Sulla riforma della responsabilità civile

"Non si può tacere di fronte alle falsità"

ROMA - I magistrati italiani hanno seguito, con senso di responsabilità istituzionale, i lavori parlamentari per la riforma della responsabilità civile.

Hanno contestato le norme introdotte perché finalizzate a intimidire i giudici, indurli a decisioni poco coraggiose, più favorevoli alle parti processuali "forti" e dotate dei mezzi per agire in giudizio nei loro confronti, meno attente ai diritti per le parti processuali più deboli.

Non possono tacere, però di fronte alla falsità che la riforma sia voluta dall'Europa, visto che in molti paesi europei nemmeno esiste la responsabilità civile dei magistrati.

Non possono tacere, però di fronte alla falsità che finalmente ora anche i magistrati paghino per i loro errori, visto che i magistrati sono sempre stati assoggettati a responsabilità penale, contabile, civile e disciplinare, anche troppo veementemente esercitata nei loro confronti.

Non possono tacere, però, di fronte alle parole del Ministro che si è detto contento perché finalmente i cittadini avranno tutela, come se finora i cittadini non l'avessero avuta dai magistrati italiani.

Ci chiediamo cosa aspettino i magistrati, che ad ogni livello e con ogni responsabilità lavorano al ministero della Giustizia, a spiegare tutto ciò al ministro.


Il Comitato Esecutivo di Magistratura democratica


(25 febbraio 2015)
25 febbraio 2015
Ultimi articoli
Nave Diciotti

Riccardo De Vito: «Ministro dell’Interno distante dai principi della Costituzione»

Per il presidente di Md, ancora una volta la vicenda dei migranti strumentalizzata per fini politici
Giustizia

Md: il ministro prenda distanze da dichiarazioni sottosegretario Morrone

Associazionismo dei magistrati e cultura giurisdizione siano sempre baluardo dei diritti fondamentali
Elezioni Csm

Sanlorenzo: «L’attacco del ministro ai magistrati va oltre ogni diritto di critica»

Intervista a Rita Sanlorenzo, candidata di Area contro Piercamillo Davigo alle elezioni del Csm. Un esponente delle istituzioni trasforma una questione privata come capo-partito in una questione istituzionale. Il Csm intervenga con una pratica a tutela dei colleghi (Il Manifesto)
Elezioni Csm

Giangiacomo: «Basta carrierismo: i magistrati devono fare un salto culturale…»

Parla Bruno Giangiacomo, presidente del Tribunale di Vasto e candidato per i giudici di merito per Area, alle elezioni per il rinnovo del Csm (Il Dubbio)
Elezioni Csm

Zaccaro: «La politica non ha le idee chiare. Il Csm sia protagonista»

Il candidato di Area: il Consiglio è il presidio della nostra autonomia, non riguarda solo le correnti. Va restituito ai magistrati (Il Manifesto)
Elezioni Csm

Rita Sanlorenzo: «C’è un rischio populismo anche tra i magistrati»

Parla Rita Sanlorenzo, sostituto procuratore generale presso la Corte di Cassazione e candidata per AreaDG alle prossime elezioni per il rinnovo del Csm (Il Dubbio)