Solidarietà e vicinanza a Ilda Boccassini

Per le reiterate e gravissime minacce

ROMA - Magistratura Democratica esprime solidarietà e vicinanza ad Ilda Boccassini, oggetto di reiterate e gravissime minacce.

La costante delegittimazione della giurisdizione ha sicuramente contribuito a concentrare su una collega, che ha sempre svolto il suo dovere, dapprima un’impropria campagna mediatica e ora preoccupanti messaggi minatori, che ne minacciano la stessa incolumità fisica.

Non abbiamo alcun dubbio che Ilda Boccassini continuerà a svolgere la funzione giurisdizionale con immutata serenità.

Tuttavia, nello stesso giorno in cui a Bruxelles i magistrati europei lanciano un'allerta sull'indipendenza della giustizia in Europa, l'auspicio è che anche in Italia si ricrei un clima scevro di violenza verbale, prosciugando così gli argomenti dell'odio e del pregiudizio.


L'esecutivo di Magistratura democratica


23 maggio 2013

23 maggio 2013
Ultimi articoli
Polonia

Encj: il Consiglio di Giustizia (KRS) non è un'istituzione indipendente

Le riforme della giustizia hanno prodotto una crisi sistemica dello Stato di diritto. Il KRS non è in grado di sostenere il sistema giudiziario nell’esercizio indipendente della giurisdizione
Per Pasquale Sibilia

Formidabili quegli anni

di Carlo Sorgi
Un ricordo di Pasquale Sibilia da parte di un suo uditore
Rassegna

De Vito: «Da Salvini parole quasi eversive. Il consenso popolare? Non ci riguarda»

Parla il presidente di Magistratura democratica, Riccardo De Vito (Il Dubbio)
Rassegna

Osservatorio giustizia

Conversazione con Mariarosaria Guglielmi, segretaria di Magistratura democratica (Radio Radicale)
Per Graziana Calcagno

In ricordo di una giudice minorile

di Camillo Losana
Preparata e colta, protagonista di quella cultura che rovesciava l’ottica “segregazionista” e “difensivistica” della cosiddetta ri-educazione e correzione dei minori per affermare i loro diritti, riassumibili nel diritto alla educazione
Carceri

La controriforma gialloverde delle carceri

di Riccardo De Vito
Domina la cifra giustizialista della maggioranza. Eliminate le norme sulle misure alternative al carcere e per l'integrazione dei detenuti stranieri (Il Manifesto)