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?

di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
Giornata della memoria 2018

Le leggi razziali, i magistrati, i giuristi, le riviste giuridiche

di Carlo Brusco
Ricordiamo i magistrati caduti nella guerra di liberazione o uccisi dai nazifascisti e quanti furono dispensati dal servizio ed emarginati a causa delle leggi razziali del regime fascista
Polonia

La riforma del sistema giudiziario

La risoluzione dell'assemblea dei giudici della suprema Corte polacca
L'intervento

Il senso e l'etica del mestiere del magistrato

Due recenti casi richiamano la magistratura all'etica dei comportamenti
Caldarozzi alla Dia

De Vito, presidente di Md: «Sorpreso da questa promozione»

L'intervista a Il Manifesto, 28 dicembre 2017