Riforma circoscrizioni

Tornano voci di rinvio

Inaccettabili percorsi ritardati

ROMA - La buona amministrazione è fatta di lungimiranza, di coerenza e di pazienza quotidiana.

Dopo lustri caratterizzati da lamentale sulla cattiva distribuzione delle risorse, da critiche alla politica che non decideva, da proposte e da pareri, la magistratura vede ormai a un passo la tanto sollecitata chiusura delle sezioni distaccate e di una trentina di sedi giudiziarie. Il percorso è avviato, con programmazione della nuova logistica, riassegnazione dei fascicoli, progetti di mobilità, avvio delle procedure per la sistemazione dei servizi.

Eppure, sono bastati un cambio di governo e qualche fatto accidentale (chiamiamoli così) perché tornino insistenti voci di un rinvio o, addirittura, di un ripensamento.

Le sole voci bastano a creare problemi, incertezze, risollevarsi dei malumori. Il percorso, già difficile, rischia di rallentare e in alcuni casi di incepparsi.

Perché la chiusura e l'accorpamento di uffici non è cosa semplice, e volendo si è sempre in condizioni di dire che non ci sono (ancora) le condizioni.

Questa politica e queste logiche sono il contrario della buona amministrazione, che non può tollerare decisioni non attuate, percorsi ritardati, piccole furbizie e grandi alibi che fanno pagare alla collettività un prezzo non più tollerabile.

Il Comitato esecutivo di Magistratura democratica

21 maggio 2013

21 maggio 2013
Ultimi articoli
Minori stranieri non accompagnati

I giudici scendono in campo: «Sono ragazzi da tutelare»

Intervista a Carlo Sorgi, segretario di Md per l’Emilia-Romagna (La Repubblica-Bologna, 14 dicembre 2018)
70° anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani

Turchia, l’appello in difesa dei diritti e dello Stato di diritto *

Per la Platform for an Independent Judiciary in Turkey, arresti, detenzioni arbitrarie e il diniego di un processo equo da parte di corti indipendenti e imparziali sono un fatto costante
Rassegna

Nel nome dell’interesse dello Stato si fa a pezzi il principio di non colpevolezza

Intervista a Riccardo De Vito, presidente di Md (Il Manifesto, 7 novembre 2018)
Intervento

Il ruolo della magistratura nella difesa delle garanzie

di Mariarosaria Guglielmi
Il garantismo: esigenza della giurisdizione, fondamento della sua indipendenza
Minori

Prime riflessioni sul Ddl Pillon

di Giulia Marzia Locati
Dal superiore interesse del minore ad una visione adulto centrica delle relazioni familiari
Medel/Aed

Medel (Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertés)/Aed (Avocats Européens Democrates): Magistrati e Avvocati dalla parte dei valori comuni

di Mariarosaria Guglielmi
Le conclusioni comuni della conferenza internazionale L’indipendenza della Giustizia in Europa, Magistrati/Avvocati/Duo/Duel (Bruxelles, 26 maggio 2018)